Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
gli eversivi di san precario
by baz agit. com. Thursday, Mar. 31, 2005 at 1:58 PM mail: baz at.ecn.org

<<Delitti aggravati ai sensi dell'articolo 1 del decreto legge n. 625 del 1979 (misure urgenti per la tutela dell'ordine democratico e della sicurezza pubblica), per reati commessi per finalita' di terrorismo o di eversione dell'ordine democratico.>>

Cosi' si legge alla fine della capitolazione delle accuse rivolteci dalla procura di Bologna.

Violenza privata, turbativa violenta del possesso di cose immobili, molestia alle persone, piu' le circostanze aggravanti di essere stati in piu' di 10 persone a commettere il fatto...

Sembra proprio un impianto nello stile degli anni del compromesso storico e della criminalizzazione del movimento degli anni '70...

Alcuni dei partecipanti alla settimana di San precario della fine di ottobre 2004 a Bologna hanno cominciato a ricevere in questi giorni le denunce per l'iniziativa "Vola al cinema con San Precario". http://www.ecn.org/baz/precario/cine.html

Ventinove denunce per un'azione di riappropriazione della cultura messa in atto da un centianio di precari e studenti che pensavano, e continuano a farlo, che la cultura e i saperi che producono dal basso non debbano essere a disposizione solo per quelli che possono permetterseli, non debbano diventare merce in vendita a caro prezzo, ma siano beni comuni senza una proprieta' privata e quindi accessibili gratuitamente a tutti.

Un'iniziativa all'interno di una settimana di lotta sul piano del conflitto capitale-lavoro, delle occupazioni di case, di accesso gratuito ai trasporti, di sanzioni dimostrative alle agenzie interinali e deturnamento loghi.

Una settimana in cui il precariato sociale metropolitano ha cospirato insieme, respirando insieme la stessa aria, vivendo momenti di liberazione dalla logica della divisione, riconoscendosi finalmente come l'unico attore della produzione sociale.

Il Ministero degli interni ha individuato nel "movimento politico San Precario" la grave minaccia dell'ordine democratico.

Rimandiamo al mittente l'accusa.

Se di violenza vogliamo proprio parlare, e' quella di questo stato di cose che ci costringe alla precarita', all'intermittenza del lavoro senza garanzie sociali ed economiche, ai proibitivi costi degli affitti nel mentre sono inaccessibili le graduatorie delle case pubbliche per le nuove fasce della precarita', alle relazioni sociali, assistenza e cura che diventano cura dei servizi da comprare sul mercato, alla moltiplicazione di inceneritori e strumenti che producono smog ed elettrosmog, alle frontiere europee che diventano fortezze creatrici di morte e lager.

Il tutto in un regime di guerra infinita che va a determinare lo stato di miseria interna ed esterna, che identifica il nemico esterno nella popolazione che non vuole sottomettersi alle prepotenze economiche delle multinazionali e quello interno in un precariato sociale che ha cominciato la sua rivolta nell'autoriduzione dei beni primari, della cultura, dei trasporti, nell'occupazione di case, nella giornata del 6 novembre di Roma e' che ha ogni anno nella May day la possibilita' d'espressione della sua visibilita'.

Continueremo nelle nostre azioni contro la precarizzazione delle nostre esistenze, la messa a valore delle nostre intelligenze, il controllo dei nostri movimenti.

Ma denunciamo anche che, mentre i solerti funzionari di stato "investigavano", il consiglio comunale di Bologna si prodigava, unico in Italia, nel mettere sotto accusa la giornata del 6 Novembre.

Se Bologna e' l'esperimento locale di quello che sara' il centro-sinistra nazionale vittorioso alle prossime elezioni, abbiamo un'ulteriore conferma di quello che ci aspetteremo col cambio di Presidenza del consiglio.

Precarizzazione, repressione, miseria e cpt.



CRASH!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
solidarieta' a precari@ bolognesi
by precari&precarie palermitan@ Thursday, Mar. 31, 2005 at 2:59 PM mail: flexworkers@libero.it

l'intimidazione e' contro tutti i precari che sud a nord si stanno organizzando x conquistare nuovi diritti e tutele sociali. Case, reddito, servizi sociali,trasporti , saperi e tecnologie x tutt@!nessuno escluso!

REDDITO X TUTT@

SUDMAYDAY'005-PALERMO-1MAGGIO

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
ben gli stà
by riformisti del cazzo Thursday, Mar. 31, 2005 at 4:07 PM mail:

alex foti sentito il pericolo si è butato nelle braccia di scanio, un nome una promessa! gli altri che volevano fare i bambini disobbedienti e creativi pensavano che lo stato chiudesse un'occhio difronte a tanto neoriformismo" e invece no!!!!! se lo prendono nel culooooo,,,,alla grande!

bravi, grande analisi politica, grande fiducia nelle istituzioni democratiche!

coglioni 2 volte!!!!!


versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
fortuna ci sei tu
by megliopeggio Thursday, Mar. 31, 2005 at 4:21 PM mail:

fortuna ci sono ancora i rivoluzionari cazzoduro come te qua sopra. diobono chissà quale analisi avrai fatto tu, e quali mirabolanti azioni guerrigliere!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
ma bravo!
by anti Thursday, Mar. 31, 2005 at 4:25 PM mail:

si infatti, un vero rivoluzionario che gode della repressione sul movimento! in vero un grande rivoluzionario!!! nessuno si illude di niente testa di cazzo! sei solo un illuso tu a crederti qualcosa di diverso da un gran pezzo di merda!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
facile, facile...
by Null Thursday, Mar. 31, 2005 at 4:30 PM mail:

Facile, facile criticare chi ha scelto un altra modalita` di lottare, far il comico a spesa altrui...

bel hobby, eh? facile anche dimenticare il gran contributo di alcun* compagn* in tutti sti anni, nel immaginario, percorso Mayday, elaborazione, convergenza,/...

La situazione e` grave per tutt*... e la soluzione nn e` moltiplicare piccoli scazzi...

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
lampo di genio
by bene bene nel culo ai precari Thursday, Mar. 31, 2005 at 5:00 PM mail:


lo stato non tratta!

noi non trattaiamo con lo stato!


semplice!


non si riforma un cazzo! capito cattolici, precari, donne in nero, pink, e tutta la flora e la fauna riformista!

ma genova non vi ha insegnato proprio un cazzo!

ciao geni della politica!






versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
mah
by mazzetta Thursday, Mar. 31, 2005 at 5:30 PM mail:

spiace per il duropuro, ma le accuse sono totalmente inconsistenti.

a leggerele, fondate sulla testimonianza di due agenti intervenuti a cose fatte, e su quella degli addetti al cinema -tutte che escludono la violenza- si capisce solo il carattere smaccatamente politico del provvedimento.

difficile che regga in tribunale, pare un -obbedisco- a Pisanu fondato sul niente.

Se qualche giudice pensa che ad entrare gratis al cinema si attenti davvero all'ordine democratico, si spera che qualche altro provvederà a chiarirgli le idee.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Solidarietà ai compagni denunciati!
by Ziz Thursday, Mar. 31, 2005 at 5:57 PM mail:

Si vede in casi come questo fino a che punto la società borghese dia forma al principio filosofico di Kant: “Ragionate fin che volete e su quel che volete, MA obbedite” (Kant, Che cos’è l’illuminismo?).
Finché si fanno discorsi culturali di cambiamento e rivoluzione, va tutto bene perché l’apparente libertà di pensiero (la pretesa superiorità illuminista e democratica dell’Occidente) non minaccia l’effettiva illibertà e schiavitù sociale in cui e di cui viviamo. Ma basta solo fare un piccolo gesto concreto che metta in discussione qualcosa, perché la Legge mostri la sua possibilità totalitaria di eccedere a piacere.
Mentre infatti si depenalizza il falso in bilancio e si partecipa a crimini contro l’umanità in Iraq, non pagare una sera al cinema è ascritto tra i “reati commessi per finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico”!
Lo stato perde il senso del ridicolo solo quando fa capolino l’idea che la società non sia UNA (non sia un unico corpo elettorale che legittima l’apparato statale), ma sia divisa tra privilegiati e spossessati, tra ricchi e poveri, tra sfruttatori e sfruttati.
Né è un caso che questo avvenga proprio quando, dopo il fallimento dell’ingessatura socialdemocratica dei social forum, stanno crescendo piccole ma concrete campagne di lotta ed è imminente il ritorno di San Precario con l’avvicinarsi del 1 maggio!

Solidarietà ai compagni denunciati!
Difendiamo uniti tutte le occupazioni!



versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
comunicato cub
by xxx Thursday, Mar. 31, 2005 at 6:14 PM mail:

reddito

rivista quadrimestrale a carattere scientifico di analisi delle dinamiche economico-produttive e di politiche del lavoro [da poco on-line con tutti gli articoli disponibili]


Red-Lab News


La rivolta delle hostess di trenitalia,mercoledì, 26. gennaio 2005

Università di Bologna: studenti contro la privatizzazione e il carovita,domenica, 12. dicembre 2004

Rivolta dei forestali contro i tagli del Governo, Calabria bloccata,venerdì, 10. dicembre 2004

COLOMBIA: PEDRO JAIME MOSCQUERA E’ STATO ASSASSINATO!,domenica, 24. ottobre 2004

Istituti Rizzoli, Manutencoop e Coop “L’Operosa”: la privatizzazione creativa,domenica, 24. ottobre 2004

Idealservice: blocco ai cancelli contro i trasferimenti,venerdì, 15. ottobre 2004

Milano: duramente contestato Montezemolo,mercoledì, 13. ottobre 2004

Repressione alla Parmalat Nicaragua: campagna di solidarietà,mercoledì, 13. ottobre 2004

FIRENZE: CONTRO LE ESTERNALIZZAZIONI DI TELECOM,venerdì, 08. ottobre 2004

Palermo: i capetti dell’IMESI presi a uova in testa,mercoledì, 29. settembre 2004

Videotime (Mediaset): sciopero contro i trasferimenti coatti,venerdì, 17. settembre 2004

Siemens: I lavoratori respingono l’accordo voluto dai confederali,venerdì, 17. settembre 2004

Alitalia: la protesta dei lavoratori dei call center,venerdì, 17. settembre 2004

ROMA: LA NOTTE E’ BIANCA, IL LAVORO E’ NERO,venerdì, 17. settembre 2004

Verona: Occupata la Direzione Provinciale del Lavoro,martedì, 14. settembre 2004

Rifiuti tossici a Forlì: Che se ne vadano tutti!!,martedì, 14. settembre 2004

Sugli stipendi dei dipendenti pubblici: basta con i luoghi comuni,martedì, 07. settembre 2004

Milano: RdB/CUB vince il ricorso per i precari del Comune,domenica, 08. agosto 2004

A Roma Berlusconi chiude i cinema e licenzia,martedì, 03. agosto 2004

III Campeggio di lotta contro il ponte sullo stretto,giovedì, 15. luglio 2004

"Avanzi di società" - dove metterli, come sbarazzarsene?,giovedì, 15. luglio 2004

Vivere in un'auto a 89 anni....,mercoledì, 07. luglio 2004

Ecco perchè lascio la Cgil,lunedì, 14. giugno 2004

Arese: occupata una portineria dismessa della Fiat-Alfa,lunedì, 07. giugno 2004

Alla Michelin di Alessandria costitita l’Allca/CUB,lunedì, 07. giugno 2004

Montezemolo capo degli industriali: un nuovo corso?,lunedì, 07. giugno 2004

Quale futuro per telepost?,lunedì, 07. giugno 2004

Arriva Ikea, la multinazionale dell'arredo dove l'uomo è un soprammobile,lunedì, 31. maggio 2004

Appello di lavoratori e lavoratrici per il ritiro immediato dall'Irak,venerdì, 28. maggio 2004

FIEREBOLOGNA: SMANTELLANO SENZA SICUREZZA PANNELLI DI AMIANTO,venerdì, 28. maggio 2004



Cooperative sociali
· LETTERA APERTA A PAPA GIOVANNI PAOLO II DEGLI OPERATORI SOCIALI (27 Mar 2005)
· FIRENZE: LA BREVE MARCIA PER L’ENTRATA DEI PRIVATI NELLA SOCIETA’ DELLA SALUTE (19 Mar 2005)
· MILANO: PRESIDIO ALLA COOP “K.C.S.” CONTRO I LICENZIAMENTI (17 Mar 2005)
· Operatori coop sociali e no profit: sciopero nazionale 18 marzo e manifestazione (02 Mar 2005)
· Il lago dei cigni: favola adatta a tutti, in particolare agli operatori sociali (28 Feb 2005)


Menu principale
· Home page
· Il tuo profilo
· Messaggi
· Disconnetti
· Diario News
· News
· Pubblica le nostre news sul tuo sito
· Invia news
· Argomenti
· MayDay


On-line
Ci sono 11 visitatori e 0 utenti on-line

Non sei registrato? Puoi registrarti cliccando QUI


Login
Nickname
Password
Ricordami


Non hai ancora un account?
Registrati.
Come
utente registrato potrai
inviare news
e commentarle,
partecipare ai Forum.







SAN PRECARIO EVERSIVO? IL VERO CRIMINE E’ LA PRECARIETA’, IL CAROVITA, L’ASSENZA DEL DIRITTO AL REDDITO, ALLA CASA, AL LAVORO STABILE
Giovedì, 31 Marzo 2005 - 18:40

[Vedi anche Comunicato unitario | Comunicato Crash | Comunicato Rete Universitaria | Scarica il file della conferenza stampa (13 mb)]

La Procura di Bologna accusa 29 persone di violenza ed eversione per aver partecipato a pacifiche iniziative contro la precarietà e il carovita, per il diritto al reddito sociale.

Dopo le denunce di Napoli, Roma e Milano anche a Bologna la magistratura, accogliendo l’allarme lanciato dal Ministro degli Interni Pisanu, tenta di criminalizzare azioni che hanno solo il merito di porre l’attenzione sui temi drammatici della precarietà della vita e del lavoro, l’aumento del costo della vita, la difficoltà di pagarsi un affitto o un mutuo con salari bloccati e lavori incerti.

Le accuse sono di violenza e minacce, con l’aggravante assurda dell’eversione all’ordine democratico, per avere il 27 ottobre scorso (in preparazione della grande manifestazione nazionale del 6 novembre a Roma) chiesto, contrattato e ottenuto la proiezione gratuita di un film in un cinema di Bologna.

Una delle tante iniziative pacifiche contro il carovita che ha visto la partecipazione di un centinaio di precari, lavoratori e studenti senza nessun incidente e conclusasi con un accordo con la direzione della multisala.

Si vogliono trasformare iniziative pubbliche per la conquista di diritti in azioni delittuose e, oggi a Bologna, addirittura trasformare in eversione una contrattazione sociale di precari, lavoratori e studenti; lo stesso variegato movimento che utilizza l’immagine simbolo di San Precario diventa per la magistratura una rete eversiva. Tra gli indagati anche Luigi Marinelli, dirigente della RdB/CUB, accusato di essere "capo e organizzatore" dell’iniziativa, un ennesimo attacco al sindacato di base da sempre in lotta contro la concertazione e la precarietà.

Accuse gravissime che mirano a coprire una situazione drammatica di impoverimento generalizzato di sempre più ampie fasce della popolazione, provvedimenti repressivi che vogliono esorcizzare ogni possibile reazione all’arretramento dei diritti sociali, criminalizzando anche le azioni più pacifiche.

Su questa iniziativa della magistratura stanno arrivando in queste ore le prime prese di posizione da parte di parlamentari e giuristi democratici sull’assurdità del teorema eversivo di San Precario.

Continueremo come organizzazione sindacale di base, insieme alle altre realtà politiche e sociali che costituiscono la "Rete per il reddito sociale e i diritti", le nostre iniziative che vedono nella Mayday di Milano del primo maggio il prossimo importante appuntamento.

Bologna 31 marzo 2005



p. CUB Emilia Romagna
Massimo Betti

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
comunicato unitario
by xxx Thursday, Mar. 31, 2005 at 6:16 PM mail:

0prima : Comunicato unitario
Giovedì, 31 Marzo 2005 - 18:33
Stampa la pagina | Invia l'articolo ad un amico


In preparazione della manifestazione nazionale contro la precarietà e per il reddito del 6 novembre, a Bologna diverse realtà hanno organizzato numerose iniziative sui temi del diritto alla casa, sull’accesso gratuito a cultura e saperi, al trasporto pubblico.

La sera del 27 ottobre si è svolto "Vola al Cinema con San Precario": un centinaio di precari, lavoratori, studenti si sono ritrovati davanti al Cinema Multisala Capitol contrattando l’ingresso gratuito o scontato.

Dopo aver chiarito con la proprietà il senso ed i contenuti dell’iniziativa si è arrivati all’accordo per la proiezione gratuita a scelta di uno dei film in programmazione.

Alla fine della proiezione i partecipanti all’iniziativa sono usciti dal Cinema senza alcun incidente o problema.

Dopo il 6 novembre, il Ministro Pisanu, relazionando alla camera dei deputati, aveva citato l’iniziativa di Bologna tra gli episodi definiti "allarmanti" del movimento contro la precarietà e per il reddito.

La Procura di Bologna, a firma del pubblico ministero sostituto procuratore Paolo Giovagnoli, sta notificando a 29 persone l’avviso della conclusione delle indagini preliminari.

Agli indagati viene contestato di aver preso parte all’iniziativa al Cinema Capitol usando violenza e minacce.

Con l’aggravante dell’eversione (art. 1 del decreto legge 625 del 1979 convertito in legge 15 del 1980), perché reati commessi, secondo la Procura di Bologna, con finalità di eversione e per affermare le idee politiche delle associazioni Anti.Fa, Disobbedienti, Rete Universitaria Studentesca, partecipanti al movimento "SAN PRECARIO", indicando Luigi Marinelli, dirigente sindacale della RdB/CUB, come capo e organizzatore dell’iniziativa.

Dopo l’avvio dei procedimenti giudiziari in tutta italia in merito alle azioni contro la precarietà, riteniamo gravissima la decisione della Procura di Bologna di definire come eversivo il movimento che ha prodotto centinaia di iniziative intorno alla figura di "San Precario".

Riteniamo che rivendicare il diritto al reddito, nelle sue varie articolazioni, e lottare contro la precarietà, sia la giusta risposta del precariato al crescente attacco alle condizioni di vita e di lavoro di milioni di persone.

Dalle occupazioni di case, dalle lotte dei lavoratori dei call center, dagli scioperi dei soci delle cooperative sociali, dalle mobilitazioni degli studenti viene una istanza sociale che non può essere fermata da iniziative repressive di questo genere e che avrà nella prossima EuroMayDay di Milano, l’appuntamento di maggiore visibilità delle reti e realtà italiane ed europee in lotta contro la precarietà.

CRASH - CUB BOLOGNA - RETE REDDITO BOLOGNA - RETE UNIVERSITARIA - TPO
ACCUSA DI EVERSIONE PER SAN PRECARIO
29 INDAGATI A BOLOGNA

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
comunicato rete universitaria
by xxx Thursday, Mar. 31, 2005 at 6:17 PM mail:


0prima : Comunicato Rete Universitaria
Giovedì, 31 Marzo 2005 - 18:30
Stampa la pagina | Invia l'articolo ad un amico


VIVERE, NON SOPRAVVIVERE

Il 27 ottobre del 2004 un centinaio di studenti e precari hanno assistito
gratuitamente ad uno spettacolo cinematografico, un'azione che si colloca in
un percorso generale di rivendicazione dell'accesso gratuito alla cultura ed
ai saperi.
L'unica risposta delle istituzioni ad una azione pubblica e pacifica è stata
ancora una volta la repressione: ventinove avvisi di garanzia, ventinove
compagni accusati di violenza privata, turbativa violenta del possesso di
cose immobili, molestia alle persone, accuse queste aggravate dall'aver
commesso i "reati" in più di dieci persone. L'ultima aggravante contestata
riesuma la legge 15 del 1980, una delle leggi speciali antiterrorismo degli
anni di piombo: le idee, le pratiche di chi risponde al carovita ed alla
precarietà economica dilagante vengono indicate come eversive dell'ordine
democratico.
Come studenti siamo un segmento di quel precariato che rivendica l'accesso
gratuito alla cultura ed ai saperi in un contesto che li pensa come
funzionali all'ordine economico esistente. Vediamo il nostro percorso
formativo universitario come momento dentro la precarietà economica del
presente, intravedendo le precarietà del futuro, come sempre più funzionale
alla legittimazione e riproduzione degli assetti economici e sociali
dominanti: l'università è oggi costruita da una parte per "sfornare" tecnici
in grado di "amministrare" l'esistente , dall'altra per produrre linguaggi
ed immaginari che ne vorrebbero sancire l'immutabilità. A questa "disciplina
dei saperi" rispondiamo rivendicando l'accesso gratuito alla cultura dentro
e fuori l'università, contrapponendo l'ambiguità costitutiva del sapere che
è possibilità di guardare da dentro l'esistente per immaginare un fuori,
un'alterità immanente ai nostri bisogni e desideri.
Nell'ipermercato Bologna siamo costretti ad un'esistenza oppressa dalla
precarietà e dal carovita, da condizioni materiali che rendono sempre più
problematico studiare, spostarsi, mangiare, abitare;
rivendichiamo la riappropriazione quotidiana di ciò che ci viene
quotidianamente negato, vogliamo riconquistare il diritto di sognare,
conoscere, godere, viaggiare. Vogliamo vivere, non sopravvivere!

RETE UNIVERSITARIA
reteuniversitari.bo@inventati.org
http://www.unibo.ma.cx

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Eversivo è il capitale - rilanciare la lotta anticapitalista
by Filippo Pangallo Thursday, Mar. 31, 2005 at 10:19 PM mail:

Eversivo è il capitale

Mentre la crisi capitalistica produce l’accelerazione imperialistica su scala internazionale, sul fronte interno ecco come la borghesia e il suo Stato rispondono ai bisogni materiali delle masse popolari, dei precari e dei disoccupati. Mentre crescono le vertenze e le lotte si monta una nuova campagna repressiva. Mentre l’imperialismo è alla ricerca di nuovi profitti sulla pelle del popolo irakeno, generando morte, miseria e sfruttamento, la nostra borghesia difende i suoi privilegi di classe e i suoi profitti e colpisce duramente le lotte sociali. Precarietà e disoccupazione sono l’orizzonte di sfruttamento e di alienazione che il capitale ha imposto a migliaia di giovani e di lavoratori attraverso governi e amministrazioni locali borghesi, di centrodestra e centrosinistra; l’attacco incessante alle condizioni di vita delle masse popolari è la risposta di un capitale in crisi, che scarica i costi sulle pelle dei lavoratori e del proletariato; i prezzi dei servizi aumentano, aumentano le privatizzazioni e le esternalizzazioni, i salari operai sono da fame e il precariato una condizione quotidiana; reddito, diritti e casa sono bisogni ai quali si risponde con i manganelli, gli sfratti e la repressione. Il crollo dello stato operaio deformato sovietico, la crisi economica mondiale, l’incapacità e la degenerazione delle direzioni riformiste del movimento operaio, hanno spianato la strada, negli ultimi decenni, ad una attacco senza precedenti ai popoli e ai lavoratori, rendendo drammaticamente necessario un salto di qualità dei settori operai più avanzati e dei movimenti di lotta, dei giovani e dei precari autorganizzati: la costruzione di un fronte contro la borghesia, un fronte anticapitalistico in grado di costruire una vertenza unificata sul salario, la disoccupazione e la precarietà, sulla base di una piattaforma anticapitalistica di transizione in grado di legare necessariamente gli obiettivi di trasformazione socialista al livello di coscienza attuale. Bisogna partire dalla constatazione dello stato di crisi marcia del capitalismo scaricata sulle condizioni materiali delle masse e mettere all’ordine del giorno, tra i lavoratori e i giovani, il superamento della società e del potere borghese. La lotta per il diritto allo studio e per l’accesso alla cultura si combatte sullo stesso fronte anticapitalistico: la lotta dei compagni indagati, “colpevoli” di rivendicare servizi culturali e sociali garantiti e per tutti, è la stessa lotta degli operai in difesa dei posti di lavoro, dei disoccupati per il salario garantito, dei movimenti di lotta contro la precarietà e le sue leggi. A Bologna si reprime e si indaga chi solleva problemi e denuncia la condizione di vita di migliaia di sfruttati; a fronte di questo quadro, nel quale si inserisce anche una preoccupante quanto infame crescita di azioni squadristiche di un manipolo di neofascisti, la risposta dei lavoratori (con l’apertura fondamentale di una battaglia per la costruzione di una sinistra di classe nel sindacato in grado di unificare, sulla base di una piattaforma avanzata, settori del sindacato di massa con settori di classe autorganizzati) e dei disoccupati, dei precari, deve andare in direzione della costruzione di Comitati contro il fascismo, la repressione e la precarietà; attraverso lo strumento dei Comitati, anche sul piano studentesco, si possono unire i settori più avanzati dei movimenti giovanili e studenteschi, smascherare i limiti del riformismo e della collaborazione di classe, tanto sul piano locale quanto sul piano nazionale (tanto più in un contesto in cui l’Unione-Ulivo, filo-Nato e filo-Europa imperialista, si candida a ricomporre i rapporti con l’imperialismo Usa, dopo aver da tempo assunto il ruolo di referente politico di Confindustria, confermando totalmente l’impianto delle proprie controriforme borghesi, che dal 92-93 fino al 2001 hanno contribuito ad affamare le classi lavoratrici e a gettare nell’alienazione più completa le masse studentesche popolari) e costruire un piattaforma di lotta che sia egemonica e fuori da ogni corporativismo. I compagni e le lotte non si toccano ! I servizi sociali sono un diritto ! Il salario garantito e la casa pure ! Solidarietà ai compagni indagati ! Criminale è la proprietà capitalistica che affama i disoccupati e i precari e sfrutta il lavoro nero, delegando allo stato borghese la repressione di chi “attenta” ai suoi privilegi, di chi rivendica reddito, di chi per un giorno ha raccolto una briciola di quel profitto che le classi proprietarie succhiano dalle vene dei proletari e dei lavoratori !
La borghesia, in tempo di crisi capitalistica, non è disposta neppure a concedere le briciole, come si vede ! La migliore difesa per i compagni è il rilancio delle lotte e di una piattaforma unitaria dei movimenti di lotta e delle organizzazioni di classe.
AUMENTI SALARIALI E RIDUZIONE DELL’ORARIO DI LAVORO, SENZA CONTROPARTITE DI FLESSIBILITA’
ABOLIZIONE DEL PACCHETTO TREU E DELLA LEGGE 30
VIA LE RIFORMA MORATTI E LA RIFORMA ZECCHINO, ABOLIZIONE DELLE LEGGI SULLA “PARITA’ SCOLASTICA”
SALARIO GARANTITO PER I DISOCCUPATI
SERVIZI SOCIALI GRATUITI E GARANTITI
AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA VERSO ISTRUZIONE , SANITA’ ED EDILIZIA POPOLARE, FINANZIATA CON LA TASSAZIONE PROGRESSIVA DI PROFITTI E RENDITE
NAZIONALIZZAZIONE SENZA INDENNIZZO DELLE IMPRESE CHE LICENZIANO E INQUINANO

SOSTEGNO ALL’INTIFADA E ALLA RESISTENZA IRAKENA – PER LA RIVOLUZIONE SOCIALISTA E PER UNA FEDERAZIONE SOCIALISTA DEL MEDIORIENTE

SOLIDARIETA’ AD EUSKAL HERRIA
DIFENDERE CUBA E TUTTI GLI STATI OPERAI

COSTRUIRE L’ALTERNATIVA ANTICAPITALISTICA
LE LOTTE NON SI PROCESSANO !

SOLIDARIETA’ AI COMPAGNI INDAGATI !

Filippo Pangallo, Circolo Universitario, CPF - PRC Bologna

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
solidarietà a crash
by c.s.o.a. askatasuna Friday, Apr. 01, 2005 at 2:52 PM mail:

Diamo la nostra solidarietà a tutti i compagn* di crash,colpiti dall'ennesima provocazione giudiziaria.
Le lotte sociali non si processano.

ORA E SEMPRE RESISTENZA !!!

c.s.o.a. askatasuna

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9