Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Crotone, un "Paradiso" di cemento
by green block Tuesday, Aug. 01, 2006 at 9:20 AM mail:

questa è l'Italietta che ci meritiamo: ed ecco a voi l'Europaradisoooooooo!!!!!!!

Progetto per una faraonica città dei divertimenti lungo sei km
di costa protetta: hotel, parchi a tema, stadio da 30 mila posti
Crotone, un "Paradiso" di cemento
entusiasmi e proteste ambientaliste
Ora si aspetta solo la valutazione di impatto ambientale
"Porterà 10 mila posti di lavoro" dicono i sostenitori

di ATTILIO BOLZONI


SARÀ tutta sul mare. Con i suoi palazzoni luccicanti e i suoi campi da golf, gli alberghi a cinque stelle, i parchi, i cinema, i Disney village e quelle piscine che si inseguono per sei chilometri sino alla foce del fiume. Un nome gliel'hanno già dato: Europaradiso. Lì dentro ci faranno passare anche i treni. E' la nuova città che sta nascendo in Calabria, ci abiteranno in 60 mila, suppergiù sarà grande come Crotone. E, proprio davanti Crotone, verrà costruita fra dune di sabbia e pantani. La vogliono tutti Europaradiso. E a tutti i costi.

In Italia non si è mai visto nulla di simile. Né per le dimensioni dell'investimento - 10 miliardi di euro - e né per l'estensione di questo colosso turistico che dovrebbe sorgere in una "zona a protezione speciale", vincolo imposto dall'Unione europea lungo la costa dove il Neto si butta nello Jonio. E' un'opera gigantesca: un milione e 397 mila 550 metri quadrati di edifici su 1200 ettari di macchia mediterranea. Per immaginare quanto cemento sarà rovesciato su quelle spiagge calabresi, basta prendere a paragone quella che fu la "saracinesca" di Punta Perotti a Bari e moltiplicare per almeno quindici volte i suoi metri cubi.

"E' un mostro spaventoso", denunciano quelli di Legambiente che stanno cominciando un'altra delle loro battaglie. "E' una straordinaria opportunità per la Calabria", replicano a Crotone. Tutti: a destra, a sinistra e anche i Verdi. In queste ultime settimane il progetto di Europaradiso è "all'esame" della Regione. Alla fine dell'estate, a Catanzaro decideranno se e quando aprire i primi cantieri alla foce del Neto.

Ci sarà pure uno stadio, a Europaradiso. Da trentamila posti. Stanno facendo le cose in grande quegli israeliani arrivati in Calabria un paio di anni fa per presentare le loro carte e le loro idee, un gruppo di imprenditori a capo dei quali c'era quel David Appel che alla fine del 1997 era scivolato in un grosso guaio. Uno scandalo che aveva sfiorato anche il governo di Tel Aviv. Voleva fare un'altra Europaradiso in Grecia, voleva trasformare in una città delle vacanze l'isola di Patroklos. Per sponsorizzare quel suo progetto, Appel fece pressioni - e secondo la polizia israeliana pagò anche tangenti - su alcuni personaggi politici vicini all'ex premier Ariel Sharon. Della città vacanze sull'isola di Patroklos e dello scandalo se ne dimenticarono presto a Tel Aviv, fino a quando un giorno David Appel è sbarcato in Calabria con un baule pieno di mappe e la promessa di 10 miliardi di euro.

A Crotone lo hanno accolto come un benefattore. Prima quelli della giunta di centrodestra, poi gli altri del centrosinistra. E alle ultime amministrative, i Verdi locali avevano un solo slogan sui manifesti: "Sì a Europaradiso". Tutti d'accordo per avere un'altra Crotone di luci e di specchi, tutti uniti anche in quel consiglio comunale del 21 giugno 2005 quando si votò il via libera al mega progetto. "E' un'occasione senza precedenti e non solo per Crotone ma per l'intera Calabria", spiega il sindaco della Margherita Peppino Vallone. E aggiunge: "Non trascuriamo certo l'impatto ambientale, ma Europaradiso ci porterà almeno 10 mila posti di lavoro".

Un raddoppio della città, nuovi centri commerciali, una metropolitana di collegamento con la "vecchia" Crotone, una linea ferroviaria per l'aeroporto.
Ogni pilone di cemento e ogni vetrina ricadrà su un territorio tutelato dall'Unione Europea, una vasta area paludosa che il 26 giugno dell'anno scorso - appena cinque giorni dopo che il consiglio comunale di Crotone aveva avviato le prime procedure per far nascere Europaradiso - la Regione faceva diventare "zona di protezione speciale". Sulla carta è un'oasi dove non si può costruire più, qualcuno però sta già pensando di ridisegnare i confini dei suoi vincoli. Così, un anno dopo, a Catanzaro aspettano la "valutazione di impatto ambientale" per il primo lotto di lavori. Sono 6 alberghi con una capienza di 1500 posti letto ciascuno, 478 mila metri cubi di cemento da scaricare su 140 ettari.

Come finirà? "Quello non è un europardiso ma un euroinferno o un euroimbroglio", accusano gli ambientalisti. "Nessuno in Calabria si è ancora preoccupato di verificare la solidità finanziaria di Appel, invece di sognare un Eldorado bisognerebbe stare bene con gli occhi aperti", risponde Antonino Morabito, il coordinatore regionale di Legambiente. Loro, quelli di Legambiente, per il momento sono i soli schierati contro l'imponente città delle vacanze di Appel. "Europaradiso non ha nulla a che vedere con lo sviluppo e le risorse del luogo", va all'attacco il presidente nazionale Roberto Della Seta, "la Regione deve scegliere se avviare realmente un nuovo corso come sta facendo la Puglia con l'abbattimento di Punta Perotti e la Sardegna con la legge salva coste, oppure continuare a distruggere spiagge e aree vincolate".

Tanti sono gli imbarazzi alla Regione Calabria. E tantissime le tentazioni. Il primo che parla è l'assessore all'Ambiente Diego Tommasi, che proprio da Legambiente proviene. Che ne pensa del progetto di costruire un'altra città? "E' una partita estremamente delicata, in una regione come la nostra non è facile scegliere cosa è più giusto. Da una parte c'è un'area con vincoli di edificabilità, dall'altra migliaia e migliaia di posti di lavoro che potrebbero arrivare".

Più possibilista l'assessore al Turismo Beniamino Donnici: "Certo, dobbiamo salvaguardare le coste ma dobbiamo anche essere aperti, non avere paura delle idee degli altri e delle contaminazioni". E l'assessore Donnici intanto annuncia cosa si farà ancora lì, sulle spiagge dello Jonio. A pochi chilometri da quella che un giorno forse diventerà Europaradiso, apparirà anche un'altra città. Tutta cinese. Con i suoi ristoranti, le sue case in stile Pechino, i suoi negozi. Una Chinatown nella Magna Grecia. Gli investitori si sono già presentati a Catanzaro. E con un sacco di soldi.

(1 agosto 2006)

http://www.repubblica.it/2006/08/sezioni/cronaca/crotone-citta-mare/crotone-citta-mare/crotone-citta-mare.html

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 3 commenti visibili (su 4) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
ansia e paura imc Wednesday, Aug. 16, 2006 at 12:13 PM
Chi c'e' dietro a quest'orrore? Informatore Tuesday, Aug. 01, 2006 at 6:44 PM
non lasciateli passare ammiratore Tuesday, Aug. 01, 2006 at 5:42 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9