Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
(bologna) Liberi subito! dalla città già in rivolta
by baz Friday, May. 20, 2005 at 12:04 AM mail: baz at.ecn.org

liberi tutti e subito! COFFERATI NON LAMA NESSUNO!

Stavamo scrivendo un comunicato di solidarietà alla nuova occupazione di un'aula autogestita in università avvenuta ieri a Bologna, quando abbiamo saputo degli arresti dei tre compagni di passpartout.
Scriviamo allora parole di gioia e di rabbia, parole comunque di complicità e solidarietà.
Solidarietà e complicita' agli studenti precari che ieri hanno liberato nella fabbrica dei saperi di guerra, l'università, un nuovo spazio, un luogo di connessione tra autorganizzazione sociali e saperi scatenati dalla morsa della produttività universitaria.
Solidarietà e complicità a vittorio, fabiano e ....., che questa mattina sono stati oggetto di una perquisizione e poi di un arresto. Come per l'iniziativa "vola al cinema con san precario" il solito magistrato ha elargito capi di accusa gravissimi come quello di associazione eversiva. Alla sbarra è finita un'iniziativa di lotta sui saperi, un occupazione e la fotocopiatrice copyriot, alla sbarra sono finite legittime, antiche e nuove pratiche di appropriazione e denuncia che da secoli sfondano il muro della legalità dei regimi producendo diritti, da sempre grammatica reale di emancipazione della classe operaia, contadina e non garantita, dei movimenti sociali.
Vogliamo da subito la scarcerazione dei compagni! e la fine della intimidazioni contro i comportamenti sociali e le appropriazioni del precariato metropolitano in lotta. E' una città intera a dichiararlo! E' quella città altra, necessaria e già in rivolta che si costruisce nella solidarietà dei picchetti antisfratto, nelle occupazioni di case e spazi, nei punti copyriot dove è possibile condividere e rielaborare saperi e conoscenze gratuitamente, negli autobus quando le macchine obliteratrici scioperano, fuori al lager di via Mattei quando i migranti internati protestano ed evadono, e' la città che non è stupita dalle politiche di Cofferati, che non è affatto delusa in quanto era ben consapevole da prima della sua elezione che a pagare il prezzo della poltrona di centro-sinistra sarebbero stati i migranti, molti studenti e tutte le fasce deboli e non garantite. Il gravissimo evento intimidatorio di oggi che ha colpito tre compagni sempre in prima fila nelle lotte sociali non è affatto alieno al clima politico prodotto dalle dichiarazioni di Cofferati sulla città delle regole e della legalità, ricordiamo che il comune di Bologna è l'unico in tutta Italia ad essersi espresso contro la giornata del 6 novembre definendo i protagonisti di quella grande giornata di appropriazione e comunicazione precaria come delinquenti, l'amministrazione Cofferati incita a prendere a "bastonate gli irregolari" (nel caso specifico profughi della guerra dell'exjugoslavia, occupanti di casa), dichiara l'autorganizzazione dal basso e le occupazioni di case sfitte come la cosa piu' dannosa per la città, proibisce la socialità nelle piazze e nelle strade a suon di multe e polizia, applica quindi alla lettera e senza sconti la legge bossi-fini e la legge fini... questa è la legalità di cofferati: quella dei padroni che sfruttano i migranti nel lavoro in nero, quella dei ricchi proprietari di case che si ingrassano sugli affitti delle migliaia di studenti precari della città, quella dell'impresa che distrugge parchi verdi e spazi sociali per fare strade e grattacieli. E' questa Bologna, un pugno di ricchi criminali e poltronari da palazzo, che oggi è indifferente o si compiace dell'evento repressivo e intimidatorio. Una Bologna che Cofferati ha scelto di consegnare su di un piatto di lacrime a sangue a Prodi come città della sperimentazione del prossimo governo dell’Unione, con l’uso intensivo delle nuove leggi del mercato del lavoro e della Bossi-fini attraverso gli sgomberi dei migranti, la negazione dei diritti acquisiti dei lavoratori pubblici, la chiusura dei territori ai momenti di socialità, la svendita del patrimonio pubblico.

Per quanto ci riguarda noi siamo decisamente altro, siamo parte sociale attiva e sempre in movimento nel rivendicare diritti, produrre e difendere conflitto sociale. Siamo la città necessaria e già in costruzione che oggi dice:
liberi tutti e subito!
COFFERATI NON LAMA NESSUNO!

Appuntamento per tutti e tutte alla manifestazione di sabato alle 15.30 in piazza xx settembre

Laboratorio del Precariato Metropolitano Crash Occupato - Movimento Autorganizzato Occupanti - CopyRiOt ProjEct


enjoy baz 4 high tech proletariat
http://www.ecn.org/baz

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 1 commenti visibili (su 1) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
ah! sciagurati! Friday, May. 20, 2005 at 1:03 AM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9