Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
[BO] azione di comunicazione in Fiera
by Rete Universitaria Thursday, Feb. 02, 2006 at 9:06 PM mail:

2 / 2 / 2006

Oggi il movimento studentesco ha disturbato la giornata dell'orientamento,
cioè la vetrina dell'Università di Bologna, di quell'ALMA MARKET STUDIORUM
che andava, vestita a festa, a proporsi ai propri futuri "clienti".
Insieme ad altri collettivi di facoltà e interfacoltà abbiamo messo in campo
varie iniziaitive di controinformazione e contestazione, mostrando ai futuri
studenti la faccia nascosta dell'Università bolognese: quella fatta di
numeri chiusi e tasse altissime, di borse di studio insufficienti e di una
mensa privatizzata e gestita secondo logiche esclusivamente commerciali.
Oltre ad un momento di visibilità all'entrata del padiglione fieristico,
abbiamo voluto contribuire a costruire piccoli, ma significativi, momenti di
controinformazione e disvelamento nelle varie persentazioni delle singole
facoltà.
Infine abbiamo contestato apertamente la conferenza sul diritto allo studio,
in cui l'Arstud tentava di spacciarsi per paladina del diritto allo studio,
denunciando apertamente non solo la palese insufficienza dei suoi interventi
di sostegno agli studenti bigognosi, ma anche la politica delle
esternalizzazioni e degli appalti ad aziende e cooperative amiche.

**************
Rete Universitaria
reteuniversitari.bo@inventati.org
320 6914118
http://www.unibo.ma.cx
assemblea tutti i LUNEDI alle 21 a VAG via PAOLO FABBRI 110
***************

Segue volantino distribuito.

ALMA MARKET STUDIORUM

TUTTO CIÒ CHE L'ATENEO NON VI DICE.

- NUMERI CHIUSI E SBARRAMENTI
Che molte facoltà abbiano un test d'ingresso a numero chiuso è risaputo e
viene ormai cosiderato normale, anche se va ricordato che i numeri chiusi
non sono sempre esistiti, ma stati introdotti e si sono estesi a macchia d'
olio negli anni '90, parallelamente alla riforma del 3+2.
Molti studenti che si iscrivono al primo anno non sanno però che per
completare il percorso di studi con la laurea specialistica dovranno
probabilmente sostenere un ulteriore test a numero chiuso, perché il
conseguimento della laurea triennale non è considerato un requisito
sufficiente per avere accesso alla specialistica.

- TASSE UNIVERSITARIE
Che le tasse universitarie siano vicine ai 1000 euro annui per le lauree
brevi e superino spesso i 2000 per le lauree specialistiche è noto. Si
tratta di cifre enormi, tra le più alte di tutte le università pubbliche
europee, e ovviamente difficilmente sostenibili per gli studenti provenienti
da famiglie non abbienti.
Quello che non tutti sanno è che la stessa legislazione nazionale fisserebbe
un limite (già di per sé estremamemente alto) alla percentuale di entrate
dell'Università che possono provenire dalle tasse degli studenti. Un limite
che a Bologna ogni anno viene puntualmente ed abbondantemente superato!

- BORSE DI STUDIO
Sarebbe già contestabile il sistema di attribuzione delle borse di studio,
sempre più meritocratico e sempre meno legato al reddito familiare, ma l'
elemento più scandaloso è che ogni anno centinaia di studenti siano
considerati "idonei" ma "non assegnatari" alla borsa di studio e quindi non
la ricevano pur avendone a tutti gli effetti diritto.
Il problema di fondo è che la Regione Emilia-Romagna destina all'ARSTUD
(Azienda Regionale per il Diritto allo Studio) circa la metà dei fondi
destinati al diritto allo studio dalla Regione Toscana. Inoltre la gestione
dell'Arstud è da sempre più attenta a procurare appalti favorevoli alle
aziende o alle cooperative amiche che non alle esigenze degli studenti.

- MENSA UNIVERSITARIA
La mensa universitaria di Bologna è la più cara d'Italia (6 euro per un
pasto completo contro i 2-3 euro di molte grandi città italiane) ed è una
struttura piccola, palesemente inadeguata per il numero di studenti
universitari di Bologna. Inoltre è privatizzata, cioè appaltata dall'ARSTUD
ad un'azienda privata, la CONCERTA, che la gestisce secondo logiche
puramente di profitto, senza curarsi dei diritti degli studenti.

- DIRITTO ALLA CASA E STUDENTATI
A Bologna è quasi impossibile trovare un posto letto a meno di 250 euro e
una singola a meno di 300. Di fronte a questa situazione, realmente
drammatica per molti studenti fuorisede, l'Università concede meno di 1500
posti letto negli studentati (a fronte di circa 50.000 fuorisede), e ne
assegna peraltro alcuni basandosi solo sulle condizioni di merito e non su
quelle legate al reddito familiare.

- COLLEGIO D'ECCELLENZA
Esiste però un settore dove l'Ateneo impegna senza riserve ingenti somme di
denaro: è il Collegio Superiore, cioè 40 studenti "eccellenti", selezionati
ogni anno con appositi test, per cui vengono stanziate borse di studio per
migliaia di euro e a cui viene assegnato di diritto un posto letto gratuito.
Il tutto, ovviamente, a prescindere dalle condizioni economiche.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9