Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
documento dei movimenti bolognesi in merito alla street rave parade
by movimenti Wednesday, Jun. 21, 2006 at 2:03 AM mail:


IL DIVIETO NON HA LUOGO A PROCEDERE – QUESTA STREET SA DA FARE


Da diverse settimane gli amici di L57 hanno inaugurato in città una grande campagna di discussione, intesa a porre all’attenzione di tutti coloro i quali non hanno smesso di pensare la gravità culturale della legge Fini / Giovanardi, proibizionista ed assassina, e sui suoi nefasti effetti sociali.
Da qualche giorno L57 sta pagando sulla propria pelle i prezzi politici ed umani di questa battaglia, avendo avuto le proprie sedi, laboratori ed abitazioni perquisite pretestuosamente, Maria Pia, il proprio legale, condannata a pene pesantissime e diventata oggetto di una tragicomica inchiesta penale istruita dal Dott. Giovagnoli.
A questi amici va la più completa solidarietà ed il ringraziamento per avere la forza di continuare questa battaglia.

Suicidi ed omicidi, carcerizzazione del consumo, produzione di paura e l’introduzione di un regime di leggi speciali tipiche di un paese in guerra, sovraffollamento delle carceri giudiziarie prima ancora che dei rami penali ed il drammatico girone infernale sono i principi attivi della Legge Fini / Giovanardi.

Questa Legge è stata introdotta dal precedente Governo ed è aspettativa condivisa che essa venga abrogata immediatamente ed incondizionatamente dal nuovo.
La street parade è un importante occasione per aprire un dibattito alto e forte in città e nel Paese, rivolto a sostenere questo atto ed a rompere un muro di silenzio colpevole, per il quale le contraddizioni sociali possono essere sepolte nelle carceri ed il dissenso cancellato sotto montagne di atti giudiziari.

Gran parte delle forze politiche della città, anche di sinistra, si sono schierate contro la street. Esse sono trincerate dietro un moralismo bigotto per il quale la pulizia, l’ordine, la difesa del silenzio sarebbero valori e beni intoccabili. Bologna non è loro proprietà privata.

Il problema è squisitamente politico: il motivo scatenante la campagna politica e privata contro la street è che una parte di città ha deciso di appropriarsi del comando di Bologna proibendo di manifestare le proprie idee a cittadini,studenti, Centri Sociali, movimenti, associazioni, sacerdoti ed a tutti coloro che ritengono la città spazio di progetto, vita, relazione, cooperazione, conflitto e che sono uniti, nelle differenze, nel denunciare la maledizione del proibizionismo.

Chi ha in città ha la maggior parte della sua rappresentanza formale ritiene impropria ed indecente la street (10 ore di attraversamento del centro e della periferia) e, nel contempo, considera di fatto normali, leciti e del tutto tollerabili l’esistenza di un carcere etnico in via Mattei, la presenza di spacciatori di eroina nei quartieri della città [oggettivamente finanziati dalla legge Fini], l’attività dell’associazione a delinquere finalizzata all’estorsione dei Padroni di Casa, il sovraffollamento vessatorio del Carcere della Dozza, deturpazione ed inquinamento ambientale al di fuori dei parametri imposti dalla stessa Legge.
Contro la street questi signori sono accorpati nelle cordate più trasversali, sui secondi sono ignavi e pavidi.

Questa volta, però, qualcosa cambia come è giusto che sia quando la partita in gioco attiene quella strana e complessa parola chiamata democrazia.

Migliaia di noi, ribelli e democratici, consumatori ed autoproduttori, occupanti di case e Centri Sociali, operatori e cooperatori sociali sabato 1 luglio parteciperanno alla street e con le loro parole, musiche, corpi travolgeranno questa piccola parte ipocrita, dedicando la loro presenza in Piazza Maggiore alle ore 17.00 a Federico Aldrovandi morto a Ferrara il 25 settembre 2005 in circostanze ancora da chiarire dopo un fermo di polizia.

I firmatari di questo documento annunciano una conferenza stampa per giovedì 22 giugno alle ore 12, nel cortile interno del Comune di Bologna.


LIVELLO57
TPO
CRASH
XM24
VAG61
RETE UNIVERSITARIA
SCANDELLARA
collettivo PASSEPARTOUT
collettivo MAO
ASS. PENOMBRE (poeti art-attivisti)
OSVALDO

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 8 commenti visibili (su 8) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
ma quanto sei coglione? alberto 6 una merda Wednesday, Jun. 21, 2006 at 5:54 PM
Ciao Parassita wandervogel Alberto Wednesday, Jun. 21, 2006 at 5:18 PM
miliardi? alberto sei squallido Wednesday, Jun. 21, 2006 at 5:06 PM
Addio Wandervogel Alberto Wednesday, Jun. 21, 2006 at 4:12 PM
osvaldo... studente squattrinato Wednesday, Jun. 21, 2006 at 3:54 PM
azzzo 6 Wednesday, Jun. 21, 2006 at 12:37 PM
"s'ha da fare" formale Wednesday, Jun. 21, 2006 at 11:46 AM
Il livello KARLONE Wednesday, Jun. 21, 2006 at 11:14 AM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9