Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
valutazioni dopola streetraveparade
by gli organizzatori Tuesday, Jul. 04, 2006 at 12:18 AM mail:

valutazioni dopo la giornata antiproibizionista



COMUNICATO STAMPA


Siamo soddisfatti della grande partecipazione di gente alla giornata antiprobizionista di sabato I° luglio a Bologna.
E’ stata la giornata che ha dimostrato forza delle idee libertarie contro la logica autoritaria e proibizionista delle destre.

Fin dal pomeriggio in piazza XX Settembre la parola del movimento antiproibizionista ha assunto quel protagonismo di massa che gli spetta e che travolge tutte le ipocrisie censorie sentite in questi giorni.

Abrogazione della legge Fini-Giovanardi, depenalizzazione dell’uso delle sostanze stupefacenti, politiche di riduzione del danno e liberalizzazione della cannabis. Questi i contenuti ascoltati in piazza.

E’ stato evidente a tutti il successo politico della manifestazione che ha saputo convogliare le tensioni negative accumulate nelle ultime settimane in un’esplosione di forza e ragione. La forza dei numeri e la ragione che ha mostrato l’inconsistenza dei pretestuosi divieti imposti, degni dei periodi più neri del nostro paese, sconfiggendo l’ottusità di una visione provinciale e campanilistica dell’amministrare la “metropoli bolognese”

Bologna, città metropolitana europea, ha rischiato il bollino di capitale europea dei divieti e dei rigurgiti omofobici e fascisti ma ieri questa rete di movimento ha dato una lezione di civiltà e capacità politica di tenere insieme una varietà di tematiche che tra loro s’intrecciano: dal diritto alla casa alla chiusura dei Cpt, dalla difesa degli spazi sociali autogestiti e occupati alla rivendicazione di una socialità altra, dall’amnistia alla depenalizzazione dei reati sociali, dalla rivendicazione di nuove garanzie per il precariato alla richiesta di fuoriuscita da tutte le guerre, Afghanistan compreso.

Lo Street Rave Parade si è evoluto e rinnovato all’insegna del meno sballo e più diritto alla felicità, meno abuso e più uso consapevole di sostanze al di là di ogni inutile moralismo e falso puritanesimo.
L’uso delle sostanze da parte di milioni di consumatori è cosa socialmente complessa e difficile da affrontare. Crediamo che sia culturalmente utile dare piena visibilità a tutte le contraddizioni presenti in questa tematica per trovare tutti insieme le soluzioni migliori per una gestione consapevole e antiautoritaria del fenomeno.
Non possiamo accettare una medicalizzazione totalitaria e repressiva di tutta la questione legata all’uso o all’abuso delle sostanze, né possiamo accettare di essere messi al confino per nascondere alla società il lato oscuro della luna.

Noi non ci dimentichiamo che lo Street porta con se anche inevitabili disagi per la città, di questo ne siamo consapevoli, così come siamo altrettanto convinti che il rispetto reciproco tra cittadini è cosa preziosa e augurabile sempre e comunque. Ma avremmo potuto fare molto di più se avessimo preso fin da subito il “toro per le corna”. Invece ancora una volta, non per colpa nostra, si è contrapposta l’ideologia alla realtà delle cose e solo alla fine si sono attivati quei servizi necessari per una manifestazione di tale portata.
Questi 50 mila partecipanti allo Street, di cui la maggioranza residenti a Bologna e provincia, sono una fortissima denuncia contro quel sistema della rappresentanza che li ha nel migliore dei casi ignorati nel peggiore provocati, valga per tutti l'esempio della farsesca adunata di reduci fascisti, integralisti cattolici e falsi perbenisti di via Indipendenza.

Avremmo potuto coinvolgere molte più persone nella gestione diretta della parata e renderla così ancor più fluida e meno impattante se ci fossero state le condizioni politiche per farlo. Più operatori sociali, più unità di strada, più coinvolgimento degli esercizi pubblici, più gente autorganizzata nella gestione anche delle pulizie, più città coivolta insomma.

Per questo la politica ha una sua responsabilità specifica che non può essere demandata a questioni di ordine pubblico e sabato ha vinto la politica reale contro quella massmediatica e vertenziale, ha vinto il buon senso e il rifiuto dei divieti che si sono mostrati per quel che erano: uno stupido trofeo di Pirro da dare in pasto alla stampa e che ha preso in giro tutti i cittadini di Bologna.

Da piazza XX Settembre migliaia di persone hanno rotto i confini della piazza ottenendo sul campo il diritto a manifestare e la visibilità che si meritavano.



LIVELLO 57, CRASH, RETE UNIVERSITARIA, SCANDELLARA, XM24, VAG61, TPO.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 1 commenti visibili (su 1) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
Bologna fucina del Recupero facinorosso Tuesday, Jul. 04, 2006 at 2:28 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9