Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Operai della Zanon Argentina continuano ad andare avanti
by operaio metalmeccanico Sunday, Nov. 05, 2006 at 1:38 PM mail:

Un altro passo avanti per gli operai della zanon

Autogestione in Argentina: gli operai della Zanon - 4-11-06


La fabbrica Zanon, emblema dell'autogestione operaia argentina, ha ottenuto pochi giorni fa una storica vittoria giudiziaria, che le permetterà di continuare in tranquillità per tre anni la propria attività produttiva e il progetto di opere pubbliche che da anni sta portando avanti sull'intero territorio nazionale.

Dopo la crisi economica del 2001 la vicenda delle fabbriche argentine occupate e rimesse in moto dagli operai aveva fatto il giro del mondo. L'avevano raccontata Avi Lewis e Naomi Klein in “The Take”, così come molti altri documentaristi e giornalisti, sudamericani e non. L'avevano appoggiata e continuano a farlo le Madri di Plaza de Mayo e diverse associazioni per i diritti umani. L'avevano seguita migliaia di persone anche in Italia. Quello dell'autogestione, seppur non fosse un fenomeno nuovo nel sub continente americano, aveva trovato nell'Argentina distrutta dal collasso finanziario una diffusione senza precedenti, arrivando a coinvolgere circa 200 fabbriche e imprese e migliaia di lavoratori.

Adesso, a quasi cinque anni dall'inizio del fenomeno in Argentina, alcune esperienze di autogestione si sono concluse a causa di problemi finanziari o di gestione, altre hanno trovato una stabilità grazie ad accordi con gli antichi proprietari o con le varie amministrazioni provinciali. E, come spesso succede, in parte a causa del tempo, in parte a causa della distanza, l'attenzione sul fenomeno cala e ci si dimentica di chi continua a lottare.

La fabbrica di ceramiche Zanon di Neuquén, capitale dell'omonima provincia patagonica, fondata negli anni della dittatura dall'industriale veneto Luigi Zanon, è una realtà simbolo delle fabbriche autogestite argentine. Vittima di una politica volta al risparmio sui costi di gestione e sulle spese per la sicurezza dei lavoratori e caratterizzata dagli sperperi e dall'accumulo costante di debiti, la fabbrica è stata chiusa per crisi finanziaria nell'ottobre del 2001. La maggior parte degli operai rimasti senza lavoro, organizzati attorno ad un sindacato combattivo, hanno però subito capito che la storia della Zanon non poteva finire così. Decisero quindi di occuparla e rimetterla in marcia, tra numerosi problemi di organizzazione e continue minacce di sgombero. Presto gli operai ceramisti hanno trasformato la propria lotta per il recupero di una fonte di lavoro e dignità perduta in una battaglia dell'intero popolo di Neuquén, provincia ricca di petrolio e risorse ma il cui governo si è dimostrato a più riprese colpevolmente cieco di fronte alle necessità delle fasce più bisognose della popolazione. Sono diventati voce e guida di quel popolo che ogni giorno ha difficoltà a trovare di che sfamarsi, che rischia di dormire in case fatte di legno e cartone e di non potersi curare per la mancanza di strutture sanitarie.

Fin da subito la gestione operaia ha eliminato le vecchie gerarchie e ha dato una svolta alla forma organizzativa e alla conduzione dell'impresa. Al suo interno tutte le decisioni, che siano di natura politica o produttiva, sono prese in assemblea, non esistono capi settore che guadagnano più degli altri operai, ma solo coordinatori con funzioni organizzative, e gli stipendi, salvo che per qualche ridotto premio di anzianità, sono per tutti uguali. In cinque anni la fabbrica ha creato più di 210 posti di lavoro, ha costruito un centro di primo soccorso in uno dei quartieri più umili della città che sempre si è dimostrato vicino alla lotta, ha donato materiale ceramico a realtà bisognose, tra cui la provincia alluvionata di Santa Fe, ha costruito case per la popolazione locale, ha organizzato numerosi concerti all'interno degli stabilimenti e dato vita a innumerevoli progetti culturali. Ma ha dovuto ogni giorno lottare, col rischio continuo di sgomberi, chiesti a gran voce dall'ex proprietario, ordinati dal governo provinciale, ed evitati grazie al fondamentale aiuto della comunità locale. Inoltre, gli operai e i loro familiari hanno dovuto sopportare negli anni anche violente aggressioni e numerose minacce di morte.

L'anno scorso era giunta una buona notizia. La giustizia argentina aveva riconosciuto ai ceramisti, costituitisi nella cooperativa Fa.Sin.Pat (Fábrica Sin Patrones, ossia Fabbrica Senza Padroni), la possibilità di continuare la propria attività almeno per un anno sena rischio di essere sgomberati. Ma alla fine di ottobre di quest'anno sarebbero dovuti tornare davanti ai giudici. Questi, dal canto loro, avrebbero dovuto decidere se far cessare l'attività di produzione e rivendere macchinari e stabilimenti per estinguere gli ingenti debiti lasciati dagli antichi proprietari, oppure concedere una proroga alla gestione operaia. E così è stato. Il 20 ottobre scorso, il Tribunale Commerciale di Buenos Aires ha riconosciuto lo sviluppo e la crescita della gestione operaia, la correttezza dei bilanci e dei pagamenti, al contrario di quello che avveniva durante la torbida e irregolare condotta padronale degli anni passati, l'impeccabile conduzione dell'attività produttiva e industriale da parte dei più di 450 ceramisti, e ha concesso una proroga di tre anni all'attività autogestita.

Ma gli operai della Zanon sono gente che non si accontenta. Dopo ogni nuova conquista sono già pronti al passo successivo. E la prossima lotta sarà finalizzata a portare all'interno del Parlamento provinciale di Neuquén la discussione di una proposta di legge da loro stessi scritta, e appoggiata da migliaia di firme nazionali e internazionali, per l'espropriazione e la nazionalizzazione della fabbrica, da mantenere comunque sotto controllo operaio, e per un congiunto piano di opere pubbliche a favore della comunità. Se negli ultimi mesi la voce dell'intera classe operaia argentina si era in qualche maniera affievolita, di certo quella degli operai della Zanon non ha mai smesso di urlare.

http://www.obrerosdezanon.org


versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9