Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
[bo] Report autoriduz. in mensa + contestaz. al Cons. di fac. di sc.pol.
by Rete Universitaria di Bologna Tuesday, Apr. 19, 2005 at 10:12 PM mail: reteuniversitari.bo@inventati.org

giornata di mobilitazione contro due delle più eclatanti manifestazioni della quotidiana negazione del diritto allo studio

Un euro è bastato!
Questa mattina noi studenti della Rete Universitaria siamo entrati nella mensa universitaria di Piazza Puntoni per praticare un iniziativa di autoriduzione incontrando il sostegno di molti studenti presenti, consumendo oltre 150 pasti al prezzo che hanno ritenuto giusto. Al grido di "1 EURO PUO' BASTARE" abbiamo distribuito i buoni "Mo' Pasta!" e comunicato con striscioni, megafono e volantini ai lavoratori, agli studenti e ai passanti le motivazioni che da mesi ci spingono a portare avanti una campagna contro la gestione della mensa universitaria.
La Concerta, l'azienda privata che gestisce la mensa, ha deciso ha rifiutato ogni forma di dialogo e trattativa sospendendo la distribuzione dei pasti per poi mandare i propri buttafuori a chiudere addirittura le porte impedendo a molti studenti di entrare.
Usciti dalla mensa ci siamo diretti in corteo verso la Facoltà di Scienze Politiche, dove era previsto lo svolgimento del Consiglio di Facoltà al quale doveva prendere parte il Rettore Pier Ugo Calzolari, per protestare contro le innovazioni adottate per limitare l'accesso alle lauree specialistiche. Peccato però che il "magnifico" abbia deciso all'ultimo momento di non farsi vedere.
Abbiamo deciso di entrare comunque all'interno del Consiglio per parlare direttamente con la Preside, i professori e tutti gli studenti presenti, per dire a chiare lettere che siamo e saremo sempre contrari ad ogni
forma di selezione e di negazione del diritto allo studio.
Dopo aver constatato l'assenza di risposte da parte delle istituzioni universitarie abbiamo fatto pressioni per ottenere un momento pubblico di discussione sulla vicenda durante il quale dovranno darci delle risposte o assumersi la responsabilità di un ulteriore passaggio a vuoto.
L'assemblea rivolta a tutti gli studenti, anche a quelli delle altre Facoltà perchè il problema dell'accesso alle lauree specialistiche è un problema che riguarda tutti gli studenti, è previsto per

GIOVEDI' 21 APRILE
alle ore 15 a SCIENZE POLITICHE, Strada Maggiore 45

***********************************************************
Rete Universitaria
Assemblea tutti i lunedì ore 21 al
VAG di via Paolo Fabbri 110 -
***********************************************************
seguono il volantino che abbiamo distribuito agli studenti e quello dato ai lavoratori:


Mo’ pasta! Oggi hanno offerto loro…

Oggi autoriduzione in mensa


Un euro è bastato. Oggi noi studenti delle Rete Univesitaria abbiamo deciso di praticare un’autoriduzione nella mensa di piazza Puntoni, incontrando il sostegno e la partecipazione di moltissimi studenti, pagando oltre 150 pasti al prezzo che ritenevamo giusto perché crediamo
che i prezzi che ci vengono imposti siano inaccettabili.
Abbiamo voluto in questo modo cominciare a riappropriarci di un piccola parte di ciò che quotidianamente ci viene sottratto e rivendicare contemporaneamente la completa gratuità della mensa. Abbiamo continuato così la campagna portata avanti in questi mesi attraverso inchieste e distribuzioni gratuita di pasta davanti alla mensa, con nuove pratiche ma con gli stessi obbiettivi.
La Concerta, l’azienda privata a cui l’Arstud ha appaltato il servizio, ha rifiutato qualsiasi forma di dialogo o di trattativa, attuando come unica risposta la sospensione della distibuzione dei pasti, nonostante i molti studenti in fila, per poi addirittura chiudere l’ingresso.

Ma una reazione di questo tipo non ci impedirà certo di proseguire il nostro percorso, perché siamo stanchi di una mensa appaltata a un privato che impone i prezzi più alti d’Italia e che non è in grado con soli 200 posti di far fronte alle esigenze di una città con più di 100.000 studenti.

Siamo stanchi delle politiche dell’Arstud che, attraverso
l’esternalizzazione dei propri servizi, rende fonte di rofitto per pochi e oggetto di spartizione politica la necessità degli studenti di soddisfare i propri bisogni materiali. In una città in cui si affittano singole a 500 euro, in cui persino in mensa un pasto completo costa quasi 6 euro; l’Arstud lascia interi studentati vuoti e trasforma l’ex mensa delle scuderie in uno dei locali più cari di Bologna.

Sulla necessità di dormire, spostarsi, mangiare si costruisce la possibilità di studiare e quella di affrontare il presente e progettare il futuro: su questi bisogni primari non siamo disposti a trattare.

Come segmento di quel precariato che vive le contraddizioni e la durezza delle condizioni materiali imposte dall’ipermercato-Bologna, crediamo che l’unica risposta stia nella riappropriazione diretta. Questa pratica si colloca proprio sul terreno dei bisogni, individuando contestualmente anche la via più rapida alla loro soddisfazione; saltando qualsiasi mediazione istituzionale, ma inchiodando l’istituzione alle sue stesse contraddizioni. Oggi abbiamo scelto la forma dell’autoriduzione, sapendo di percorrere una strada comune al precariato che si riappropria della case e degli spazi sociali occupandoli, della libertà di movimento con
lo sciopero del biglietto, della cultura con il p2p. La stessa strada che porta all’ EuroMayDay il 1 maggio a Milano.

AI DIPENDENTI DELLA MENSA UNIVERSITARIA

Da alcuni mesi stiamo portando avanti una campagna di iniziative di sensibilizzazione e mobilitazione legate alla situazione della mensa universitaria. In sintesi contestiamo i prezzi troppo alti (la mensa di Bologna è nettamente la più cara d’Italia), l’inadeguatezza della
struttura di Piazza Puntoni rispetto al numero di studenti universitari bolognesi e il fatto che tale servizio non è gestito direttamente dall’Università o dall’Arstud ma da un’azienda privata come la Concerta.

Ciò che ci preme sottolineare immediatamente è che la nostra protesta è indirizzata verso l’Università in primo luogo e i dirigenti della Concerta in secondo luogo, e non investe in nessun modo i dipendenti che lavorano in mensa. Siamo infatti consapevoli del fatto che anche i problemi riscontrati nel servizio, in particolare i tempi d’attesa
lunghissimi e le code interminabili tra le 13 e le 14, sono da imputare all’insufficienza strutturale della mensa e non a cause soggettive legate al lavoro dei dipendenti. Sappiamo anzi che se qualità dei pasti resta assolutamente dignitosa è anche e soprattutto grazie alla coscienza dei singoli dipendenti.
Alla Concerta (e all’Università, che dovrebbe quantomeno vigilare su come vengono gestiti i servizi che appalta ai privati) noi contestiamo il modello di gestione che non ci sembra adeguato alla nostra idea di mensa universitaria: basta pensare ai milioni di euro spesi per una ristrutturazione che ha cambiato solo esteticamente gli spazi della mensa senza aumentare realmente il numero dei posti a sedere, o alla scelta di investire soldi in due televisioni al plasma con abbonamento a SKY invece che sulla qualità del cibo, sull’efficienza del servizio o
meglio ancora su una riduzione generalizzata dei prezzi.

Crediamo che questo modello di gestione basato su logiche puramente commerciali che nulla hanno a che vedere con un servizio pubblico abbia conseguenze negative anche sulle vostre condizioni di lavoro: basta pensare al ritmo di lavoro frenetico e al livello di stress a cui siete sottoposti nei momenti di maggiore affluenza.

Tra l’altro sappiamo che anche tra i dipendenti della Concerta vi sono malumori e proteste legate agli stipendi non certo altissimi, alle condizioni di lavoro spesso inadeguate e ad un livello di mobilità interna assolutamente eccessivo. Rispetto a questi problemi, che
crediamo assolutamente legati ai nostri, non possiamo che ribadirvi la nostra solidarietà e la massima disponibilità a iniziative comuni.

Non abbiamo intenzione di chiedervi un sostegno attivo alla nostra lotta, che sappiamo non potreste darci essendo come lavoratori dipendenti in una condizione di perenne ricattabilità, quello che vi proponiamo è di immaginare possibili percorsi di collaborazione basati
sull’idea che determinate politiche azienda li colpiscono sia i lavoratori sia gli utenti del servizio.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
foto arrivo a pal. Hercolani del corteo partito da piazza puntoni
by uN((i))b00m Tuesday, Apr. 19, 2005 at 11:00 PM mail:

foto arrivo a pal. H...
01_arrivo.jpeg, image/jpeg, 648x518

strada maggiore

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
ingresso di palazzo hercolani
by uN((i))b00m Tuesday, Apr. 19, 2005 at 11:02 PM mail:

ingresso di palazzo ...
02_arrivo.jpeg, image/jpeg, 720x576

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
nel cortile
by uN((i))b00m Tuesday, Apr. 19, 2005 at 11:05 PM mail:

nel cortile...
03_cortile.jpeg, image/jpeg, 720x576

seguiranno altre foto dell'azione al consiglio di facoltà

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
altre foto + clip video
by uN((i))b00m Wednesday, Apr. 20, 2005 at 12:13 AM mail:

video: MPEG at 2.5 mebibytes

Le altre foto scattate a Scienze Politiche sono all'indirizzo

http://uniboom.gnumerica.org/photos/spbo050419/

In allegato una breve clip video molto low-fi girato mentre gli studenti salivano la scalinata di Palazzo Hercolani verso l'Aula Poeti dove era previsto il consiglio di facoltà (formato MPEG1, 2,49MB)

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9