Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

CD GE2001 - un'idea di Supporto Legale per raccogliere fondi sufficienti a finanziare la Segreteria Legale del Genoa Legal Forum


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Comunicato delle reti di movimento
by movimento Monday, Jun. 05, 2006 at 3:46 PM mail:

A chi c’era e a chi non c’era. A chi era dalla parte sbagliata delle transenne

2 giugno, giornata di resistenza alla guerra


Da qualche anno la Festa della repubblica, ricordo della vittoria della resistenza e della sconfitta della monarchia, è divenuta palcoscenico celebrativo delle Forze Armate, violandone lo spirito e rendendola oggettivamente occupata dalla peggiore retorica patriottarda e guerrafondaia.

Il 2 giugno 2006 è stata un’importante giornata di resistenza alla guerra.

Da Milano a Roma, da Alessandria a Genova, da Venezia a Bologna i movimenti hanno manifestato, contestato e boicottato le vergognose parate militari organizzate dal Governo italiano e dagli Enti locali.

Con diverse forme e diverse voci le reti sociali e i tanti singoli contrari alla partecipazione delle truppe italiane nei diversi teatri di guerra hanno reclamato il ritiro immediato e senza condizione alcuna dei contingenti italiani presenti in Iraq e Afghanistan.

In questi Paesi le truppe italiane hanno un ruolo diretto di partecipazione alla guerra, all’occupazione, alla protezione di interessi privati, come dimostrato dai reparti speciali dei Carabinieri a Nassirya contigui ai pozzi petroliferi in locazione all’Eni spa.

Le stragi operate dalla coalizione occupante in queste ultime settimane di guerra dimostrano la violenza dell’occupazione e tolgono ogni alibi a chi ancora sostiene che i contingenti italiani siano protagonisti di pace e veicolo di democrazia.

I movimenti, le associazioni, i moltissimi che qui e altrove hanno lottato contro la guerra, partecipando ai tanti cortei, alle azioni dirette, agli scioperi del sindacalismo di base, alle occupazioni delle Facoltà Universitarie non sono disposti a fare sconti al governo, di qualunque colore esso sia.
Il ritiro delle truppe, immediato e senza alcuna condizione è stata la parola d’ordine di tutte le manifestazioni: le timidezze, i disitinguo, i possibili rinvii sono inaccettabili, ora più che mai.

A Bologna le reti di movimento hanno contestato la vergognosa parata militare in Piazza Maggiore per esprimere l’indignazione del nostro territorio contro i mercenari che hanno la loro divisa sporca del sangue delle popolazioni occupate.

Centinaia di cittadini hanno accolto l’invito ad essere presenti, partecipando alla contestazione ed hanno espresso tutta la loro rabbia verso il palco delle autorità dal quale i rappresentanti dell’Unione assistevano e applaudivano alla celebrazione dei reparti dell’esercito, tra i quali spiccava la delegazione della Brigata Friuli, coinvolta nelle operazioni di guerra in Iraq.

Alcuni su quel palco hanno usato nei mesi di campagna elettorale le parole del movimento no war, esposto la bandiera arcobaleno, promesso di opporsi *senza se e senza ma* alla guerra globale.
Il 2 giugno, a Bologna come a Roma, se ne sono dimenticati.

Questo è quanto e non è che l’inizio. Perchè la distruzione, l’occupazione militare, le stragi sui civili ed i campi di prigionia come Abu Grahib e Guantanamo, le bombe al fosforo lanciate su Falluja, le stragi sui civili di Kabul sono faccende troppo serie per essere rimandate o peggio delegate ad altri.

Infine, negli ultimi due giorni abbiamo letto sui giornali locali molte sciocchezze e inesattezze. Ci permettiamo di stigmatizzarne solo alcune, tra le meno opportune.

Se si intende dire che il 2 giugno c’erano poche persone in Piazza siamo daccordo: davanti al palco non c’era nessuno.

Il problema della c.d. violenza e della c.d. non violenza va posto ai militari della Brigata Friuli, allo United States Marines Group, ai Carabinieri dislocati a Nassiria in nome e per conto di ENI spa.

Con Michelini e Antonioni dell’ANPI ci teniamo a ribadire che nessuno ha inteso fischiare voi o la vostra straordinaria esperienza cui portiamo il massimo rispetto. Eravate dall’altra parte delle transenne e, come sapete, i fischi non sono direzionabili. Ce ne dispiace comunque, come ci dispiace che usiate parole di condanna così forti verso di noi e non verso chi viola l’art.11 della Costituzione che proprio voi avete conquistato.

Per questo convocheremo un’assemblea cittadina di movimento nei prossimi giorni per rilanciare il confitto contro la guerra ed estenderlo anche a tutti gli uomini e le donne di Bologna che non hanno smesso di pensare e lottare, e sottolineiamo che le assemblee del movimento le convoca il movimento.


Centro Sociale TPO - Circolo Anarchico Berneri – Crash - CUB Bologna
Livello 57 - Rete Universitaria - VAG 61

Lunedì 5 giugno 2006. Bologna

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 10 commenti visibili (su 15) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
vergogna ? Saturday, Jun. 10, 2006 at 4:47 PM
hai ragione io Thursday, Jun. 08, 2006 at 11:42 AM
x rivelatore Alessandro Bernardi Wednesday, Jun. 07, 2006 at 3:59 PM
Pomodori verdi fritti alla fermata del trno PDMG & Pinotto Tuesday, Jun. 06, 2006 at 7:52 PM
per RED pummarol Tuesday, Jun. 06, 2006 at 4:07 PM
volente o nolente sappiamo da che parte stare Tuesday, Jun. 06, 2006 at 2:55 PM
Oddo firmati quando posti PRC critico Tuesday, Jun. 06, 2006 at 11:39 AM
Provateci... Red Tuesday, Jun. 06, 2006 at 10:54 AM
bravi 3 Monday, Jun. 05, 2006 at 11:36 PM
basta nando Monday, Jun. 05, 2006 at 11:16 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9