Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
EuroParadiso, l'Unione europea chiede chiarimenti
by inimitable Wednesday, Nov. 29, 2006 at 9:22 PM mail:

martedì 28 novembre 2006

Mentre la quarta commissione regionale, lunedì 20 novembre, decideva di rinviare la delibera sulle zone di protezione speciale (Zps) alla Giunta regionale, da Roma partivano le comunicazioni agli enti locali per un incontro con i rappresentanti della Direzione generale dell’ambiente della Commissione europea. Una ‘riunione pacchetto’ (la chiamano così) “al fine di esaminare alcune questioni controverse in materia di normativa ambientale che, a parere della Commissione, sollevano problemi di compatibilità con le disposizioni comunitarie”. E tra le questioni da affrontare con i commissari di Bruxelles, c’è anche la vicenda del mega villaggio EuroParadiso, come si legge nella lettera inviata l’11 ottobre scorso dalla Commissione delle comunità europee all’ambasciatore Rocco Cangelosi, rappresentante permanente d’Italia presso l’Unione europea, per invitarlo ad organizzare l’incontro con le autorità italiane. Nella missiva, l’Unione europea ringrazia l’ambasciatore “per le misure che il Governo italiano ha adottato al fine di migliorare il seguito delle procedure di reclamo e di infrazione, attraverso la creazione ed il rafforzamento di strutture dedicate presso i ministeri dell’Ambiente, degli Esteri e delle Politiche europee”, ma rileva al contempo “che i tempi di risposta delle autorità italiane alle richieste di informazioni della Commissione rimangono in alcuni casi insoddisfacenti; in particolare, rispetto a cinque nuove procedure di reclamo portate all’attenzione delle autorità italiane”. Si tratta dei primi cinque punti all’ordine del giorno della riunione di ‘pacchetto’ che avrà luogo a breve e che precedono la discussione su EuroParadiso.
Al centro dell’attenzione dei commissari c’è la delibera con la quale il Consiglio comunale di Crotone ha avviato lo scorso anno l’iter per la variante al Piano regolatore generale, necessaria per trasformare oltre mille ettari di terreno alla foce del Neto da agricoli in edificabili, al fine di consentire la realizzazione del mega villaggio. La Commissione ricorda che la maggior parte di EuroParadiso ricade “nell’area del Sic IT9320095 ‘Foce Neto’, designato come Sic il 19 luglio 2006, ma già Sic proposto dal 3 aprile 2000, nonché nella Zps IT9320302 ‘Marchesato - Fiume Neto’, già Iba n. 149. Il sito - si legge ancora all’ordine del giorno - comprende una elevata varietà di habitat, tra cui due habitat prioritari, faggete appenniniche e formazioni substeppiche di graminacee e piante annuali di thero-brachypodietea. E’ inoltre luogo di transito e nidificazione di numerosissime specie di uccelli acquatici e marini, nonché sito riproduttivo delle specie di rettili caretta caretta (prioritara), emys orbicularis e testudo hermanni, tutte menzionate negli allegati II e IV della direttiva 92/43/CEE”.
All’attenzione dei commissari c’è anche il decreto con il quale il Dipartimento urbanistica ed ambiente della Regione Calabria ha approvato alla fine del 2002 il nuovo Prg di Crotone, omettendo “di richiedere - segnalava a suo tempo Legambiente - lo studio per la valutazione di incidenza al Comune di Crotone”, nonostante l’esistenza di cinque proposti siti di interesse comunitario (pSic) sul territorio.
La riunione “pacchetto” è stata organizzata dal Dipartimento per le politiche comunitarie della Presidenza del Consiglio dei ministri, d’intesa con il ministero Affari esteri e con il ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, come richiesto dalla Commissione europea. “I casi all’ordine del giorno - scrive la Presidenza del Consiglio dei ministri nella lettera di convocazione inviata agli enti locali - riguardano sia contestazioni in corso per le quali è stata inviata dalla Commissione europea una richiesta formale di informazioni, sia nuovi casi segnalati dalla predetta autorità con la nota dell’11 ottobre 2006”. EuroParadiso rientra in quest’ultima categoria.
Le ‘riunioni pacchetto’ con gli stati membri vengono promosse periodicamente dalla Direzione generale per l’ambiente dell’Unione europea, per discutere direttamente con le amministrazioni competenti i reclami e le procedure di infrazione per non comunicazione, non conformità ed errata applicazione del diritto comunitario in materia di ambiente.


versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9