Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Noi-voi*tu-io di Doriana Goracci
by Camillo COPPOLA Tuesday, Aug. 08, 2006 at 5:25 AM mail: camillo.coppola@tin.it

L'ARTICOLO COMPLETO CENSURATO DEI COMMENTI

Noi-voi*tu-io di Doriana Goracci

http://bellaciao.org/it/article.php3?id_article=14460

Avverto lo schieramento di due parti: una diciamo governativa e legale, l'altra libertaria ed extraparlamentare. Da una parte oggi i delusi, dall'altra i "te l'avevo detto, oggi perchè rompi i coglioni?".

Di fatto le posizioni sono molto più ampie, proprio perchè la storia individuale è diversa, allora cerco di capire cosa ci ha accomunato e FORSE ci potrebbe accomunare. Credo davvero che nessuno di noi,che scrive quì sopra tantopiù non incollando "altri" ma esponendo ed esponendosi, si sia mai sentito "asservito" ad un partito, ma proprio per indole o vissuto, si sia identificato meglio in esperienze e modalità diverse.

Non mi è mai piaciuto mettere la parola conclusione a nessuna storia ed ergermi a depositaria di giustizia e verità, neanche a livello personale.Ma credo nelle capacità che l'altro ha di darmi ed io di trasmettere. A parole, a fatti, anche piccoli ed apparentemente
insignificanti.

Sicuramente è stato confortante scoprire che in centinaia di migliaia avevamo voglia di cambiare, di dire che la storia la facevamo noi e non il potere.Come altrettanto confortante sia stato per gruppi assai più piccoli evidenziare tutte le contraddizioni e far cadere le maschere e le ambiguità dei vari governi amici, che amici non sono e non lo saranno mai, e il dazio di questa partecipazione è stato diverso.

Non ci sono più bravi e più furbi in questa storia italiana dal dopoguerra in poi, abbiamo pagato tutti come sempre in prima persona,magari anche illudendo chi avevamo vicino, illusi noi in prima persona,di poter vivere e far vivere un governo di popolo, "in pace": è ovvio che mi ritrovo nella categoria di quelli che "hanno creduto" e non volevano accettare la banalità saggia del "sono tutti uguali".

Di fatto, tutt* noi siamo rimasti fuori per scelta e abbiamo agito e agitato da dentro.
Conosco compagn* che nel passato ma ancora oggi, sono convinti che è giusto lottare anche se in pochi da dentro un partito, oppure appoggiano via via un partito, uno schieramento governativo,un'associazione un gruppo riconosciuto...Alcuni di voi si dicono pronti
a ri-votare se questo dovesse servire, altri giurano che non lo rifaranno più, altri che non l'hanno fatto mai...

Di fatto non siamo più, noi per la maggior parte figli del dopoguerra,nel dopo-guerra appunto. Noi siamo tutti in guerra e ci chiedono di schierarci se vogliamo evitarla, se vogliamo che guerre lontane non coinvolgano anche noi.
La minaccia, il ricatto è costante.
Non è un caso che a Genova mi sentivo tra i pochi intorno ai '50, e mi sono scordata, in mezzo a folle di giovani, della mia età. Via via,siamo rimasti sempre più intorno ai '50...l'ultima assemblea autoconvocata a Roma ne era un esempio, rare le eccezioni .
Poi si assiste a disubbidienze, rivolte, ribellioni di giovani sempre più compattate e represse e sempre più rappresentate come violente e quindi punite, "ma quale antifascismo, disagio... questi sfasciano per il gusto di sfasciare perchè hanno le pance piene..."

Poche sere fa, subito dopo la strage di Cana, ho visto delle immagini al televisore, erano piazze europee dove spontaneamente erano affluiti coloro che non ce la facevano a stare "dentro", mostravano Londra,Parigi, Berlino, Madrid...
In Italia? ZERO. Frustrati ed impotenti tutti. Azzittiti fino al punto che il 27 luglio Roma, con corteo pro Libano e Palestina, è stata totalmente oscurata ed anche se fosse stato ampiamente pubblicizzato,quant* avrebbero sentito l'urgenza di mettersi fuori oltretutto con un caldo bestiale?Sarebbe stato totalmente inutile elencare i presenti,dati gli assenti non solo reali.

Stamattina ho ripercorso le cose da me scritte in un anno su questo sito. Mi sento cambiata, non sono delusa e non mi sento tradita, so di essere giudicata e tento sempre di spiegare le mie ragioni, ma sono anche molto stanca, al punto di chiedere a tutt* voi che fare, come partecipare, come incidere, se è giusto aspettare, ripensare, tacere,
comunicare. Mi chiedo come lottare, come mantenere il sorriso, come resistere, come denunciare, come convivere dentro e fuori la storia vissuta da noi e resa guerra dagli altri. E sono una volta ancora disarmata in questa richiesta, chiedo a tutt* voi di non mettere la
parola "conclusione" alla differenza ma comprenderla ed amarla, anche se fa paura, anche se può sembrare un tornare indietro piuttosto che andare avanti.

Le tragiche morti che si susseguono, non richieste, in questi giorni,la guerra beffarda agita silenziosamente e fragorosamente da sempre e sempre più incalzante,le speranze tradite... sono ulteriori steccati e confinamenti e lapidarie definizioni e schieramenti tra noi?

Vogliamo davvero continuare insieme , noi così uguali, noi così diversi?

doriana@inventati.org <doriana@inventati.org>

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9