Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Guerra all'IRAN
by belzebù Wednesday, Nov. 29, 2006 at 7:17 PM mail:

i preparativi per la guerra all'iran proseguono con il pieno coinvolgimento dei Kurdi

Come Proggrammato gia' nel 1991 : la politica del dividi et Impera si aplica su scala planetaria : dal cossovo all'Afganistan (che e' ritornato ad essere un paese spezzatino) passando per l'irak (nord, centro e sud)
cosi da preparare uno stato fantoccio Kurdo e filo USA
CHE COMPRENDA iul nord dell'Irak e il nord dell'Iran + gran parte dell'iran Occidentale
Il sud Dell'Iran farà stato aperte con il sud IRAK (stato degli sciiti)e cosi via..
nel frattempo pero' si preparano le basi per l'aggressione


Iraq - Sulemanya - 28.11.2006
Verso la frontiera iraniana
Alle porte di Sulemanya, in Kurdistan, gli Usa costruiscono basi. Di fronte all'Iran


dal nostro inviato
Vauro

E’ uno degli ultimi agglomerati di casupole ad un piano a ridosso della periferia di Suleimanya. E’ sorto sotto la strada che porta fuori della città. Dall’alto i teli di plastica che fungono da tetto alle baracche brillano alla luce del mattino.

Verso l'Iran. Bambini giocano in uno slargo fangoso tra i mucchi di immondizia. Uno si diverte a tirare sassi con la fionda ad una mucca nera che bruca sterpi secchi accanto ad un rotolo arrugginito di filo spinato, il vento lo ha addobbato facendovi impigliare sacchetti di plastica e stracci. Da lì la strada prosegue in piano per scendere in una gola bagnata da torrenti e ruscelli e poi risalire verso le montagne di roccia che chiudono l’orizzonte. Si entra in un paesaggio bellissimo fatto di rocce venate di azzurro, mosso da clivi e promontori illuminati dal verde tenero dell’erba e ombreggiati da macchie di alberi. Rari villaggi rurali, piccoli gruppi di case di fango secco e pietre, quasi sempre vuote, abbandonate perché gli abitanti sono andati ad infoltire l’anello di baracche che circonda Suleimanya. Bisogna lasciare la striscia di asfalto e prendere un accidentato sentiero sterrato e pietroso per coprire i circa quindici chilometri che ci separano dalla linea di confine con l’Iran. Un casotto, due tende da campo, tre o quattro soldati armati che accennano un saluto senza fermarci e tornano alla loro noia. Poco oltre alcune case di fango, un villaggio di frontiera. Di villaggi abitati ne sono rimasti solo quattro in questa area, una decina di case ciascuno. Di improvviso un rumore forte di motori sovrasta quello del vento: ruspe, camion, schiacciasassi al lavoro. E’ in costruzione un’ampia strada che taglia la valle e va dritta verso la frontiera. “La stanno facendo costruire gli americani per aiutare noi dei villaggi” ci dice, con un sorriso sdentato, una donna anziana che è sopraggiunta tenendo per mano una bambina.
Una superstrada per quattro villaggi di case di fango dove non arriva nemmeno l’elettricità?

Mettere radici. “Questa strada percorrerà tutta la linea di confine con l’Iran – ci informa il capocantiere curdo – servirà a collegare le cinquantacinque basi militari americane che verranno costruite lungo la frontiera. Una, poco distante da qui, è già stata ultimata alla fine dell’estate scorsa. I lavori sono finanziati da società americane ed eseguiti da ditte curde”. Il ragazzo che, accucciato accanto ad un mucchietto di brace alimentata da un grosso ciocco di legno secco, sta preparando il tè per gli operai, ci indica dei cumuli di pietre tra la rada boscaglia circostante “ Segnalano il pericolo delle mine, qui, tutto intorno, il terreno ne è pieno. E’ stato ripulito solo il percorso della strada in costruzione. Meglio non fare nemmeno un passo oltre il ciglio”. Più avanti, in basso, seminascosta tra gli alberi, si intravede di lontano la nuova base militare Usa. E’ una specie di castelletto circondato da mura e da quattro torri agli angoli. A meno di un chilometro in linea d’aria, su un promontorio, si scorgono le strutture di un avamposto iraniano. Già si fronteggiano. Non si può andare oltre, avvicinarsi di più alla base non è consentito. Dalla boscaglia scende dritto verso la sterrata il greto secco di un torrente pluviale: ciottoli, rami, terriccio portati dall’acqua. Ha lo stesso colore grigiastro della pietra alla quale è rimasta accostata, la base sprofondata nella terra smossa, l’acqua ha trascinato insieme ai detriti una mina antiuomo. Si è fermata a meno di tre metri dalla strada. Quasi invisibile, la scorgiamo per puro caso. E’ una mina Valmara, di produzione italiana, un cilindro di plastica delle dimensioni di un barattolo di conserva. Un ordigno micidiale, la plastica non è rilevabile da metal detector ed è quindi difficile individuarla. Spesso quattro o cinque di questi cilindretti sono collegati tra loro da un sottile cavo di acciaio, così se se ne calpesta uno gli altri esplodono quasi simultaneamente, scagliando le loro schegge per centinaia di metri tutto attorno. Tre ragazzini, due cavalcano un mulo, il più piccolo un asinello “Andiamo a raccogliere legna secca per il fuoco” “E le mine? – gli diciamo – ce n’è una proprio lì, non avete paura delle mine?” “Nostro padre ci ha insegnato i luoghi sicuri e quelli no, dove andiamo noi non c’è rischio” “Ma si spostano trascinate dall’acqua piovana” insistiamo “Non possono arrivare oltre quel torrente là sotto, lì si fermano e noi andiamo sull’altro lato dove non ce ne sono”. Pare proprio che i ragazzini vogliano tranquillizzare noi. Ci salutano con un sorriso e scendono giù per il ciglio, verso il torrente che scorre in basso. Quest’area non è densamente abitata eppure, negli ultimi anni, le mine qui hanno ucciso più di quaranta persone. Benjoin, a valle, è il centro abitato più grande: case, negozi, la moschea. Qui le mine sono segnalate. Triangoli di ferro montati su un’asta piantata nel terreno. Sui triangoli è disegnato un teschio, mezzo cancellato dalla ruggine. Ce n’è una foresta che circonda la cittadina e vi si infiltra anche dentro, là dove c’è qualche spazio sterrato tra le case. Un vecchio assedio che continua dal tempo della guerra Iraq-Iran. Quello nuovo è già in costruzione.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9