Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Comunicato sui compagni arrestati a Parigi
by Crash! Friday, May. 05, 2006 at 12:25 AM mail:

Comunicato sui compagni arrestati a Parigi

Comunicato sui compagni arrestati a Parigi

Oggi i compagni Federico di Crash e Nicola del Cam sono stati rinviati a giudizio il 29 Maggio a seguito degli arresti di Parigi del primo maggio.

Come realtà antagonista abbiamo organizzato insieme ad altri compagni del nord italia un pullman per la may day parigina.
Associandoci all’appello europeo, abbiamo portato la nostra presenza in una città che, insieme ad altre francesi, è stata protagonista di una straordinaria vittoria contro il governo: il ritiro del Cpe, legge che avrebbe precarizzato il lavoro e le vite dei giovani francesi, e che avrebbe destrutturato l’intero mercato del lavoro.

Il corteo/parade è cominciato alle 17, ed aveva all’interno un folto gruppo di italiani che constava all’incirca di 300 persone provenienti da tutte le parti d’italia ed aree politiche di movimento. Noi abbiamo fatto spezzone insieme a loro, portando così le esperienze e le forme comunicative della realtà della may day italiana all’interno di quella parigina.

Alla fine del corteo, ci si è radunati per un concerto nella piazza “de la Republique”.
Dopo all’incirca un’ora ci allontaniamo, e veniamo fermati all’angolo successivo della piazza stessa. Dopo lunghe perquisizioni, Federico e Nicola vengono ammanettati e portati via separatamente dal resto dei compagni, dopo aver subito una prova di cambio d’abiti e cappellini da parte della gendarmerie, che cercava di individuare volti filmati durante il corteo. A noi invece vengono legati i polsi con fascette e veniamo caricati sulle camionette per essere portati al commissariato. Dopo un paio d’ore veniamo rilasciati tutti.
Intanto, e per i due giorni consecutivi, si cerca di capire dove siano Federico e Nicola, e soprattutto quali siano le accuse imputate loro.
Il giorno dopo, il 2 maggio, all’assemblea europea di movimento molti interventi sottolineano la solidarietà attiva agli arrestati e soprattutto la considerazione che solo la radicalità del movimento è riuscita a sconfiggere il progetto del governo francese.
Intanto le prime info trapelano, e sembrano sin da subito assurde.
Non ci sono prove oggettive a loro carico. Gli sbirri infiltrati in corteo dicono di aver visto un video che dimostrerebbe che i nostri compagni hanno fatto azioni contro le agenzie interinali, ma poi non riescono a darne documentazione, dato che il video stesso si è perso!
Intanto solo questa mattina i compagni sono riusciti a nominare l’avvocato di movimento, Irene Terrel.
L’avvocato è riuscito ad evitare il processo per direttissima, ma non la scarcerazione immediata.
Non avendo prove oggettive, sono stati accusati anche di un’inesistente resistenza all’arresto.
Il giudice inoltre ha rifiutato la richiesta di scarcerazione dell’avvocato, che ha garantito l’esistenza di un domicilio a Parigi ed un reddito, dato che Federico e Nicola lavorano in Italia, e che di regola in Francia è sufficiente per passare a piede libero il periodo prima del processo.

A questa prima breve comunicazione seguirà domani un appello alla solidarietà e poi un documento di valutazione di questi ultimi eventi. Intanto a Parigi c’è stato già oggi un presidio, e da varie realtà italiane abbiamo già avuto notizie di prossime iniziative di solidarietà.

E’ necessario che tutti e tutte si mobilitino per la scarcerazione di due compagni e precari da sempre in prima fila nelle lotte e contro la repressione sociale

Fede e Nicola liberi!


Crash ex mensa occupata - Bologna

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 10 commenti visibili (su 11) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
solidarietà da Habit_azione e XM24 Habit_azione e XM24 Friday, May. 12, 2006 at 12:17 PM
Piena solidarietà a tutti gli arrestati! anarchico bolognese Sunday, May. 07, 2006 at 9:50 PM
Solidarietà sempre! Anarco veggente Sunday, May. 07, 2006 at 6:16 PM
Libertà immediata per i compagni arrestati! Centro Popolare Occupato Experia (Catania) Friday, May. 05, 2006 at 11:10 PM
Liber@ tutt*!! dis@ttiva crew Friday, May. 05, 2006 at 10:00 PM
solidarietà Collettivo Autonomo Ragusa Friday, May. 05, 2006 at 8:16 PM
solidarietà ai compagni arrestati xHxCx Friday, May. 05, 2006 at 7:32 PM
soldarietà nella lotta xhxcx Friday, May. 05, 2006 at 7:25 PM
Fede Libero ! Liberi tutti ! CSOA ExKarcere #PA# Friday, May. 05, 2006 at 5:03 PM
postate iniziative Friday, May. 05, 2006 at 3:31 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9