Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
LEGATA AD UNA SEDIA DURANTE L’ORA DEL PRANZO
by i genitori della piccola S. Wednesday, Nov. 29, 2006 at 8:46 AM mail:

.....a Cagliari

Siamo i genitori della piccola S., dell’età di un anno e mezzo, che ha frequentato l’asilo nido Umberto e Margherita sito in Cagliari in Via Martini 13.
Ecco quanto è accaduto la mattina del 28-11-2006: alle ore 11,55 il padre della piccola S. si è recato come di consueto a prendere la bambina presso l’asilo nido Umberto e Margherita. Essendo arrivato prima della solita ora si è diretto nella sala dove mangiano i bambini e lì ha potuto constatare che S. era stata legata con un foulard alla seggiolina. La bambina piangeva disperatamente. Appena è stato notato dall’unica maestra presente, questa si è avvicinata alla bambina, l’ha slegata dalla sedia e l’ha accompagnata dal padre facendo presente che la bambina non aveva mangiato! Il tutto con estrema naturalezza, come se il fatto fosse del tutto normale.
Nell’immediato non è stata fatta alcuna obiezione perchè si è ritenuto opportuno tranquillizzare subito la piccola e portarla via dall’asilo.
E’ stata avvisata subito la madre dell’accaduto che ha pensato di recarsi subito all’asilo per ritirare tutto l’occorrente che era stato lasciato (per l’intero mese) per il cambio della bambina: un pacco di pannolini ed un pacco di salviette umide.
Appena arrivata ha bussato alla porta dell’asilo nido e ha aperto l’unica maestra presente che stava mettendo i bambini a dormire.
Ha subito chiesto la restituzione dell’occorrente per il cambio della bambina facendo presente che non avrebbe più portato la figlia in un posto dove usavano legare i bambini. La maestra risponde che doveva aspettare perché era da sola nella stanza e così torna accompagnata da altre due signore (una di queste si è presentata come la Direttrice del posto).
Ha nuovamente chiesto la restituzione delle cose della bambina senza che le venissero restituite.
Nel frattempo la maestra cercava di spiegare quanto accaduto dando varie giustificazioni per tranquillizzare la mamma: all’inizio le è sfuggito che S. era legata perché “….i bambini devono imparare a stare seduti a tavola” subito dopo accorgendosi che quella frase aveva sconvolto di più la madre ha cambiato versione giustificando la contenzione della bambina con il fatto che in quell’asilo non c’erano i seggioloni e così usavano dei foulard per legare i bambini alle sedie. Faccio presente, a questo punto, che la bambina è in grado di star seduta in una sedia per adulti e non ha bisogno del seggiolone! La maestra, in evidente difficoltà, cambia nuovamente la sua versione dicendo che in realtà la bambina era caduta dalla sedia sul suo piede e quindi per evitare, nuovamente, che ricadesse sul suo povero piede ha provveduto a legarla alla sedia.
Crediamo che a questo punto, non sia necessario descrivere lo stato d’animo di una madre nell’udire tutte quelle scuse assurde: sapere che la propria figlia è stata legata ad una sedia, non importa per quanto tempo, fa sorgere mille dubbi.
Che tutto succede e può succedere quando i genitori escono dall’asilo dove hanno lasciato i loro figli, pensando di affidarli a persone con una coscienza?
E quando il bambino o la bambina sono talmente piccoli da non poter esprimere un’eventuale violenza subita, come nel caso della piccola S.?
Quante altre volte la piccola è stata legata senza che noi genitori ci accorgessimo di niente perché arrivavamo all’orario concordato?
Ogni genitore leggendo quanto è accaduto saprà che decisione prendere per suo figlio o sua figlia.
Pensiamo che nessun bambino e nessuna bambina, di qualsiasi età, debbano subire violenza, fisica o psichica che sia, da parte di nessun individuo.
Pensiamo che la libertà di ogni bambino e bambina debba essere la cosa più importante per un padre ed una madre.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9