Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

CD GE2001 - un'idea di Supporto Legale per raccogliere fondi sufficienti a finanziare la Segreteria Legale del Genoa Legal Forum


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Strategia del manganello - Nicola Tranfaglia
by unita' Wednesday, Nov. 29, 2006 at 6:37 PM mail:

Strategia del manganello - Nicola Tranfaglia




dall’Unita
Nicola Tranfaglia
Quello che succede in Italia e in particolare a Roma e in altre città, piccole e grandi, della penisola dovrebbe stimolare alla riflessione entrambe le coalizioni che si contendono da più di dieci anni il governo del Paese. Mi riferisco, naturalmente, al centrodestra e al centrosinistra. Assistiamo da alcune settimane una strategia nuova della destra che adotta nello stesso tempo metodi parlamentari, sia pure con frequenti sbavature, in Parlamento. Qui contrasta in modo costante la legge finanziaria rallentando il dibattito e di fatto costringendo il governo Prodi a chiedere la fiducia per arrivare in tempo all´approvazione delle due Camere. Contemporaneamente giovani attivisti dei vari movimenti di estrema destra come Fiamma Tricolore, Forza Nuova e altri ancora, mai condannati da Alleanza Nazionale, da Forza Italia o dalla Lega Nord, attaccano con la violenza i giovani che sono su altre posizioni e in generale a sinistra.
Ritorna così la doppia strategia del movimento fascista già adottata agli inizi dopo la prima guerra mondiale. Certo le differenze tra quello che sta accadendo ora e quello che avvenne nel primo dopoguerra sono numerose e innegabili. In quegli anni il movimento fascista aveva due anime e una guida unica che si riassumeva nella leadeship di Benito Mussolini. Invece oggi ci sono partiti e movimenti in apparenza ostili tra loro ed è difficile individuare un leader capace di metterli insieme e di condurli alla vittoria.
Ma l´aspetto inquietante di oggi è costituito dal fatto che si può andare in maniera sostanzialmente impunita nei licei, picchiare i giovani che non sono d´accordo e trovarsi di fronte a un´opinione pubblica a livello di televisioni e di giornali che, salvo eccezione, restano silenziosi o indifferenti a una simile strategia che, per realizzarsi, ha bisogno di indubbie complicità in istituzioni dello Stato e sostanziale condivisione da parte di forze che sono in Parlamento e sono appena usciti da una lunga esperienza di governo.
Non dovrebbe esser consentito, in uno Stato democratico, mescolare violenza e legalità, parlare di operazioni come quella annunciata da Pino Rauti, leader di Fiamma Tricolore oggi, di Ordine Nuovo negli anni Settanta, che annuncia la volontà di ricostruire sugli Appennini le grandi scritte celebrative di Benito Mussolini, non applicare le leggi tuttora vigenti sul divieto di esaltazione del fascismo, celebrare in molte altre maniere leggende che risalgono al peggior repertorio del regime fascista e che esprimono, accanto all´anticomunismo più arretrato,un rifiuto della modernità e della democrazia.
Di chi è la responsabilità di un clima che si trova in molte scuole della penisola? Sicuramente dell´ignoranza storica e in particolare della storia del Novecento che, dopo gli anni in cui al ministero della Pubblica Istruzione c´era Luigi Berlinguer e Tullio De Mauro, è ritornata ad essere una cenerentola con Letizia Moratti e i suoi numerosi seguaci. Ma, dobbiamo pur dirlo, anche con la debolezza dell´attuale centrosinistra che, con alcuni suoi ministri, sembra quasi vergognarsi delle pagine straordinarie scritte dagli antifascisti in tutto il secolo scorso e viceversa celebra, anche in giornali e altri mezzi di comunicazione di grande rilievo, gli epigoni del movimento fascista e da qualche anno anche della repubblica sociale italiana.
Chi pensava che la fine della guerra fredda avrebbe restituito agli italiani la libertà di non farsi guidare dall´anticomunismo conservatore, e a volte reazionario, e di giudicare in maniera critica quel che succede anche nei Paesi democratici dell´Occidente ha dovuto ricredersi di fronte alla vittoria piena del populismo di Silvio Berlusconi nel nostro Paese, alla debolezza della sinistra in tutto il continente europeo, alla difficoltà che mi sembra ancora assai forte di deberlusconizzare le istituzioni dello Stato e degli enti locali ma ancora di più delle televisioni e dei giornali (per non parlare dei nostri servizi segreti!).
C´è, insomma, da chiedere alla coalizione di centrosinistra che è al governo ormai da sei mesi che cosa intende fare su un problema come quello degli attacchi allo Stato di diritto e alle libertà dei cittadini. L´uso della violenza soprattutto tra i giovani e nelle scuole non può essere tollerato da qualsiasi parte venga esercitato. Se poi si lega a una tradizione e a un fenomeno che ha caratterizzato non solo la prima metà del secolo ma anche successivi decenni è particolarmente pericoloso. Ed è necessario che da parte di chi si considera erede dell´opposizione al regime fascista, sia pure in forze diverse, e di chi ha lottato per il ritorno alla democrazia e alla libertà non ci siano esitazioni o incertezze. La Costituzione repubblicana, come le leggi tuttora vigenti, sono una guida sicura per difendere il diritto di ciascuno a manifestare le proprie idee a condizione che sia bandita ogni forma di violenza o di una strategia ambigua fatta di apparente rispetto della democrazia e di contemporanea azione squadristica.
Del resto è noto che una parte non piccola di Alleanza Nazionale critica apertamente l´on. Fini e si prepara a celebrare il sessantesimo del Movimento Sociale Italiano che fu all´origine, con apparati dello Stato che eufemisticamente si definivano «deviati», a generare Avanguardia Nazionale e Ordine Nuovo, vere e proprie officine del terrorismo stragistico del secondo dopoguerra. O mi sbaglio?

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono N_UMVISIBLE commenti visibili (su 1) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
Visionari del manganello vedono fascisti dappertutto Wednesday, Nov. 29, 2006 at 11:30 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9