Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
[BO] Riprendiamoci Piazza Verdi / Oggi assemblea studentesca d'ateneo
by Rete Universitaria Wednesday, Apr. 27, 2005 at 1:07 PM mail:

Report prima giornata di riappropriazione di Piazza Verdi - Oggi assemblea studentesca d'ateneo - Treno occupato per euromayday 005, la street parade del precariato metropolitano in lotta (Milano), concentrazione dom1maggio stazione centr. ore 10.30

RIPRENDIAMOCI PIAZZA VERDI
Una piazza simbolo del movimento studentesco, ma che perennemente occupata dalle camionette e dalle divise è ormai diventata simbolo delle politiche autoritarie e repressive di un’amministrazione comunale che di fronte alle problematiche sociali reagisce sistematicamente in termini di ordine pubblico piuttosto che di risposte politiche. Saremo in piazza per ribadire il nostro no alla miltarizzazione e per dimostrare che l’unica via per far rivivere la zona universitaria passa per l’aggregazione spontanea e le iniziative autorganizzate, la socialità gratuita e accessibile a tutti, la libertà d’espressione e la ribellione creativa
***
Breve resoconto di ieri in Piazza Verdi e programma di oggi
***
Arrivando in Piazza Verdi abbiamo scoperto che non solo c'erano i mercantini promossi dal Comune ma che questi occupavano l'intera piazza. Avendo comunicato tempi e modi della nostra inziativa quasi un mese fa, ci sembra singolare che Questura o Comune non abbiano pensato perlomeno ad avvertirci della sovrapposizione...
Non ritenendo utile o giustificato uno scontro con i lavoratori dei mercatini, abbiamo deciso di bloccare il traffico in Via Zamboni e svolgere la nostra iniziativa nella strada. Nonostante l'improvvisazione la dinamica è stata forse migliore di quanto sperassimo: per tutta la giornata Via Zamboni è stata pedonalizzata dal basso e mostre, interventi al microfono e banchetto informativo hanno destato molto interesse tra gli studenti.
Prima ancora che la piazza fosse liberata dal mercatino, gli studenti hanno iniziato a entrarci e a viverla come dovrebbero poter fare ogni giorno, come luogo di socialità gratuita e di aggregazione naturale. Nel corso della sera la piazza si è totalmente riempita, tanto che le Scuderie (locale di proprietà Arstud paradigmatico della gestione dell'università e della zona universitaria in quanto privatizzato, caro e solito selezionare la propria clientela sulla base dell'abbigliamento o addirittura del colore della pelle) sono state costrette a chiudere, con nostra grande gioia.
La cena popolare con distribuzione di oltre 100 piatti di pasta a 1 euro ci ha poi permesso di praticare ancora una volta un'alternativa concreta al carovita dilagante e in particolare ai prezzi inaccettabili della mensa universitaria di Bologna, con la quale abbiamo un percorso aperto di conflitto che ha visto un salto di qualità con l'autoriduzione del 19/4.
Appuntamento ad oggi: all'assemblea studentesca importantissima per pensare nuove mobilitazioni contro il numero chiuso alle specialistiche, aperitivo sociale, cena popolare e serata di festa in piazza!
In rotta verso l'euromayday... domenica 1 Maggio treno occupato per Milano, appuntamento ore 10,30 in stazione!

MERCOLEDI 27 APRILE
ore 17

Aula C - via Centotrecentotrecento - Facoltà di Lettere e Filosofia

Assemblea studentesca d'Ateneo

Il decreto del senato accademico del 5 aprile declina nella realtà universitaria bolognese il disegno politico organico alla riforma del 3+2. Una laurea triennale di massa dequalificata sul piano formativo e dequalificante su quello lavorativo ed una laurea specialistica davvero spendibile sul mercato del lavoro riservata ad ubna ristretta e selezionata élite. L'unica risposta deve essere il rifiuto di qualsiasi numero chiuso e sbarramento ai più alti gradi dell'istruzione, in nome del libero e gratuito accesso al sapere.

dalle 19

aperitivo e cena sociale

. a seguire

Degrado tarantolato - portate strumenti e fantasia!





versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 7 commenti visibili (su 7) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
X ESSO SU DEU Friday, May. 13, 2005 at 12:48 AM
X deu Antabbestia Saturday, Apr. 30, 2005 at 6:46 PM
ma che lotta siete fighetti Saturday, Apr. 30, 2005 at 3:09 PM
triste è la fine deu Wednesday, Apr. 27, 2005 at 11:31 PM
gli anni settanta mikelino Wednesday, Apr. 27, 2005 at 5:17 PM
simbolo di lotta? ma va lá Wednesday, Apr. 27, 2005 at 3:10 PM
bolgia elephantman Wednesday, Apr. 27, 2005 at 2:27 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9