ordinanza del prefetto di genova

IL PREFETTO DELLA PROVINCIA DI GENOVA

Premesso :

  • che nei giorni 20, 21 e 22 luglio la citta' di Genova ospitera' il Vertice G8, cui parteciperanno i Capi di Stato o di Governo dei Paesi maggiormente industrializzati ;
  • che e' esigenza prioritaria garantire le indispensabili misure capaci di contemperare le esigenze dei cittadini, laloro tutela e gli elevati standard di garanzia a favore dei partecipanti all’incontro internazionale ;

RITENUTA l’insopprimibile necessita' di modificare, in via eccezionale e temporanea, le ordinarie condizioni di agibilita' delle zone interessate ;

EFFETTUATA un’attenta valutazione tecnica dei luoghi ed una prudente ponderazione delle informative acquisite in ordine a prevedibili disordini e turbative dell’ordine pubblico ;

RAVVISATA la necessita' di individuare fasce differenziate per le quali adottare specifiche prescirzioni, dal momento che vi insistono edifici come il Palazzo Ducale, il Palazzo del Governo, il Teatro carlo Felice, i Magazzini del Cotone, la Stazione Marittima e l’area portuale, interessati all’evento ;

RAVISATA altresi' la necessita' di definire un’ulteriore zona contigua di rispetto caratterizzata anch’essa dall’imposizione di determinate prescrizioni ;

CONSIDERATO che sussistono le condizioni di grave necessita' pubblica per adottare un provvedimento straordinario indispensabile alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, il cui contenuto e' stato sottoposto al parere del Comitato Provinciale e del Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica ;

RITENUTO infine di dover emanare il presente provvedimento in sufficiente anticipo rispetto alla data stabilita, al fine di consentire alle Autorita' Competenti la tempestiva predisposizione dei conseguenti atti esecutivi che, a loro volta, avranno influenza anche sulle situazioni contrattualmente definite da parte degli operatori turistici, vettori ed agenzie del settore ;

VISTO l’art. 2 del testo unico delle leggi di Pubblica Sicurezza approvato con R.D. 18 giugno 1931, n. 773,

DISPONE

A) all’interno dell’area (denominata “zona rossa”), delimitata nel suo perimetro nell’unito allegato e che nello specifico sara' dettagliata con appositi provvedimenti dal Questore e, limitatamente all’area portuale, del Comandante della Capitaneria di Porto, a decorrere dalle ore 7.00 del giorno 18 luglio 2001 e sino alle ore 20.00 della domenica 22 luglio 2001 ;

  1. il divieto di accesso pedonale - ad esclusione di coloro i quali nella zona siano residenti o dimoranti di fatto, debbano svolgervi attivita' lavorativa (ad eccezione dei cantieri edili), debbano assicurarvi servizi inderogabili di pubblica utilita' o debbano assolvervi doveri di assistenza . Le persone comprese nelle predette categorie saranno munite di apposita autorizzazione rilasciata dall’Autorita' di P.S. e consegnata a cura del Comando Polizia Municipale. Saranno valutate in via eccezionale dalla stessa Autorita' di P.S. eventuali ulteriori gravi e comprovate esigenze di accesso che daranno luogo al rilascio di apposita autorizzazione a tempo determinato ;
  2. il divieto di accesso e di sosta veicolare esteso :
  • a tutti i mezzi privati - sono esentate dal divieto talune categorie che saranno preventivamente munite di apposita autorizzazione, quali i portatori di handicap, i medici in visita, i fornitori di servizi di emergenza e comunque non differibili e di prodotti farmaceutici. I distributori di giornali e i fornitori di beni di consumo saranno autorizzati all’accesso esclusivamente nella fascia oraria tra le 5.00 e le ore 7.30.

  • ai mezzi di pubblico trasporto - fatto salvo il servizio bus-navetta che verra' concordato con l’Azienda Mobilita' e Trasporti.

  1. il divieto di rilascio di nuove autorizzazioni di occupazione del suolo pubblico fatte salve le esigenze per interventi urgenti ai fini della tutela della pubblica incolumita'.

  2. il divieto di pubbliche manifestazioni di qualunque genere, compresa l’attivita' di volantinaggio.

  3. la sospensione dell’attivita' di pubblica affissione ;

  4. la sospensione di tutte le attivita' di vigilanza privata ad eccezione del servizio trasporto e scorta valori che sara' disciplinato con provvedimento del Questore ;

  5. all’interno della zona Expo' - Porto Antico - Magazzini del Cotone (come individuata con provvedimento dell’Autorita' di Polizia), atteso che il centro stampa ibi ubicato sara' gia' in funzione dal giorno 18 per i servizi collegati al precedente Vertice dei Minstri degli Affari Esteri dei giorni 18 e 19 luglio, a decorrere dalle ore 7.00 del 16 luglio sino alle ore 20.00 di domenica 22 luglio 2001 ;

  • i divieti gia' specificati alla precedente lettera A), punti 1, 2, 3, 4, 5 e 6 ;
  • la sospensione di tutte le attivita' nell’area delle riparazioni navali (calata Boccardo - calata Gadda), fatte salve le esigenze per la sicurezza degli impianti e per gli interventi di emergenza ;

Inoltre :

  • la sospensione dell’Attivita' del Mercato del Pesce di Piazza Cavour, con decorrenza dalle ore 8.00 del giovedi 19 alle ore 20.00 di domenica 22 luglio ;
  1. la sospensione dei lavori di costruzione della metropolitana sull’intero tratto nel periodo intercorrente tra le ore 20.00 del 17 maggio 2001 e le ore 20.00 del 22 luglio 2001 nonche' l’obbligo di messa in sicurezza dei relativi cantieri ;
  2. la sospensione dell’attivita' commerciale presso il Mercato Orientale di via XX Settembre ;
  3. la sospensione delle attivita' di commercio ambulante ;
  4. la chiusura al traffico dalle ore 7.00 del 19 fino alle ore 20.00 del 22 luglio su entrambe le carreggiate della strada sopraelevata “Aldo Moro” destinate ad utilizzo esclusivo delle Forze di Polizia, delle Forze Armate e dei cortei ufficiali. Gli ingressi e le uscite intermedie saranno gia' ‘interdette dalle ore 7.00 del 18 alle ore 20.00 del 22 luglio;

B) all’interno dell’area denominata “zona gialla” meglio delimitata nei suoi confini nel richiamato allegato e che sara’ anch’essa dettagliata da un provvedimento del Questore dalle ore dalle ore 7.00 del giorno 18 luglio 2001 e sino alle ore 20.00 della domenica 22 luglio 2001 ;

  1. il divieto di rilascio di nuove autorizzazioni di occupazione del suolo pubblico fatte salve le esigenze per interventi urgenti ai fini della tutela della pubblica incolumita'.
  2. il divieto di pubbliche manifestazioni di qualunque genere, compresa l’attivita' di volantinaggio.
  3. il divieto di sosta, fermata e transito dei veicoli nelle adiacenze di alcuni obiettivi o aree particolarmente sensibili che saranno successivamente individuati dall’Autorita' di Polizia ;
  4. la chiusura della Stazione Metropolitana di Principe e la sospensione delle attivita' ne ltratto Di Negro - Principe ;

C) nell’ambito del bacino portuale :

  1. il divieto di ingresso di ogni unita' navale dall’imboccatura di levante del porto dalle ore 11.00 del 18 luglio 2001 alle ore 24.00 del girono 22 luglio 2001 .
  2. il divieto di ormeggio e navigazione dalle ore 7.00 del 16 luglio 2001 fino alle ore 24.00 del 22 luglio 2001, in tutto il bacino acqueo antistante la fascia litoranea interdetta (bacino Porto Vecchio - bacino delle Grazie) nonche' nell’area delle Riparazioni Navali ad eccezione dei mezzi nautici adibiti ai servizi portuali.
  3. la sospenzione dalle ore 11.00 del 18 luglio fino alle ore 24.00 del 22 luglio 2001 delle attivita' portuali che si svolgono nel bacino di Sampierdarena che potrebbero avere negativi riflessi sulla piena fruibilita' della viabilita' interna portuale che rappresenta una risorsa logistica irrinunciabile nella realizzazione di percorsi viari alternativi ;
  4. l’interdizione alla navigazione in tutto lo specchio acqueo che delimita le piste dell’aeroporto Cristoforo Colombo ed il confine occidentale dello scalo aereo (verso Sestri Ponente). Saranno valutate in via eccezionale dall’Autorita' di Polozia e dall’Autorita' Marittima eventuali esigenze di navigazione.

D) nell’ambito dell’area dell’aeroporto Cristoforo Colombo, che rappresenta al pari della “zona rossa” un’area ad alto rischio e che sara' anch’essa delimitata con apposito provvedimento dell’Autorita' di P.S. dovranno essere adottate le misure limitative di cui alla lettera A) punti 1, 2, 3, 4, 5 e 6 dalle ore 7.00 del giorno 19 luglio 2001 alle ore 20.00 del 22 luglio 2001 . Nello stesso periodo lo scalo sara' chiuso al traffico aereo civile, commerciale e privato. L’Ente Nazionale di Assistenza al Volo disporra' con proprio provvedimento il divieto di sorvolo degli spazi aerei sovrastanti le aree interessate all’evento.

Con successivi provvedimenti verranno impartite le necessarie disposizioni con riguardo al traffico ferroviario e autostradale.

Le Autorita' e gli Enti interessati, ciascuno per la parte di competenza sono incaricati dell’esecuzione del presente provvedimento e dell’adozione degli atti conseguenti

Genova, li'2 giugno 2001 IL PREFETTO (Di Giovine)

La zona rossa comprende anche piazza Corvetto, abbraccia completamente il porto vecchio sino a ponte Caracciolo inglobando il terminal traghetti.

La zona gialla e' delimitata a nord dalla circonvallazione a Monteche rimarra' l’unica arteria di collegamento tra ponente e levante. Il confine est parte da via canevari lungo il Bisagno e prosegue attraverso il sottopasaggio ferroviario della satazioen Brignole lungo viale Brigata Bisagno e Viale Brigate Partigiane. A ovest il confine parte dalla Lanterna e attraverso cia Albertazzi, via Milano, piazza di Negro, via Fassolo (comrepsa stazione Principe) si collega alal Circonvallazione a Monte lungo salita della Provvidenza. A sud la zona gialla si estende sino a corso Aurelio Saffi


vegarchist 2001-07-03T02:10:06+00:00

do you have a english translation?


c.arlo@galactica.it 2001-07-03T05:44:46+00:00

we’re workin on it! be patient ;) carloz


alfredo 2001-07-06T13:35:38+00:00

non ti incazzare(!)


fredd 2001-07-09T19:37:47+00:00

The city is secured.. This is a violation of human rights for genova’s cityzens and of legal and democratic rights for all of us.

Plese report as soon as it is possible alternative means to get in/out from genova in the specified days, expecially alternative roads & trekking maps.

These kind of politic will bring more trubles than expected. Protesters must come in “combat” asset, with their own feets, camping gear, rations, water… this will just bring more caos. It is really very stupid and dangerous.

fredd


MATTE 2001-07-15T09:37:04+00:00

A MORTE IL PREFETTO DI GENOVA!!!!!!!


Umberto Sartory 2001-07-14T05:33:34+00:00

Un atto di polizia repressiva, per molti versi lesivo dei diritti del cittadino, che trova la sua giustificazione nella necessita' di difendere l’ordine pubblico da minacciati gravi disordini, del resto gia' verificatisi in occasione di precedenti eventi analoghi. Una ulteriore dimostrazione dell’alleanza di fatto tra forze repressive di destra militare e sedicenti movimenti popolari, che si dimostrano nei fatti risultato dell’opera di agenti provocatori su menti deboli e adolescenziali. Essere oggi contro la globalizzazione significa per la “sinistra” rinnegare gli ideali internazionalisti e per la “destra” riaffermare la propria natura reazionaria e antiprogressista.


Paola Magni 2001-07-15T09:40:04+00:00

(it) E' proprio cosi' che nascono gli scontri violenti. Grazie, ‘forze dell’ordine’, per assicurarci che a Genova ci sara' sangue, che a Genova ci saranno feriti, che a Genova ci saranno molte, molte lacrime… Ma soprattutto, grazie per un’ordinanza cosi' ovviamente esagerata, brutalmente ottusa e di parte. Grazie per dichiarare GUERRA, cosi' apertamente, contro quel movimento pacifista che dal mondo intero cerca di fare sentire la sua preghiera, le sue suppliche. Scritte nei volantini proibiti, scolpiti su manifesti che non potranno venire affissi, soffocati dietro a finte linee… voci che si udiranno solo dietro alle sbarre, sicche' e' questo il benvenuto che Genova ha deciso di offrire a quei pochi cittadini del mondo che ancora credono alla pace. Che ci credono davvero, che un mondo giusto ed equo sia possibile, da scomodarsi per lottare per ottenerla.

E gia' che non siamo abbastanza. Perche' dovremmo stare zitti?

E voi, dove sarete?

(en) This is precisely how violent outbreaks start out. Thank you, ‘peace forces’, for bringing blood, wounded people, and lots and lots of tears to Genoa…. Thank you especially for an ordinance of such exagerated measures, brutal obtuseness and partiality. Thank you for declaring WAR, and declaring it so openly, to thet pacifist global movement that is trying to make its voice, its prayer and its hope heard. Its voice will be speaking from forbidden flyers,its prayer printed on unhung billboards, and its hopes will die suffocated behind fake barriers that turned the city into a mined camp… The voices of struggle and of hope will only be heard behind bars, because this is the warm welcome that Genoa decided to offer those very few world citizens who still believe in a world of fairness and equality. And who believe in it enough to get up and fight in order to obtain it.

Right, there’s not enough of us. Where will you be?


Maria 2001-07-15T09:53:48+00:00

… infatti, non sapendo bene l’inglese, ho cliccato su “add rating” al commento “A morte il Prefetto di Genova”, pensando che ci fosse un seguito a questa frase delirante (e cos� ho approvato quanto di pi� lontano � dalle mie idee…). Ma naturalmente seguito non c’�, pi� di cos� cosa vuoi dire, Matte, giusto? Non vi rendete conto, tu e tutti quelli che la pensano come te, che non c’� via di uscita se la vedete in questo modo, se vi ponete in questo modo? Dobbiamo piangere ancora una volta dei morti? E non sto pensando al Prefetto… Non possiamo andare a Genova manifestando pacificamente, sommergendo Genova, sicuramente collassandola (e mi dispiace per i genovesi), NONOSTANTE le ordinanze e quant’altro dei prefetti? Non ci rendiamo conto che SIAMO UGUALI A LORO se la pensiamo cos�, se contrapponiamo violenza alla loro violenza?


tami 2001-07-16T16:57:03+00:00

Questa ordinanza � la prova chiarissima che i “grandi” (loro si definiscono cos�) del mondo hanno paura! Paura che sempre + gente apra gli occhi, smetta di credere alle loro favole ed inizi a pensare autonomamente… Pu� esistere un mondo migliore!!