Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
CRONACA DELLA BATTAGLIA A OAXACA
by Renza Friday, Nov. 03, 2006 at 3:44 AM mail:

"Non ce l'hanno fatta!", gridano centinaia di membri del magistero e dell'APPO che battono sui pali, come segnale di trionfo. "Non ce l'hanno fatta, dovevano andare al bagno!", dice un uomo col fazzoletto inzuppato di aceto e coca cola.

Cronaca: le ore nella Città Universitaria, la sua disputa
Alejandro Suverza / Inviato
El Universal - Oaxaca, Oaxaca - Giovedì 2 novembre 2006

15:06 - Oaxaca sa di lacrimogeni

Membri dell'Assemblea Popolare dei Popoli di Oaxaca (APPO) stanno in mezzo ai gas.

A 100 metri dall'Università Autonomo Benito Juárez c'è lo scontro, è lì dove si vedono blindati, scudi e caschi.

Nei 160 giorni, questo è lo scontro più diretto ed aperto delle forze pubbliche contro l'APPO.

I giovani che appoggiano all'APPO riscattano i cilindri di gas e li ributtano indietro.

Migliaia di elementi della PFP sono di fronte a centinaia di appisti che resistono tirando pietre.

Ci sono auto incendiate.

Oaxaca piange

Nei giorni passati, un ufficiale aveva detto che non sarebbero entrati, che avrebbero rispettato l'autonomia.

Razzi, tre elicotteri. L'ultimo bastione dell'APPO nell'università sta per essere sgomberato.

Niente è sufficiente contro le forze pubbliche federali.

Oggi è il giorno quattro dopo che la PFP è entrata e si è ripresa Oaxaca.

Il punto dei Cinco señores è quello dove lo scontro è più forte da quando le forze sono entrate a Oaxaca.

Contengono, lanciano lacrimogeni con l'obiettivo di prendere la Città Universitaria.

Gli elicotteri sorvolano bassi, lanciano lacrimogeni.

Migliaia di abitanti, di membri dell'APPO, col volto coperto da fazzoletti, in maglietta, resistono, ributtano indietro i lacrimogeni, lo scontro a terra ed in aria dura da più di tre ore.

Lanciano getti di coca cola, di aceto.

Radio Universidad continua ancora a trasmettere, chiede rinforzi.

I tre elicotteri lanciano fino a tre bombe lacrimogene contemporaneamente.

Membri dell'Assemblea Popolare dei Paesi di Oaxaca (APPO) distribuiscono aceto, latte e coca cola tra i loro compagni che si trovano sulle barricate.

Questo è il giorno in cui Oaxaca soffre, respira ed osserva la repressione delle forze federali.

Radio Universidad invita tutti a scendere in strade, a portare petardi: "È la lotta per l'ultimo bastione, l'università", dicono.

Il lacrimogeno piove, tre elicotteri bombardano la piazzetta Cinco siñores, a poco più di 200 metri dall'università. La popolazione resiste... Oaxaca è irrespirabile.

Donne ed uomini con secchi d'acqua corrono da un posto all'altro, mentre il suono delle eliche è il preludio della fine dell'operativo, per recuperare la città universitaria.

Gli elicotteri sorvolano a circa 200 metri. Periferico e La Noria sono lo scenario.

"Zapata vive!", migliaia di abitanti lo gridano, quando riprendono la piazzetta dei Cinco Señores. L'elicottero aspetta che tutta la massa si riunisca infiammata allo slogan.

Poi, più di 20 lacrimogeni cadono, sono lanciati proprio lì.

Dopo lo scontro, è confermato che un membro dell'APPO è morto per l'impatto di un lacrimogeno.

Gli elicotteri stanno sopra. È una lotta, uno scontro dall'alto verso il basso.

L'Università non è stata ancora presa. "Non lo permetteremo", dice uno dei dirigenti dell'APPO che non vuole dare il nome.

Centinaia di persone saltano, gridano, battono sui pali.

Alle 15 e 03 l'Università non è stata presa

"Non ce l'hanno fatta!", gridano centinaia di membri del magistero e dell'APPO che battono sui pali, come segnale di trionfo.

"Non ce l'hanno fatta, dovevano andare al bagno!", dice un uomo col fazzoletto inzuppato di aceto e coca cola.

(tradotto dal Comitato Chiapas di Torino)

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9