Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
PER UN BLOCCO ANTIFASCISTA con la Raf il 3dic.a Ravenna
by Raf ravenna Wednesday, Nov. 29, 2006 at 6:48 PM mail: rafravenna@interfree.it

Solidarietà ai compagni di Spartaco Sviluppare la Rete Antifascista, RAF ovunque! Nessuno spazio ai fascisti! Chiudere i covi di Forza Nuova!

Comunicato della Rete Antifascista di Ravenna Per un blocco antifascista con la Raf il 3 dicembre a Ravenna...


Questo appello è rivolto ai sinceri antifascisti che se non vogliono lasciare il corteo in mano a chi pensa di dare vita ad una vuota street parade, vuota di significato e inadeguata come risposta alla situazione, è necessario che scenda in piazza per dare consistenza alle ragioni dell'antifascismo militante. Diamo identità antifascista al corteo formando un blocco antifascista necessario come risposta all'attentato a Spartaco e come risposta a tutti i fatti accaduti recentemente da Faenza a Cesena, da Ravenna a Imola e contro il rialzare la testa delle carogne fasciste.

BASTA CON LA VIOLENZA FASCISTA!
CON LA RAF (RETE ANTIFASCISTA) IN PIAZZA A RAVENNA
DOMENICA 3 DICEMBRE

Esprimiamo la nostra più sincera solidarietà ai compagni e alle compagne di Spartaco e condanniamo l'attentato fascista al Centro Sociale.
Chi continua a minimizzare, a considerarlo come atto di vandalismo, l’indifferenza e la cautela nel chiamare questo attentato col suo vero nome, cioè di matrice fascista, indebolisce la mobilitazione di massa contro qualsiasi rigurgito fascista, indifferenza che a Ravenna ha permesso l’agibilità dei neonazifacisti di Forza Nuova allo stadio fino all’ infame manifestazione ai giardini Speyer dove si sono permessi di paragonare gli immigrati a delle bestie. Come non vedere il filo nero che unisce tutta una serie di attacchi, intimidazioni, aggressioni di stampo fascista avvenuti a Ravenna, Imola, Faenza, Cesena a Camere del Lavoro, centri sociali, luoghi di aggregazioni di immigrati, stadio... oltre gli episodi di squadrismo in tutta Italia e l’uccisione a Roma, quest’estate, di Renato.
L’attentato al CS Spartaco di Ravenna dimostra che questi topi di fogna hanno alzato il tiro.
Per noi, pur non condividendo la politica dello Spartaco che è un centro giovanile del Comune, non certo antagonista alle scelte della coalizione politica e dei poteri economici che governano la città, questo attentato è diretto contro tutte le lotte che vogliono cambiare lo stato di cose presenti e quindi ci riguarda direttamente. Le “fini” menti fasciste pensiamo non siano in grado di fare distinzioni nel colpire un simbolo che quelle lotte può evocare.
Nei giorni scorsi sono ricomparse svastiche e celtiche in via De Gasperi, celtiche allo stadio dove continua indisturbata l'attività di propaganda fascista e xenofoba dei Viking, collusa con i neonazifascisti di Forza Nuova che ne organizzano direttamente le fila..
Le scuole e gli istituti superiori sono diventati terreno di propaganda dei gruppi fascisti purtroppo senza trovare la necessaria mobilitazione degli studenti.
L’odio xenofobo e fascista non nasce a caso ma si alimenta nella politica nazionale e nel sostegno di alcuni settori della società ravennate, come, per esempio, i commercianti, che vorrebbero un po’ d’ordine e pulizia di fronte alle loro vetrine e trovano nei servi fascisti, come sempre, i loro migliori cani da guardia.
Così come la stampa locale con in prima fila il quotidiano “La Voce” e le forze politiche della città coprono questo crescente fenomeno. Le dichiarazioni di Ancisi che criminalizzando i frequentatori dello stesso Spartaco, usa le stesse parole di FN e si riconferma lo stesso personaggio che, (dopo la campagna contro i volantini “blasfemi”), da voce agli interessi degli ambienti clericali reazionari ravennati che vogliono che lo Spartaco venga chiuso. Anche Sama, della Giovane Italia, che si leva a "difensore" della costituzione oggi, ma che nei mesi scorsi ha organizzato un convegno a Ravenna sul capo delle Brigate Nere torturatore di partigiani, Ettore Muti, e propone di intitolare una strada a questo assassino fascista.
Il continuo attacco revisionista alla Resistenza e ai suoi gloriosi partigiani che viene dalle forze di destra, così come da quelle di centro sinistra , da tempo ha spianato la strada al riemergere di formazioni neonazifasciste e contribuisce al dilagare del concetto ( espresso bene dall'ex sindaco Mercatali, oggi in parlamento) che " i morti sono tutti uguali" ( e quindi chi ha lottato per una società di liberi ed uguali messo sullo stesso piano dei terroristi neri).
Sono poi gli stessi, politici, mass media, istituzioni scolastiche, che sostengono un becero nazionalismo chiamando "eroi" i mercenari di Nassirya, spacciando per “valori” i servizi di questi al terrorismo imperialista;è la repressione dello stato, che dà la caccia all’immigrato con veri e propri rastrellamenti, che porta ad identificare l’immigrato come terrorista. Nessuno di costoro ha niente da dire,invece, o balbettano, quando tanti giovani operai anche immigrati muoiono come in guerra sul lavoro per i profitti dei padroni italiani!
Per questo è necessario rafforzare ed estendere la Rete Antifascista nelle scuole, sui posti di lavoro, nei quartieri e non lasciare il campo libero al cancro fascista e xenofobo in particolare tra i giovani.
Per dare forza alle ragioni dell’antifascismo non riduciamo il corteo ad una street parade, unisciti allo spezzone antifascista della RAF alla manifestazione di domenica 3 dicembre, che partirà alle ore 15 dalla stazione di Ravenna.

Solidarietà ai compagni di Spartaco
Sviluppare la Rete Antifascista, RAF ovunque!
Nessuno spazio ai fascisti!
Chiudere i covi di Forza Nuova!


Raf Ravenna
rafravenna@interfree.it
3339680871

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9