Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Eversivo è il capitale ! solidarietà ai compagni indagati
by Filippo Pangallo Thursday, Mar. 31, 2005 at 10:52 PM mail:

in merito al vergognoso atto repressivo contro 29 compagni protagonisti nell'ottobre 2004 di una vertenza contro il carovita e la precarietà.. indagati e accusati di violenza privata, turbativa violenta del possesso di cose immobili, molestia alle persone...

..e si riesumano le leggi antiterrorismo ! la 15 del 1980..
una mostruosità !

Eversivo è il capitale

Mentre la crisi capitalistica produce l’accelerazione imperialistica su scala internazionale, sul fronte interno ecco come la borghesia e il suo Stato rispondono ai bisogni materiali delle masse popolari, dei precari e dei disoccupati. Mentre crescono le vertenze e le lotte si monta una nuova campagna repressiva. Mentre l’imperialismo è alla ricerca di nuovi profitti sulla pelle del popolo irakeno, generando morte, miseria e sfruttamento, la nostra borghesia difende i suoi privilegi di classe e i suoi profitti e colpisce duramente le lotte sociali. Precarietà e disoccupazione sono l’orizzonte di sfruttamento e di alienazione che il capitale ha imposto a migliaia di giovani e di lavoratori attraverso governi e amministrazioni locali borghesi, di centrodestra e centrosinistra; l’attacco incessante alle condizioni di vita delle masse popolari è la risposta di un capitale in crisi, che scarica i costi sulle pelle dei lavoratori e del proletariato; i prezzi dei servizi aumentano, aumentano le privatizzazioni e le esternalizzazioni, i salari operai sono da fame e il precariato una condizione quotidiana; reddito, diritti e casa sono bisogni ai quali si risponde con i manganelli, gli sfratti e la repressione. Il crollo dello stato operaio deformato sovietico, la crisi economica mondiale, l’incapacità e la degenerazione delle direzioni riformiste del movimento operaio, hanno spianato la strada, negli ultimi decenni, ad una attacco senza precedenti ai popoli e ai lavoratori, rendendo drammaticamente necessario un salto di qualità dei settori operai più avanzati e dei movimenti di lotta, dei giovani e dei precari autorganizzati: la costruzione di un fronte contro la borghesia, un fronte anticapitalistico in grado di costruire una vertenza unificata sul salario, la disoccupazione e la precarietà, sulla base di una piattaforma anticapitalistica di transizione in grado di legare necessariamente gli obiettivi di trasformazione socialista al livello di coscienza attuale. Bisogna partire dalla constatazione dello stato di crisi marcia del capitalismo scaricata sulle condizioni materiali delle masse e mettere all’ordine del giorno, tra i lavoratori e i giovani, il superamento della società e del potere borghese. La lotta per il diritto allo studio e per l’accesso alla cultura si combatte sullo stesso fronte anticapitalistico: la lotta dei compagni indagati, “colpevoli” di rivendicare servizi culturali e sociali garantiti e per tutti, è la stessa lotta degli operai in difesa dei posti di lavoro, dei disoccupati per il salario garantito, dei movimenti di lotta contro la precarietà e le sue leggi. A Bologna si reprime e si indaga chi solleva problemi e denuncia la condizione di vita di migliaia di sfruttati; a fronte di questo quadro, nel quale si inserisce anche una preoccupante quanto infame crescita di azioni squadristiche di un manipolo di neofascisti, la risposta dei lavoratori (con l’apertura fondamentale di una battaglia per la costruzione di una sinistra di classe nel sindacato in grado di unificare, sulla base di una piattaforma avanzata, settori del sindacato di massa con settori di classe autorganizzati) e dei disoccupati, dei precari, deve andare in direzione della costruzione di Comitati contro il fascismo, la repressione e la precarietà; attraverso lo strumento dei Comitati, anche sul piano studentesco, si possono unire i settori più avanzati dei movimenti giovanili e studenteschi, smascherare i limiti del riformismo e della collaborazione di classe, tanto sul piano locale quanto sul piano nazionale (tanto più in un contesto in cui l’Unione-Ulivo, filo-Nato e filo-Europa imperialista, si candida a ricomporre i rapporti con l’imperialismo Usa, dopo aver da tempo assunto il ruolo di referente politico di Confindustria, confermando totalmente l’impianto delle proprie controriforme borghesi, che dal 92-93 fino al 2001 hanno contribuito ad affamare le classi lavoratrici e a gettare nell’alienazione più completa le masse studentesche popolari) e costruire un piattaforma di lotta che sia egemonica e fuori da ogni corporativismo. I compagni e le lotte non si toccano ! I servizi sociali sono un diritto ! Il salario garantito e la casa pure ! Solidarietà ai compagni indagati ! Criminale è la proprietà capitalistica che affama i disoccupati e i precari e sfrutta il lavoro nero, delegando allo stato borghese la repressione di chi “attenta” ai suoi privilegi, di chi rivendica reddito, di chi per un giorno ha raccolto una briciola di quel profitto che le classi proprietarie succhiano dalle vene dei proletari e dei lavoratori !
La borghesia, in tempo di crisi capitalistica, non è disposta neppure a concedere le briciole, come si vede ! La migliore difesa per i compagni è il rilancio delle lotte e di una piattaforma unitaria dei movimenti di lotta e delle organizzazioni di classe.
AUMENTI SALARIALI E RIDUZIONE DELL’ORARIO DI LAVORO, SENZA CONTROPARTITE DI FLESSIBILITA’
ABOLIZIONE DEL PACCHETTO TREU E DELLA LEGGE 30
VIA LE RIFORMA MORATTI E LA RIFORMA ZECCHINO, ABOLIZIONE DELLE LEGGI SULLA “PARITA’ SCOLASTICA”
SALARIO GARANTITO PER I DISOCCUPATI
SERVIZI SOCIALI GRATUITI E GARANTITI
AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA VERSO ISTRUZIONE , SANITA’ ED EDILIZIA POPOLARE, FINANZIATA CON LA TASSAZIONE PROGRESSIVA DI PROFITTI E RENDITE
NAZIONALIZZAZIONE SENZA INDENNIZZO DELLE IMPRESE CHE LICENZIANO E INQUINANO

SOSTEGNO ALL’INTIFADA E ALLA RESISTENZA IRAKENA – PER LA RIVOLUZIONE SOCIALISTA E PER UNA FEDERAZIONE SOCIALISTA DEL MEDIORIENTE

SOLIDARIETA’ AD EUSKAL HERRIA
DIFENDERE CUBA E TUTTI GLI STATI OPERAI

COSTRUIRE L’ALTERNATIVA ANTICAPITALISTICA
LE LOTTE NON SI PROCESSANO !

SOLIDARIETA’ AI COMPAGNI INDAGATI !

Filippo Pangallo, Circolo Universitario, CPF - PRC Bologna

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 2 commenti visibili (su 2) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
per rosso rosso rosso lucio Friday, Apr. 01, 2005 at 12:51 PM
uno scherzo? rosso rosso rosso Friday, Apr. 01, 2005 at 12:26 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9