Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
[BO] Lo sguardo aperto della rivolta - per ricordare Francesco Lorusso
by Rete Universitaria Thursday, Mar. 09, 2006 at 10:49 PM mail: reteuniversitari.bo@inventati.org

SABATO 11 MARZO ore 10, via Mascarella (angolo v.Irnerio) per ricordare Francesco Lorusso

LO SGUARDO APERTO DELLA RIVOLTA

L'11 marzo del 1977 Francesco Lorusso, studente venticinquenne e militante di Lotta Continua,
viene ucciso in via Mascarella da un colpo di pistola alla schiena.
A sparare i carabinieri di Cossiga e Andreotti,
incaricati di reprimere un movimento di insubordinazione che si era
esteso e rafforzato in luoghi di socialità e in spazi di conflitto che attraversavano l'intero asse
metropolitano, risposta militare che, in pieno clima di "compromesso
storico", accomunò il potere nazionale al governo cittadino del Pci.
Dopo ventotto anni di silenzi e menzogne ricordiamo quell'omicidio di
Stato e quella rivolta, consapevoli però che non basta preservare il
ricordo: bisogna rivendicarne l'attualità. Restituire un ricordo al
presente, renderlo attuale, significa anche avere il coraggio di
rintracciare e rivendicare le linee di continuità che legano quelle lotte
con le nostre lotte, l'omicidio di Bologna con l'omicidio di Genova,
nell'orizzonte comune di una speranza; speranza oggi più urgente che mai.
Scrive nelle tesi di filosofia della storia Walter Benjamin:"Articolare
storicamente il passato non significa conoscerlo -come propriamente è
stato- . Significa impadronirsi di un ricordo come esso balena
nell'istante del pericolo." Il pericolo è quello della vittoria definitiva
del nemico. Un nemico che ancora "non ha smesso di vincere"; una vittoria
che passa attraverso la cancellazione dell'immagine degli sconfitti.
Proprio questa forza nientificante, che il potere ha rispetto al passato,
deve essere combattuta, anche preservando l'immagine autentica del passato
così come si presenta al soggetto storico nel momento del pericolo. Che è
sempre il momento della possibilità e della trasformazione.
Sono le immagini del 1977, come le immagini di Genova, a dover essere
protette da quel nemico che, seppure ha sparato, ucciso e represso, non
avrà la vittoria definitiva fino a quando ci sarà un presente che si
riconosce significato in quel passato, che in quella lotta vede un
capitolo della sua stessa lotta.
La memoria dell'alternativa, della sua possibilità, sia pure disattesa
dalla storia, è la base sulla quale continuare a lottare , con la
consapevolezza e la forza che provengono dall'esser parte di uno scontro
più vecchio di molte vite, il cui esito è ancora incerto. In molti
vorrebbero che gli anni '70 significassero solo il peso di una sconfitta,
soffocando nel silenzio quel molteplice e prezioso tessuto di esperienze
culturali e politiche. Noi crediamo invece che a questa storia del
silenzio e del potere vada contrapposta la memoria attiva e dinamica dei
vivi. La memoria degli attimi, giorni o mesi, in cui la Liberazione è
stata possibile, perché torni ad esserlo di nuovo.

Rete Universitaria

Assemblea ogni lunedì ore 21 al VAG di via Paolo Fabbri 110

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 1 commenti visibili (su 1) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
continuare! frankanark Thursday, Mar. 09, 2006 at 11:42 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9