Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
DSSA, LA GALASSIA DI DESTRA A CACCIA DI FONDI
by grfa Sunday, Jul. 10, 2005 at 5:34 PM mail: grfa_grfa@katamail.com

ovvero MARCO SABA...

da Corriere della Sera (5 luglio 2005 - P.18):

Il Viminale: sappiamo distinguere chi mette in circolazione contrassegni di latta da chi collabora con la giustizia
Dssa, la galassia di destra a caccia di fondi
Tra "depistatori" e sostenitori di Francesco Pazienza. Pisanu: polizia parallela? Solo distributori di patacche
dal nostro inviato Marco Imerisio

GENOVA - "Caro lettore, ti scrivo per sottoporti un caso di terribile ingiustizia, che riguarda il prigioniero Francesco Pazienza, di fatto vittima di un sequestro di Stato".
Tra le molte attività benefiche svolte da Marco Saba, l'ultima in ordine di tempo riguarda lo sciopero della fame intrapreso dal faccendiere ez agente del Sismi condannato nel 1985 per il depistaggio delle indagini sulla strage di Bologna e coinvolto nel crack del Banco Ambrosiano e nelle vicende della P2.
Marco Saba è molte cose tutte insieme. E' l'uomo al quale si rivolge Gaetano Saya in cerca di soldi per il suo Dipartimento. Si accontenterebbe, dice, di 32 milioni di euro all'anno da parte dell'Unione europea. Saba raccomanda il fondatore della Dssa a Fabio Calzavara, uno dei padri della Liga veneta, autonomista convinto, ex parlamentare della lega Nord, che a Bruxelles ha aperto una agenzia che sbriga pratiche comunitarie. Non se ne farà niente. Il ricordo di Calzavara: "Saya mi sembrò un uomo molto vago, che diceva e non diceva. Perbene, ma da quella conversazione avevo capito che nel suo progetto non c'era niente di serio". Al broker ex deputato arriverà in fretta e furia un prospetto redatto da Elio Ciolini, personaggio torbido, "superteste" di professione condannato più volte per calunnia, depistaggio e truffa. Non proprio la carta vincente per "sfondare" a Bruxelles.
Ma il nome nuovo è Saba, "il mio uomo di fiducia", così lo chiama Saya. Da anni Saba si batte per la causa di Pazienza, al punto di apparire come suo "portavoce" in alcune lettere che periodicamente indirizza nei Forum online. Motivi professionali, forse. E' direttore di un non conosciutissimo Osservatorio sulla criminalità organizzata con sede a Ginevra (e telefono muto), nel cui sito internet possono essere trovate ulteriori informazioni: http://www.ocdbgroup.net - una struttura ben diversa dalla DSSA.
L'OCO non ha direttori, ha un presidente, Nicola Giannakopoulos, e dei tesserati semplici membri, ente di cui si dichiara membro anche Marcello Rossini, altro personaggio ammesso alle riunioni in casa Saya. Si definisce "esperto di progettazione e pianificazione di sistemi informativi di cui si occupa dal 1979" e cura il sito di "Rinascita Nazionale", rivista del movimento di popolo per la liberazione e il socialismo nazionale, è un ex collaboratore del "settimanale del socialismo nazionale" pubblicato a Verona.
Saba è un frequentatore assiduo dei siti riconducibili alla neo estrema destra, dove si distingue per la diffusione di tesi economiche ispirate a Ezra Pound, che finiscono per mischiarsi a indigeribili tesi storiche revisioniste e teorie "antigiudaiche". Ma qui c'è una sorpresa. Perché Saba, che ha aderito in modo convinto al "Dipartimento" di Saya, è una figura che stona tra i reperto obsoleti del sottobosco fascista. E' un "no global di destra", così lo chiama un sito vicino al Movimento. Gli estremi si toccano, si sa. Ma Saba coniuga la lotta per Pazienza ad altre cause, meno scontate. Nel 1999, assieme a Calzavara progettò una carovana di solidarietà nell'Iraq colpito dall'embargo. Sempre insieme all'autonomista di Belluno, partecipa alle attività a favore degli orfani di guerra gestite da Padre Benjamin, religioso pacifista domiciliato ad Assisi. Dice Calzavara: "Marco ha le sue idee, per carità. Ma è coerente con se stesso". Ci sono molte reti pacifiste che hanno più volte ringraziato Saba per il lavoro di denuncia sull'uranio impoverito, portato avanti attraverso l'Osservatorio ambientale di Monfalcone, del quale è portavoce e fondatore. Un'associazione collegata al movimento Alleanza Dio e popolo, un "partito etico politico onniconfessionale ed ambidestro". Sarà questo ambidestrismo, ma l'osservatorio di Monfalcone ha una lista di soci onorari decisamente particolare, dove stanno insieme Marco Saba e padre Benjamin, Jacopo Fo, figlio del premio Nobel Dario, ma anche l'ex Gladio Antonino Arconte, figura minore del caso Moro e del processo Andreotti, tesserato della Dssa. Strani percorsi, a seguire il filo della Gladio dei poveri.
"Finora questi signori hanno distribuito patacche di latta". Il ministro Giuseppe Pisanu, al vertice dei G5 a Evian ha definito così l'operato del dipartimento di studi strategici antiterrorismo, il cui fondatore Gaetano Saya è stato arrestato con il suo braccio destro Riccardo Sindoca con l'accusa di aver organizzato una "polizia parallela". "Noi non sottovalutiamo mai niente - ha aggiunto Pisanu - Se emergessero elementi più preoccupanti risponderemo adeguatamente".

++++++++++++++++++++++

Un saluto ai colleghi, e che continuino a fare il loro lavoro:

http://italy.indymedia.org/news/2005/07/827395.php

http://italy.indymedia.org/news/2005/07/825363.php

http://italy.indymedia.org/news/2005/06/820709.php

http://prod.india.indymedia.org/en//2005/04/210313.shtml

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9