Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

CD GE2001 - un'idea di Supporto Legale per raccogliere fondi sufficienti a finanziare la Segreteria Legale del Genoa Legal Forum


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Milano, raid al centro sociale Vittoria
by dal manifesto Sunday, Mar. 06, 2005 at 1:14 AM mail:

Assalto nella notte. Hanno fatto un buco nel muro per spaccare tutto e appiccare le fiamme. Il Vittoria aveva preso di mira il candidato di An Guaglianone.

Qualcuno l'altra notte ha distrutto il centro sociale Vittoria di Milano. Ecco un altro caso, come si dice anche nelle barzellette, dove la polizia brancola nel buio. Eppure si è trattato di un raid anomalo e sono in molti a ritenere che la devastazione, viste la modalità, potrebbe non essere opera della solita squadretta di naziskin in libertà (gli altri «ignoti» che negli ultimi mesi hanno colpito diversi centri sociali lombardi: Paci Paciana a Bergamo, Magazzino 47 a Brescia, Barattolo a Pavia, Conchetta, Cantiere, Orso e ancora il Vittoria a Milano). Questa volta però sembra diverso. L'altra notte, dopo aver cercato di forzare il portone di via Muratori - «il Vittoria è una specie di cassaforte, proprio per evitare raid come questi» - alcune persone hanno aperto a colpi di piccone una breccia in un muro e poi si sono introdotti nel centro per spaccare tutto, sedie, computer, tv, mixer...e libri. Poi, le fiamme. E solo grazie all'intervento dei pompieri non è finito in cenere uno dei centri sociali milanesi più attivi sul fronte antifascista.

Gli investigatori, di solito sempre molto vigili dalle parti del Vittoria, hanno lasciato intendere che potrebbe trattarsi di una vendetta in risposta alle aggressioni che in questi giorni hanno subìto le postazioni di due candidati di An alle elezioni, Piergianni Prosperini e Lino Guaglianone. Proprio questa mattina, alle 9, in Tribunale viene processato per direttissima Daniele, un militante del Vittoria accusato di aver buttato una bottiglia incendiaria (inesplosa) contro uno stand di Guaglianone. Ma c'è di più. Proprio in questi giorni il centro sociale, con un'opera di controinformazione militante efficace, sta facendo una vera campagna contro il candidato Guaglianone. Efficace, perché ormai la sua ricca biografia circola sui giornali e per i delfini di An potrebbe essere fastidioso tutto questo rumore sul passato e sulle frequentazioni del candidato più visibile di questa preoccupante campagna elettorale, l'uomo che An ha scelto a Milano per intercettare i voti della destra più nera che guarda a Mussolini e Fiore. Ex camerata dei Nar implicato in numerose inchieste, arrestato per «partecipazione a banda armata», vicino ai fascisti di Ordine Nuovo, oggi Guaglianone gira in doppiopetto, organizza convegni, scrive, gestisce una palestra del centro frequentata dalla destra milanese e il suo nome compare in svariate altre attività.

Il prefetto Ferrante, «preoccupato per l'escalation», ha chiesto a tutti di «isolare i violenti e chi non rispetta le regole». E' più o meno la richiesta che il Prc locale rivolge, implicitamente, al prefetto. «Quanto è accaduto - si legge - non è che l'ultimo episodio di una lunga serie criminale di aggressioni a militanti di sinistra, oltre che di devastazione di diversi altri centri sociali. Non è più possibile attendere oltre un intervento delle istituzioni preposte perché cessino queste violenze». Il Leoncavallo parla di attentato «che ha il sapore di mani esperte» e rileva che «ancora una volta chi incendia e devasta si muove in una città dove nessuno sembra vedere o udire nulla». Tra gli aspetti inquietanti, per le opposizioni di Palazzo Marino, «anche i toni usati in campagna elettorale e più ancora l'inserimento nelle liste del centrodestra di un noto rappresentante di frange estreme». Per il consigliere regionale del Prc, Umberto Gay, considerati i precedenti degli ultimi giorni, «le autorità non dovrebbero avere difficoltà a individuare mandanti e esecutori di questo atto».

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 2 commenti visibili (su 2) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
la verità dov'è? io Thursday, Dec. 15, 2005 at 3:24 PM
solidarietà al centro sociale vittoria assemblea spazi autogestiti-c.s.d.s. Monday, Mar. 07, 2005 at 4:53 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9