Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Appuntamento contro i licenziamenti
by Cocittos Thursday, Jun. 23, 2005 at 9:47 PM mail: info@SOSprecari.it

Lo scorso 29 aprile un operatore sociale, Giampietro, è stato licenziato dalla cooperativa per cui lavorava. Si tratta della “I.SO.LA.”, che assieme ad altri enti gestisce il servizio di emergenza sociale per conto del V dipartimento Comune di Roma. Lavorava con un contratto che molti di noi conoscono, data la precarietà dilagante nel settore dei servizi sociali: il contratto a progetto.

Lottiamo con Giampietro, contratto nazionale per tutti/e!

È proprio vero: certe vicende per poterle comprendere a fondo, bisogna provarle sulla propria pelle! Così come è vero che chi appartiene ad un mondo fatto di privilegi, magari ottenuti a spese degli altri o esercitando un “potere”, baserà sempre la sua condotta su principi di potere e di privilegio.
Lo scorso 29 aprile un operatore sociale, Giampietro, è stato licenziato dalla cooperativa per cui lavorava. Si tratta della “I.SO.LA.”, che assieme ad altri enti gestisce il servizio di emergenza sociale per conto del V dipartimento Comune di Roma. Lavorava con un contratto che molti di noi conoscono, data la precarietà dilagante nel settore dei servizi sociali: il contratto a progetto.
Di strada Giampietro ne aveva fatta tanta: al Co.Pro. ci era approdato dopo una lunga gavetta grazie alla quale ha potuto fare esperienza, necessaria oggigiorno per un corretto disciplinamento ai nuovi valori della flessibilità, del turn over, del mercato. Le amarezze di un rapporto occasionale prima, lo sfuggente rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, fino alla promozione, conquistata a prezzo durissimo (…e salario bassissimo!) del progetto! Un contratto sicuro, perché previsto da una legge, la 30/2003, che si è posta l’obiettivo di far emergere il lavoro parasubordinato e trasformarlo in lavoro dipendente o autonomo a seconda dei casi. Gran bell’affare per i detentori di questo contratto, la cui posizione lavorativa è rimasta identica a prima: precaria, sottopagata, ricattabile. Con l’aggravante che ora c’è la legge, quindi ciò che prima era permesso, ora è legale!
Il servizio in questione è uno di quelli maggiormente sponsorizzati dal Comune di Roma, vero e proprio fiore all’occhiello dell’Assessorato alle Politiche Sociali per efficienza e capacità di coniugare l’utilizzo delle migliori tecnologie con le risorse umane nel campo del sociale. Le sfreccianti macchine dell’ SOS, dotate di impianto satellitare monitorato dalla Sala Operativa Sociale, offrono soccorso e primo intervento ai bisognosi della città, un encomiabile intervento a protezione delle fasce sociali ultra-deboli che riempiono le nostre luccicanti metropoli.
Forse sarebbe il caso di dire “infestano” dato che i racconti degli operatori che ci lavorano mostrano un lato del servizio a dir poco inquietante, assimilabile ad un pronto intervento di pulizia delle strade dai casi più disperati di disagio sociale! L’operatore, privo di ogni possibilità reale di aiuto immediato, compie gli interventi segnalati dalla Sala Operativa e, caso strano, spesso si tratta di barboni “troppo puzzolenti” da far sloggiare, miserabili rifugiati nel terrazzo di qualche condominio ecc. In più, nel servizio di punta del Comune di Roma, quello su cui convergono i migliori investimenti anche mediatici, i rapporti di lavoro continuano ad essere precari e da oggi c’è anche il licenziamento facile!
Giampietro ha avuto la colpa di chiedere l’applicazione del Contratto Nazionale di categoria, uno dei peggiori contratti firmati negli ultimi anni, che non prevede neanche una contribuzione piena, salari da fame, aumenti fittizi. Troppo per la presidente di “I.SO.LA.”, questi operatori non si sono ancora abituati a rigar dritto e non rompere le scatole, avrà pensato! E allora a chi le rompe non si rinnova il contratto, così anche gli altri perderanno la voglia di reclamare il giusto, ciò che spetterebbe loro di diritto! Poco importa se la persona licenziata ha perso l’unica, esigua fonte di reddito, se vivrà questo incubo per i prossimi tempi, se dovrà inventarsi chissà quali espedienti per tirare avanti, in attesa di un altro contratto a progetto!
Eppure la presidente di “ISOLA” sa bene cosa vuol dire poter contare su garanzie economiche e normative: dipendente del ministero di Grazia e Giustizia con tutte le tutele previste in quanto lavoratori/trici. Perché lei invece precarizza i lavoratori della sua cooperativa? Come fa a gestire contemporaneamente l’attività di manager di cooperativa e la sua mansione Ministeriale? Forse attraverso rapporti familistici con dirigenti di altre cooperative?
E noi? Noi che lavoriamo in questo settore, che sappiamo come si vive con questo lavoro, che conosciamo le regole non scritte del lavoro nelle aziende-cooperative, paghe basse, retribuzioni in ritardo, precarietà, usura fisica e mentale: come rispondiamo?
Diamo la nostra solidarietà a Giampietro, chiediamo a gran voce il suo reintegro!
Potrebbe essere un passo decisivo per imporre il contratto nazionale per tutti/e, in nome della giustissima rivendicazione che a Giampietro è costata il lavoro!
Appuntamento sotto l’Assessorato al Lavoro per un sit-in - Lunedì 27 giugno 2005 ore 10,00 Lungotevere De Cenci, 5
COCITTOS (Coordinamento cittadino operatori sociali) Riunioni ogni giovedì alle 21,00 Via Appia Nuova, 357
Informazioni sul sito internet: http://WWW.SOSPRECARI.IT

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9