Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
[Bologna] Arresti: Agenzie
by Black_Cat Wednesday, May. 18, 2005 at 9:14 PM mail:

Agenzie sugli arresti di questa mattina

BOLOGNA. TRE NO GLOBAL ARRESTATI: ’CI DICHIARANO GUERRA’
Mercoledì 18 maggio 2005
[ versione per la stampa ]

(ER) BOLOGNA. TRE NO GLOBAL ARRESTATI: ’CI DICHIARANO GUERRA’

’PROCURA SI ADEGUA AL CLIMA VOLUTO DA COFFERATI’; SABATO CORTEO
(DIRE) - BOLOGNA- Tre ragazzi protagonisti dell’occupazione di uno spazio in via del Guasto, a Bologna (ribattezzato "System Error" e sgomberato nel giro di un giorno lo scorso 26 aprile), sono stati arrestati oggi nel capoluogo emiliano-romagnolo e rinchiusi nel carcere felsineo della Dozza. Fabiano, Vittorio e Carmine, questi i loro nomi, sono stati prelevati alle 7 di stamattina negli alloggi che occupano, assieme ad altri collettivi, in via Ristori, al quartiere San Donato, da agenti della Digos, con "un’azione di forza e repressione poliziesca" che innesca una durissima reazione di no global e movimenti. "E’ stata dichiarata guerra contro di noi", dice Gianmarco de Pieri, dei Disobbedienti di Bologna, il quale annuncia che sabato prossimo ci sara’, nel pomeriggio, una manifestazione nazionale, sempre a Bologna, per chiedere la liberazione dei tre ragazzi. Ma le accuse sono rivolte anche contro la Procura della Repubblica e il Comune di Bologna, in primis il sindaco Sergio Cofferati, il quale "non nasconde il suo fastidio, la sua non sopportazione e voglia di distruggere ogni forma auto-organizzata, e che si pone, a sinistra, al di la’ della sua giunta e del suo progetto tutto legge e ordine". De Pieri chiede di aderire al corteo di sabato sia a chi "si aspettava innovazioni da Cofferati, sia a chi, fin dall’inizio, vi ha visto solo la ricerca delle poltrone; entrambe queste categorie, infatti, oggi si stanno dicendo che a questo punto o ci si muove o si disubbidisce, altrimenti si torna ai tempi della giunta Vitali e a una citta’ sotto scacco del ’Principe’ che la comanda e che vuole normalizzare ogni opposizione sociale e politica". Di questo clima nuovo risentirebbe anche l’azione dei magistrati. De Pieri esclude complotti o "camere di consiglio che decidono sulla citta’", ma dice: "La Procura ha fatto una scelta consapevole, se sia complice non lo so, ma di certo e’ allineata al nuovo clima".
(Mac/ segue)
15:43 18-05-05 GIP
(ER) BOLOGNA. TRE NO GLOBAL ARRESTATI: ’CI DICHIARANO GUERRA’(2)

— (DIRE) - BOLOGNA- Gli arresti hanno fatto andare su tutte le furie i no global accorsi in massa, perfino da Reggio Emilia, alla conferenza stampa di oggi nella sala Parentelli del Comune di Bologna, dove erano presenti anche i Verdi Carmelo Adagio, Massimo Fundaro’ e Roberto Panzacchi, poi Valerio Monteventi, consigliere comunale del Prc, esponenti delle Rdb e di altri collettivi. I ragazzi arrestati, incensurati, "sono tre persone normali, finite in carcere per aver disubbidito a un diktat del centrosinistra". L’accusa a loro carico e’ anche quella di eversione dello Stato, "ma se Cofferati e i magistrati pensano di ricondurci all’ordine o di ridurci a cittadini sudditi si sbagliano: il dissenso e’ partecipazione, la lotta e’ democrazia e noi, piaccia o no- promette De Pieri- continueremo ad autoassegnarci le case e andare al cinema gratis". Come per l’autoriduzione al Cinema Capitol, altro blitz realizzato dai no global nei mesi scorsi, anche per via del Guasto e’ stata invocata l’aggravante della legge 15 del 1980, "la legge Cossiga", ed e’ da allora che a Bologna non si facevano arresti in base a questa norma. I tre ragazzi sono accusati di invasione, danneggiamento, lesioni, minacce, resistenza a pubblico ufficiale (ma sono negate violenze per lo sgombero di via del Guasto ai danni degli agenti, anche se i poliziotti sono rimasti a casa in prognosi per alcuni giorni). Alcuni dei reati contestati sarebbero stati reiterati e hanno tutti l’aggravante dell’eversione. Elia De Caro, legale dei ragazzi, prova a smontare le accuse: definisce spropositato il ricorso al carcere, "misura molto vessatoria", specie per reati che di per se’ non la richiederebbero, soprattutto se si pensa che l’accusa centrale e’ di aver progettato uno spazio per fare fotocopie contro le norme sul copyright. Questa sarebbe l’eversione, "una forzatura per un quadro accusatorio cosi’ grave". Senza l’aggravante dell’eversione, poi, difficilmente sarebbero stati portati in carcere, anche perche’ sono incensurati.
(Mac/ Dire)


ANSAweb
Bologna - Occuparono locale ateneo, tre arresti
Contestata aggravante eversione ordine democratico
Mercoledì 18 maggio 2005
[ versione per la stampa ]
BOLOGNA - Tre ordinanze di custodia cautelare dopo l’occupazione, durante una protesta, di un locale in uso all’Ateneo di Bologna in via del Guasto, nel cuore della zona universitaria, sono state eseguite stamane dalla Digos.
Uno dei provvedimenti, richiesti dal pm Paolo Giovagnoli e firmati dal gip Montagni, e’ stato emesso per violenza privata, gli altri due per lesioni a pubblico ufficiale, tutti con l’aggravante dell’eversione dell’ ordine democratico. Gli episodi risalgono a fine aprile.
A quanto si e’ appreso, secondo l’accusa il proprietario dei locali (occupati per un paio di giorni) sarebbe stato minacciato e aggredito da uno degli occupanti, mentre il giorno successivo agenti della Digos sarebbero stati malmenati durante un controllo.

Fonte:
http://www.globalproject.info/art-4863.html
http://www.ansa.it/main/notizie/regioni/emiliaromagna/news/2005-05-18_345445.html

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 4 commenti visibili (su 6) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
ansa ansa Thursday, May. 19, 2005 at 2:44 AM
allora! rk Thursday, May. 19, 2005 at 1:38 AM
.......................... priscilla Wednesday, May. 18, 2005 at 10:15 PM
se posssibile... me Wednesday, May. 18, 2005 at 9:38 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9