Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Racconto detenuti di Nuoro
by bastagalere Friday, Oct. 06, 2006 at 11:30 AM mail:

Racconto detenuti di Nuoro

Ciao, questo è un racconto scritto da alcuni detenuti della sezione EIV del carcere di Badu e Carros. Racconta in forma satirica come si è svolto l'ultimo loro sciopero della fame in agosto, partito in solidarietà con un compagno di sezione pestato dalle guardie. Ad oggi le rivendicazioni e le promesse fatte dalla direzione si sono rivelate nulle.
Tenetevi informati, e solidarietà a tutti loro !!!!

ULULATI ALLA LUNA

Visto le nostre condizioni di prigionieri si premette che questo racconto satirico è un'opera di fantasia, qualsiasi analogia con fatti e persone è assolutamente casuale (sic!)

Siamo in sciopero della fame a staffetta, il direttore del carcere, bontà sua, ci concede un incontro collettivo.

Direttore: figlioli, ma perché mi fate questo? Devo andare in vacanza e voi vi mettete a reclamare, a protestare, a scrivere ai politici, ai giornali…
Carmelulk: un nostro compagno è stato picchiato, umiliato…
Direttore: ma che dite! È stato immobilizzato per paura che si facesse male da solo…Fate i bravi, mangiate, io vi voglio bene, state tranquilli ci sono io che penso per voi…
Carmelulk: "Sta carogna! Il problema è proprio lui che pretende di pensare per noi, il carcere è criminogeno proprio perché ti vuole
piegare alla sua volontà"…
Mimmoski: non ce la facciamo più a vivere con prescrizioni irragionevoli e non giustificabili…
Aldulk: non siamo mai ascoltati, siamo abbandonati a noi stessi…
Francoski: vogliamo studiare, lavorare, insomma vogliamo un carcere più umano…
Massimando: l'orrore più grande di questa prigione è l'inattività, la noia, il nulla…
Ciccioski: vogliamo che ci siano garantiti condizioni di vita più dignitose, che siano rispettate le "vostre" leggi, i regolamenti, le circolari, i principi della nostra costituzione, in uno stato di diritto i poteri sono esercitati nel rispetto delle leggi…
Direttore: non v'accavallate…parlate uno per volta…
Aldulk: "Sto infamone! Si crede Biscardi al processo del lunedì"…
Direttore: vi prometto…
Alessandroski: non prometta nulla, non faccia come Berlusconi con le sue promesse elettorali, lei è come lui, un venditore di tappeti
volanti…lei ragiona male, malissimo…
Aldulk: anzi non ragiona affatto…
Carmelulk: si autoassolve sempre e comunque imputando alla sicurezza, alla struttura e alla mancanza di soldi le carenze di questo carcere…
Aldulk: invece il problema è solo lei…
Direttore: io vi faccio del male per il vostro bene…e tu Ruffianulk non dici niente?
Ruffianulk: illustrissima signoria vostra, lei per me è come un padre ma che dico! Lei per me è come Dio…qui si sta benissimo…io qui sto meglio che a casa mia, magari tutti i direttori fossero così buoni, belli, alti, biondi come lei…
Mimmoski: "Che ruffiano…ma se è moro…"
Direttore: non esagerare…faccio solo il mio dovere, perché non prendete esempio da Ruffianulk…
Francoski: non sarò mai un ruffiano come una buona parte dei detenuti…sono troppo orgoglioso per strisciare ai piedi di nessuno.
Massimando: nessuno mi sottometterà mai alla stupidità umana…
Direttore: Comandante dica qualcosa lei…
Aldulk: "Buono questo! L'estate scorsa si è presentato al passeggio con i manganelli per avere osato chiedere un colloquio con lui e l'altro giorno ha schiaffeggiato un detenuto…"
Comandante: un uomo in carcere non conta più nulla diventa un giocattolo in mano al comandante…
Direttore: "Comandante… un po’ di diplomazia non guasta…"
Comandante: il carcere deve essere una vendetta della società sul criminale, deve tendere a fare del condannato una persona peggiore di quando è entrato…
Carmelulk: "E' veramente complessato, è più grande il berretto che porta in testa che lui ed ha sette centimetri di tacchi nelle scarpe, si crede Napoleone…ci assomiglia solo di altezza…"
Direttore: il comandante non ha tutti i torti, il carcere deve essere anche un luogo di sofferenza…
Carmelulk: va bene! Siamo "d'accordo" con lei, che il carcere deve essere anche un luogo di sofferenza, ma così com'è non è neppure questo è solo una fabbrica di stupidità che ci sta rendendo scemi e ci sta facendo incazzare…
Aldulk: si vive come topi dietro le sbarre, non chiediamo molto solo umanità e legalità perché in questo carcere non si vive in modo umano…
Carmelulk: qui, non esiste la ragione solo la prepotenza istituzionale…sono stato punito per essere promotore di uno sciopero della fame come se io potessi proibire alla gente di non mangiare… Siamo stati solidali con il nostro compagno…dottore, dovrebbe sapere che la solidarietà differenzia il modo delle persone da quello degli animali. In particolare, la solidarietà in carcere è un sentimento molto prezioso per difendersi dal mondo ostile in cui i detenuti vivono…invece il comandante è andato al primo piano a minacciare i detenuti che facevano lo sciopero della fame.
Aldulk: la solidarietà è un nutrimento per la vita, si può vivere anche senza ma in questo caso si sopravvive… ed in tutti i casi chi partecipa o attua una protesta pacifica non dovrebbe essere punito.
Alessandroski: in questo carcere le persone non possono che peggiorare perché si è circondati e sommersi da una cultura e mentalità ostile, arrogante, ingiusta…
Massimando: ci trattate come cani ciechi e scemi in un canile e ci impedite persino di abbaiare alla luna e per un cane abbaiare alla luna, al cielo e alle stelle è tutto…
Ciccoski: ci volete spengere qualsiasi tipo di ribellione e di critica, non ci volete correggere ma solo assoggettarci e farci perdere l'abitudine di farci ragionare da noi stessi…
Francoski: in questo carcere esiste un regime esclusivamente della forza e dell'ignoranza… ci volete insegnare ad ubbidire e non ad essere semplicemente noi stessi, per voi nessun detenuto dovrebbe avere una volontà propria.
Aldulk: a voi vi sono simpatici solo i detenuti come Ruffianulk…che vi danno sempre ragione e che non si lamentano mai… la verità è che sia lei che il comandante concepite il carcere di Nuoro come se fosse un vostro feudo.
Carmelulk: con la vostra arroganza, le continue provocazioni, scelte stupide e repressive, sembrate lavorare per creare le condizioni idonee all'esplosione della situazione e solo il nostro buon senso lo sta impedendo.
Mimmoski: tutte le volte che vogliamo fare qualcosa di positivo fate di tutto per boicottarci con continui rifiuti di qualsiasi progetto culturale e formativo…
Ciccioski: dottore, lei dovrebbe avere studiato che nessun popolo potrà mai essere costretto a sottomettersi ad una forma di governo che non è disposto a rispettare. Quindi tutte le angherie, vessazioni e dispetti che da lei subiamo non faranno altro che renderci più forti e determinati…
Massimando: lei ed il comandante con noi non potrete mai vincere perché non avrete mai il nostro rispetto, anzi il male gratuito che ci fate ci rende più forti perché ci fa sentire migliori di lei…
Carmelulk: direttore, lei ci disprezza e considera i detenuti inferiori, ci combatte come se fossimo dei nemici. Una volta mi ha rinfacciato che io con lei ho sempre perso tutte le battaglie ma io, a differenza sua, non ho bisogno di vincere, io ho già vinto, tutto ciò che devo fare è tenere la testa alta, non avere paura di lei e del male che mi può fare…
Direttore: ma perché mi dite queste cose… mi fate stare male, di che cosa vi lamentate…
Alessandroski: siamo abbandonati a noi stessi e stiamo chiusi in cella 21 ore su 24, nessuno si cura di noi, ci contate solo diverse volte al giorno per vedere se ci siamo tutti, nulla di più.
Ciccioski: un trattamento carcerario così ci sta rendendo scemi: niente sale per attività artigianali, niente corsi scolastici, niente palestra, niente accesso fisico alla biblioteca, niente sala lettura/computer, niente stampante… unica via d'uscita da quest'infame niente è il cortile dove si può correre ma dopo sudati non si può fare la doccia, ci si può lavare solo alla sera durante la cena…
Aldulk: topi che si sentono a casa loro, che corrono avanti ed indietro e ti assaltano mentre dormi…
Francoski: lei è un direttore invisibile, assente, mentalmente pigro, non mantiene le promesse, quello che dice oggi lo smentisce domani…
Mimmoski: abbiamo un comandante arrogante che non vede aldilà del suo grosso cappello che si mette nelle grandi occasioni, siamo in balia dell'illegalità più assoluta, siamo al di sotto il livello di civiltà e stiamo vivendo al limite della sopravvivenza…
Carmelulk: le ricordiamo che per molti di noi il nostro livello di maturità e responsabilità sta per esaurirsi dato che se dobbiamo vegetare meglio stare male lottando.
Francoski: anche lei deve rispettare le leggi ed i regolamenti…
Aldulk: vogliamo ricordarle il dettato costituzionale che assegna alla pena una funzione rieducatici e non vendicativa; vogliamo ricordarle che questo carcere è al di sotto del livello di civiltà e che viviamo al limite della sopravvivenza…
Ruffianulk: gentilissimo e misericordioso direttore avrei una cosa personale da chiederle…
Alessandroski: Ruffianulk, non siamo qui per parlare dei problemi personali ma di quelli collettivi…
Comandante: fatelo parlare… io sono convinto che un detenuto come qualsiasi altro cittadino può e deve esprimere il proprio pensiero…
Carmelulk: "Sto picchiatore nazista e fascista con Ruffianulk fa il democratico…"
Ruffianulk: grazie signor comandante, questo mese potrei avere un'altra telefonata premiale in più…
Massimando: "Ma sta carogna…se ne ha già avute due".
Direttore: ma certo, sicuro… prendete esempio da Ruffianulk che chiede le cose con umiltà e non con arroganza come fate voi…
Ciccioski: non dovrebbe essere chi governa e chi comanda ad essere umile? Bisogna sentirsi piccoli per essere grandi…
Aldulk: lei, dottore, oltre la libertà ci vuole togliere anche la dignità, la nostra personalità, persino la nostra anima, con me non ci riuscirà mai… sui nostri corpi, purtroppo, lei ha un potere assoluto ma non avrà mai nessun potere sulla mia mente.
Mimmoski: lei ci vuole eliminare, distruggere e coprirci vivi di sbarre e cemento…
Francoski: ma si rende conto come viviamo? Spazi ridotti, vita insalubre, assenza costante d'intimità, attività d'intrattenimento zero, carenza d'igiene, pessima alimentazione, insomma viviamo come animali in gabbia ed adesso ci picchiate anche…
Massimando: le ricordiamo che il detenuto con il carcere non perde i diritti sociali come lo studio, il lavoro, la salute prevista dalla nostra costituzione… ci dobbiamo comprare le medicine e per aspettare una visita specialistica bisogna aspettare anni e secoli per un dentista.
Direttore: ma siete sempre a lamentarvi, a reclamare ed a protestare…
Francoski: quando ci si sente invisibili si fa qualsiasi cosa per farsi vedere…
Carmelulk: la qualità di chi comanda fa la differenza, è ovvio che quando in un carcere c'è un buon direttore ed un buon comandante le proteste sono rare… in queste condizioni ogni forma di protesta è legittima ed useremo lo sciopero della fame come ultima arma per
chiedere che si rispettata la nostra dignità di persone…
Aldulk: la frustrazione dei diritti negati, spesso senza motivazione ed ancora più spesso senza risposta ci fa incazzare… di molte restrizioni non si capisce il senso visto che non sono motivabili con ragioni di sicurezza se non spiegabili in una logica punitiva fine e se stessa…
Ciccioski: alle ingiustizie bisogna ribellarsi soprattutto quando esse vengono inflitte in nome della giustizia.
Mimmoski: un direttore intelligente e sensibile dovrebbe sapere "ascoltare" le voci concrete dei cittadini detenuti che spesso "parlano" soltanto attraverso le loro oggettive condizioni di esistenza…
Direttore: io mi preoccupo per la vostra salute, lo sciopero della fame vi fa male…
Ruffianulk: ve lo avevo detto che il direttore è buono… se non mangiamo sta male…
Aldulk: "Non ho ancora capito se è più scemo che infame… questi tipi di detenuti sono attratti più dalla prospettiva di sopravvivere che da quella di migliorare la qualità della propria esistenza".
Massimando: quando non puoi fare nulla, meglio che ti fai del male da solo piuttosto che te lo facciano i tuoi aguzzini…
Carmelulk: qui accade spesso che il detenuto non dovrebbe mai tollerare l'ingiustizia qualunque siano le forme d'oppressione, neppure quando viene con il bastone…
Aldulk: qui sono proibite le cose più elementari ed inoffensive, quelle stesse cose previste negli altri carceri e profittate della rassegnazione dei detenuti… per esempio al primo e secondo piano c'è la completa assenza d'intimità anche per i bisogni corporali.
Direttore: pensate per voi stessi… dite cosa volete… fate un elenco delle vostre esigenze e vedrò di accontentarvi ma basta che smettete lo sciopero della fame e non scrivete ai giornali ed ai politici…
Francoski: ci dia un po’ di tempo per pensarci…
Mimmoski: gli diamo la risposta domani…
Massimando: dobbiamo parlare anche con gli altri detenuti che qui non sono presenti…
Direttore: bene… mi darete la risposta domani…

Ci riuniamo al passeggio per discutere se smettere lo sciopero della fame e discutiamo queste rivendicazioni:
1) in riferimento al compagno picchiato dalle guardie e schiaffeggiato dal comandante condanna assoluta della violenza da qualunque parte questa si manifesti;
2) accesso a turno di dieci persone nell'ex sala computer/scuola con computer, stampante e scanner per essere luogo propulsivo in campo creativo, per studiare, leggere, discutere, aiutare negli studi i compagni in difficoltà ecc.
3) visto che nell'istituto non ci sono luoghi e mezzi per svolgere attività sportiva si chiede la possibilità di fruire tre volte a settimana del campo;
4) valutare la possibilità, per noi molto importante, di concedere alla domenica e nei giorni festivi la socialità nella stanza sia per poter consumare un pasto in compagnia che per migliorare i nostri rapporti sociali (si esce da una stanza e si entra in un'altra senza nessun pericolo per la sicurezza e disturbo per la custodia);
5) attivarsi per darci la possibilità di diplomarci con un corso di liceo;
6) richiesta di presenza assidua e contatti diretti con il direttore.

Massimando: c'è da fidarsi? Se smettiamo adesso lo sciopero della fame poi sarà più difficile mettersi d'accordo per ricominciare…
Ruffianulk: non fidatevi è un traditore ricordatevi che già nell'altra protesta non ha mantenuto le promesse…
Francoski: Ruffianulk, ma sei proprio un vigliacco, davanti gli parli bene e dietro gli parli male, comunque non abbiamo alternativa… dobbiamo accettare il dialogo.
Mimmoski: io non mi fido, ci fregherà come l'altre volta ma questa volta mi è sembrato sincero…
Carmelulk: è più facile credere che un cattivo faccia il bravo che un cattivo diventi bravo… ma la protesta non può andare all'infinito, meglio smettere adesso a testa alta che in seguito quando ci mancheranno le forze…
Aldulk: più che del direttore non mi fido del comandante ormai sé capito che è lui che porta i pantaloni in casa…
Ciccioski: siamo tutti d'accordo oggi smettiamo lo sciopero della fame…

Dopo un mese: ancora una volta il direttore ci ha ingannati la nostra vivibilità è rimasta com'era prima…L'istituto di Nuoro è un carcere fuorilegge ed il Ministero di Giustizia lo usa per i detenuti che ritiene irriducibili così lo diventano ancora di più…

Carmelo Musumeci e Aldo Gionta
Carcere di Nuoro - 2006

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 9 commenti visibili (su 9) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
dimensione carcere c' è anche chi lavora Tuesday, Oct. 10, 2006 at 4:35 PM
Morte di Acquaviva, otto agenti a giudizio (((i))) Sunday, Oct. 08, 2006 at 9:42 PM
I prigionieri di Badu 'e Carros (((i))) Sunday, Oct. 08, 2006 at 7:25 PM
Badu 'e Carros (((i))) Saturday, Oct. 07, 2006 at 3:21 PM
Nuoro: abusi sui detenuti, rinviati a giudizio undici agenti (((i))) Saturday, Oct. 07, 2006 at 3:13 PM
Nuoro, 14 marzo 2006 (((i))) Saturday, Oct. 07, 2006 at 1:26 PM
accusa di omicidio colposo (((i))) Saturday, Oct. 07, 2006 at 1:23 PM
Il caso di Luigi Acquaviva (((i))) Saturday, Oct. 07, 2006 at 12:42 PM
Articolo 27 della Costituzione (((i))) Saturday, Oct. 07, 2006 at 12:40 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9