Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
LA VERITA' SU GIULIANI NON E' MAI MORTA
by Child of the Light Wednesday, Nov. 29, 2006 at 7:29 PM mail:

N.B.- Mi scuso se mi ripeto anche qui ( ho solo corretto gli errori di battitura rispetto al commento pressoché identico e tolto il P.S. ), ma la faccenda è troppo importante !!!!!!!!! Un vero momento di svolta. Ha ragione la madre di Giuliani, Placanica va messo sotto scorta. Casini dimostra d'essere un irresponsabile se nega la necessità d'intervento dello Stato, per fortuna è all'opposizione. Un'opposizione così va a fare manifestazioni? Che si vergognino, cialtroni! Se Prodi non interviene in qualche modo, tuttavia, dimostra d'avere la coda di paglia anche lui. Lo faccia con equilibrio, pacatezza, ma si dia da fare. Altrimenti si sarà costretti a pensare che è come Clinton. Finora ha dimostrato d'essere un uomo serio, ma in questo caso deve fare almeno qualche passo. Capisco che è assai pericoloso per lui, la destra strumentalizzerà il caso come un tentativo di destabilizzare la nazione o frignacce del genere. Prodi però non può far cadere la cosa nel dimenticatoio, anche a costo di subire attentati in Libano a danno delle nostre truppe... Vada coi piedi di piombo, ma si muova.


Cari amici, quello che io avevo sempre sostenuto alla fine è venuto fuori. E' chiaro che Placanica ha parlato solo dopo aver riflettuto sull'attentato di cui è stato oggetto. Per paura evidentemente che la verità se ne andasse via con lui. Così invece potrà stare un po' più tranquillo, a meno di ritorsioni. Speriamo di no!
Dov'è quel vanesio di Franti? Che si faccia avanti adesso lo sbruffone coi suoi argomento pseudo-tecnici! A parte il fatto che io non ho mai creduto nella buonafede delle sue argomentazioni.
Sull'11 settembre tanti insulti, poi alla fine è venuta fuori la verità. Esattamente come l'avevo sostenuta io fin dapprincipio, ossia è stata confermata la tesi delle implosioni programmate. E quanto stupidaggini ho dovuto sentire in tutto il tempo che è seguito a quell'evento. Poi la tesi di Giuliani. Ricorderò di avere scritto fondamentalmente tre articoli al riguardo: LETTERA APERTA AI NO-GLOBAL SUL CASO GIULIANI ( 27-07-02, 5 comm. ),ANCORA SUI MISTERI DI PIAZZA ALIMONDA ( 2-01-03, 6 comm. ), CARLO GIULIANI, DON VITALIANO E LA MISERICORDIa ( 27-07-03, 12 Comm. ), CHI VERAMENTE HA UCCISO GIULIANI? (31-07-03, 105 comm. ). Quest'ultimo è stato il mio art. più commentato da sempre fra tutti i 256 che ho scritto qui sul sito con vari nick.
Perché mai un giovane carabiniere, che non apparteneva neanche all'Arma, avrebbe dovuto fare ciò di cui lo si accusava? Ho sempre sostenuto l'innocenza di Placanica e sono lieto che finalmente abbia parlato. L'unico rimprovero: doveva farlo prima! Anche se capisco che le pressioni fatte sicuramente su di lui debbono averlo molto intimorito.
Circa il mio costrutto di allora ricordo che non mi sono spacciato per quello che non ero. Non ho mai detto di essere un no-global presente a Genova. Ho anche affermato di avere idee del tutto opposte a quelle del povero Giuliani. Ma in compenso non ho mancato mai di dire che quell'orribile delitto, che non riguardava i no-global esclusivamente ma l'intera nazione ( anzi persino di più ), costituiva il primo atto della finta Guerra al Terrore. Una guerra che cominciava a quel modo per tacitare ogni forma di contestazione su quello che stava per accadere. Vi ricordate quando si disse che ci sarebbe stato un autunno caldo? E noi ( altri ed io ), facemmo persino dell'ironia sul fatto che la Nato avrebbe fatto in modo da renderlo tale? Bene, quello era il segno che l'11 Settembre era in progetto. Come la vicenda di Marc Bastien può provare, ma c'è qualcuno che sa chi è codesto ambasciatore canadese e perché lo cito? Il progetto era insomma: l'inizio della Terza Guerra Mondiale.
Un inizio rimandato fin dagli Anni Sessanta, da quando Kennedy si rifiutò di far suonare le trombe contro Cuba ( erano in programma attentati locali in varie città statunitensi per comprovare lo stato d'allerta )e per questo fu ordito contro di lui il tragico complotto di Dallas, col doppio attentato ( Oswald a far da paravento e altri dalla collinetta erbosa a compiere quello vero ).
A Genova c'era bisogno d'un morto, non si poteva aspettare che succedesse per caso. Così fu organizzata tutta la faccenda dei 'Black Bloc', con le vetrine sfasciate e la possibilità da parte di speciali truppe d'intervenire nella Diaz. Cose spaventose. Non è escluso che vi siano stati altri morti dei quali non abbiamo saputo nulla. In particolare ricordo che uno dei presenti testimoniava d'una ragazza caduta in seguito forse ad una carica da parte d'una camionetta e lasciata in condizioni molto brutte.
La mia impressione dall'esterno, dato che ho sempre fatto presente di non essere mai stato un no-global, fu allora che le forze dell'ordine fossero state "drogate" con slogan ed altro. Apprendo ora da Indy il racconto di Placanica, cioè dello spavento degli agenti nel sentire che sangue infetto avrebbe potuto esser gettato loro addosso e di atti terroristici possibili. Dunque capisco come quegli uomini spaventati siano poi stati aizzati dai loro superiori ( evidentemente già alleratati prima ) contro i manifestanti, con la scusa dei B.B. Era evidente che dietro c'era un disegno non ben compreso dal singolo agente, che si limitava a fare quanto gli chiedevano. Brutture come quelle di Bolzaneto ed altre forse precedenti o a seguire non potevano che far parte di un disegno prestabilito. Ora Placanica con le sue affermazioni viene a svelare la verità.
Ma chi ha sparato? Nemmeno Placanica lo sa. Dunque 'Le Monde', cui mi ero ispirato, aveva visto giusto. Il falso giornalista con pettorina gialla fu lui a sparare? Se sì, era di certo un tiratore scelto. ( La tattica usata contro i bisonti dai visi pallidi... ) Un momento, non sto dicendo che era straniero! Non lo so, come si può sapere chi fosse? E' già difficile credere che uno così vestito abbia emesso un colpo. FigurateVi a saperne il nome! Si può solo immaginare chi fosse, questo non è difficile da diagnosticare. I particolari dell'attentato ( avete un altro nome con cui designare l'evento? ), però, dovremmo domandarli a quel giornalista italo-francese che ebbe modo di assistere alla drammatica vicenda . Non ricordo bene, ma l'ho menzionato in uno o più dei miei articoli sopra citati. Mi pare fosse un certo Abile, se non vado errato.
A questo punto Giuliani sarà fatto "eroe nazionale", ucciso da ignoti come le vittime di Ustica o le altre della Strage della Stazione di Bologna? In proposito veder l'art. ultimo del mio blog. Oppure si dirà che il secondo proiettile magico della storia contemporanea in realtà era partito da chissadove. E, dopo aver vagato per tutta Genova, aveva spaccato la testa al poveretto, costringendo peraltro i poliziotti a colpire con pietre la testa al malcapitato per occultare la prova che il proiettile veniva da chissadove. Oppure si troverà che la colpa dell'accaduto era tutta di quel superiore ora deceduto e si archivierà il caso?
Di baggianate ne abbiamo sentite tante sulla Diaz e su tutta la triste faccenda di Genova, ben presto messa nel dimenticatoio. Speriamo non si ripetano. Ora si faccia avanti chi di dovere, un delitto di stato non è più una faccenda no-global!

( Da parte mia non ho mai pensato, per la verità, che fosse tale. Evidentemente anche questa volta ho avutto ragione. )

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono N_UMVISIBLE commenti visibili (su 1) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
Le mie fonti Child Wednesday, Nov. 29, 2006 at 8:36 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9