Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Noi, i precari esclusi dal ministero del lavoro
by dal manifesto Wednesday, Nov. 29, 2006 at 7:01 PM mail:

«Noi, i precari esclusi dal ministero del lavoro». Damiano ha stabilizzato 18 operatori, ma restano fuori 16 cocoprò storici messi alla porta da Maroni.

E' vero: il ministro del lavoro Cesare Damiano ha stabilizzato 18 operatori del call center del suo stesso ministero, eredità precaria (erano cocoprò) della passata gestione Maroni. Oggi sono un vero «vanto», ed è anche giusto: il lavoro precario va prima di tutto debellato nel grande pancione pubblico, per poi essere efficaci nel privato. E' pure vero che i 18 in questione non sono affatto diventati ministeriali, assunti all'interno, ma restano esternalizzati, in appalto presso la Gepin, società controllata dal gruppo Poste, con un contratto part time dei metalmeccanici. Ultimo dato: gli ex cocoprò oggi a tempo indeterminato non hanno una collocazione precisa, essendo il loro ruolo «spacchettato» tra i due ministeri (del lavoro e della solidarietà sociale, guidato da Paolo Ferrero) figli del vecchio dicastero del welfare. Così rispondono per conto di entrambi, a seconda dei numeri verdi attivati. E fin qui tutto bene.
Ma c'è un ma. Ci sono altri 16 operatori, alcuni precari al ministero da 10 anni, che sono rimasti fuori dalla stabilizzazione, e oggi non sanno dove sbattere la testa. Il fatto è che per loro, in campagna elettorale, quando era al governo ancora il centrodestra e il ministro era Roberto Maroni, la sinistra si è spesa in interrogazioni parlamentari e i sindacati ne hanno fatto una bandiera, ma oggi su questi ex telefonisti «fantasma» è calato il silenzio. Come dire, «non fanno notizia». Per capire meglio, tracciamo la storia del telefono ministeriale.
Il centro consulenze telefoniche del ministero è nato nel 1995, allora come «Drogatel», per fornire informazioni sulla lotta alle tossicodipendenze: i lavoratori avevano contratti cococò con l'Istituto superiore di sanità. Nel 1998 l'appalto è passato all'istituto Medicina sociale, mentre nel 1999 è entrato un privato, la Ericsson. Oltre ai cococò sono stati attivati anche contratti in partita Iva, con una flessibilità massima: gli operatori hanno sempre lavorato su 3 o 4 giornate, ma a piacere dei coordinatori interni (dipendenti del ministero) i turni potevano essere prolungati su giornate aggiuntive, con preavviso di poche ore. Precari à la carte. Nel frattempo, vale la pena specificarlo, gli operatori hanno cominciato a dare risposte sulle normative per l'immigrazione, la legge 30, i congedi parentali e i bonus bebé, diventando 34 grazie a nuove assunzioni (sempre precarie). Tutti laureati e specializzati: educatori, legali, psicologi.
«Abbiamo attraversato governi di sinistra e di destra - spiega Monica Valli, oggi disoccupata - ma la costante era il destino da precari. Nessuno parlava di assunzioni, e il massimo dell'incertezza lo abbiamo raggiunto a fine 2005, quando l'appalto è passato dalla Ericsson alla Gepin». La Gepin, il 6 dicembre 2005, rassicura gli operatori, in scadenza a fine dicembre: prenderemo tutti. Ma il 23 dicembre, come racconta l'interrogazione presentata il 23 febbraio 2006 da Giorgio Pasetto (Margherita), vengono contattati solo 14 consulenti, mentre a tutti gli esclusi (20), dopo oltre 10 anni di lavoro non viene neppure dato l'onore di un benservito. Dovranno dedurre da soli che il ministero del lavoro non darà più lavoro. I 14 «beneficiati» dalla Gepin vengono messi a lavorare presso una sorta di sottoscala del Laurentino, pagati 600 euro al mese come cocoprò. Sarà poi Damiano a farli assumere stabilmente, riportandoli in sede (altri 4 dei 20 esclusi, infine, sono stati assorbiti di recente).
Ma i restanti 16? «La cosa più grave - spiega Giuseppe Palumbo, Fp Cgil - è che ancora oggi hanno ruoli di dirigenza nel ministero quei componenti della direzione che non hanno previsto, nel cambio di appalto, una clausola per il mantenimento di tutti i 34 posti. Il nuovo governo ne ha trovati 18 al lavoro, e quelli ha stabilizzato. Ma certo, ne restano altri 16, che hanno 10 anni di precariato alle spalle e che dovrebbero essere ricollocati. Il problema lo abbiamo già posto. Speriamo che i ministri Damiano e Ferrero intervengano presto».




versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9