Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
REPRESSIONE!!!!!!!
by Yuri Libero Thursday, Jun. 02, 2005 at 3:54 PM mail: simone@mapconsulting.it

Manifestazione pacifista a Roma, contro il corteo militare del 2 Giugno, viene repressa dalla polizia, che arriva ad utilizzare i manganelli e manda un compagno all'ospedale. I motivi di questa fine? Non esistono, e nessuno vuole assumersene le responsabilità...

Manifestazione pacifista a Roma, contro il corteo militare del 2 Giugno, viene repressa dalla polizia, che arriva ad utilizzare i manganelli e manda un compagno all'ospedale. I motivi di questa fine? Non esistono, e nessuno vuole assumersene le responsabilità...
Il corteo, avuto inizio alle 11:00 da porta San Paolo (metro Piramide) e accompagnato da numerosissime camionette della polizia, marcia per qualche centinaio di metri, poi, all'improvviso, una decina di poliziotti, guidati da un agente della Digos, fermano il corteo, dirigendosi nel suo mezzo. Immediata la risposta dei manifestanti, che si avvicinano cercando di capire cosa succedeva. "Dovete togliere uno striscione", dice l'agente. A gestire la faccenda ci pensano gli organizzatori del corteo, tra i quali Piero Bernocchi dei Cobas. Lo striscione accusato di villipendio reca lo slogan "Pisanu vergogna della Repubblica: chiudere i lager CPT". Ci si domanda quali siano i termini dell'ordine dato, ma nessuno sa rispondere. L'agente Santoro, della Digos, dice che sta chiamando i suoi superiori, per sapere come dover procedere. Passa il tempo, i superiori arrivano, guardano lo striscione, ma nulla di fatto: non lasciano ripartire il corteo, e addirittura, nonostante nessuno sappia dire quale legge vieti di mostrare quello striscione, dicono che chi lo porterà sarà denunciato. Il corteo risponde portando in prima fila lo striscione accusato, e, con le mani in alto in segno di non violenza, i manifestanti incominciano ad urlare "Corteo, corteo, corteo!", e vanno avanti, incominciando a spintonarsi con la polizia. I "tutori" dell'ordine si mettono i caschi, qualcuno di loro addirittura, senza nessun motivo e in maniera molto stupida, tira i capelli ad un manifestante. La tensione aumenta, incominciano i cori "fascisti, fascisti!" e "che ne faremo delle camicie nere, un sol fascio e poi lo brucerem, che ne faremo delle camicie nere, tutte al muro e le fucileremo!". Poi di nuovo la calma. Passa il tempo, oramai è quasi l'una. Si decide di non aspettare più le decisioni della Digos, e il corteo si sposta, dicendo di volersene andare. Ma no. La polizia non vuole, e mentre i manifestanti cercando di andarsene, li chiude di nuovo, obbligandoli a restare in piazza, circondati. Arrivano nuovi reparti, la piazza viene chiusa. Non sono armati di scudi i celerini, del resto i manifestanti sono disarmati. Di nuovo ci sono spinte, poi volano le prime manganellate: la prima testa viene spaccata. Poi di nuovo, altre manganellate, altri feriti, una chiazza di sangue sulla strada, e poi un manifestante viene portato via, in arresto. E' il culmine, ricominciano gli scontri, volano altre manganellate contro i manifestanti disarmati, che urlano contro la polizia "pagherete caro, pagherete tutto!". Poi, alle spalle, un signore, che non stava facendo nulla, si vede arrivare in testa una manganellata. Cade a terra, con le mani sulla testa piene di sangue. Si fermano tutti, la moglie urla terrorizzata, dicendo alle guardie che le farà saltare tutte, che si ricorda perfettamente il volto di chi ha scagliato quella vigliacca manganellata. Momenti di tragedia in piazza, tra i flash dei fotografi e le telecamere di donne e uomini senza "bandiera", i manifestanti rimasti urlano "Assassini, assassini!". Arriva l'ambulanza, la tensione scende, e finalmente ci è permesso andarcene. Ma nessuno vuole che finisca così, per questo, tornati a Porta San Paolo, inizia un'assemblea, nella quale poi sarà comunicata la liberazione del compagno arrestato in precedenza durante gli scontri.
Un attacco vigliacco, adotto con la scusa di un manifesto che alla fine non importa assolutamente alla polizia e alla digos. Volevano fermare quel corteo di poche centinaia di persone, quel grido alternativo che però rappresenta il 70% degli Italiani. Se pensano che con la repressione fermeranno le nostre idee, il nostro movimento, si sbagliano. Possono spaccare tutte le teste che vogliono, ma a vincere saremo noi.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9