Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
[Bg] Comunicato csaPacìPaciana
by VincenzoPacchiana Wednesday, Mar. 02, 2005 at 8:58 PM mail:

bergamo, pacìpaciana. Ancora fuoco, ancora rabbia. Martedì primo marzo, nella notte, ignoti si sono introdotti nei locali del centro sociale. Gli spazi colpiti sono molti e sono inquietanti le modalità con cui si è svolto l'attacco.

Due bombe dietro i banconi dei bar, nel capannone e nel bunker, costruite
artigianalmente con le bombole del gas.
In entrambi i bar le bombole sono state posizionate/raggruppate nel
centro, due per locale, una chiusa ed una seconda aperta, in modo da far
uscire un flusso di gas.
Attorno ad esse è stato raggrupato del materiale infiammabile raccolto nei
locali stessi, tra cui la collezione 2005 della serpicanaro locale, ancora
nuova ed impacchettata ( si tratta della collezione di abbogliamento che
ogni anno viene prodotta a scopo di autofinanziamento).
Successivamente le zone circostanti le bombole sono state cosparse da
liquidi infiammabili e, tramite delle micce, che erano state tirate fino
all'esterno dei locali, è stato appiccato il fuoco. Nel bunker la miccia
attraversava tutto lo spazio diagonalmente.
Sono state tirate tre molotov contro il balcone dell'ufficio, è stato
scoperchiato il baretto che era appne stato sistemato dopo l'incendio di
dicembre. All'ingresso della cucina, dove nell'altra occasione erano state
sistemate bombole di gas insieme a taniche di benzina, è stata collocata
un'altra bombola di gas, l'unica non incendiata delle cinque presenti, su
cui sono state messe numerose biglie di ferro, chiodi, bulloni.
Questo attacco rimarca l'intenzionalità di continuare ad alzare il livello
di tensione, la regolarità degli attacchi cerca inequivocabilmente di
continuare ad alzare il livello dello scontro, nonostante in
quest'occasione i danni materiali siano stati più lievi che in
precedenza.
Sta accadendo in tutta italia.
Solo pochi giorni fa, a Venezia, un gruppo di neofascisti ha aggredito,
insieme a carabinieri in borghese, un gruppo di compagn* che stava
attacchinando. Solo quando si sono trovati in difficoltà per la reazione
dei compagni e delle compagne, gli agenti hanno estratto le pistole, si
sono qualificati (come forze dell'ordine??) ed hanno proceduto agli
arresti dei compagni, ai quali va tutta la nostra solidarietà ed il nostro
appoggio.
E' sotto gli occhi di tutti, o quantomeno dovrebbe esserlo, una deriva che
tende pericolosamente a destra, uno spostamento dell'asse culturale e
politico che non ha precedenti. Il miglior risultato del corteo del 12
febbraio, corteo antifascista dei bi_sogni, è stato quello di
smascherarela natura "cilena" dell'informazione, qualifica
tanto valida a livello nazionale quanto a livello locale.
La censura, la faziosità, la tendenziosità, il mestiere dell'informazione
ovvero l'arte del condizionare e del plasmare la gente.
Poco ci importa che una convenzione che non volevamo, per le modalità con
cui ci è stata estorta sotto ricatto di sgombero e per i suoi contenuti
chiari solo a senso unico, venga congelata. Ci importa invece il
significato politico che questo gesto assume anche in seguito alle
pressioni mediaticoistituzionali che si sono scatenate.
Pur non apprezzando il documento in sè, che ci aspettavamo di
ridiscutere con questa giunta, siamo pronti a riconoscenrne il valore di
discontinuità che rappresentava nel panorama generale di questa deriva
culturale e politica. Ci importa che un'amministrazione pubblica, dopo
dieci anni di esistenza extralegale, riconosca la validità
dell'autogestione e che affermi con un atto concreto l'importanza dei
centri sociali, soprattutto in queste condizioni politiche generali, in
questo pericoloso ritorno della violenza di destra, dei restringimenti
delle libertà inividuali e collettive.
Questo spostamento generale ha ovviamente delle conseguenze specifiche che
tutti noi viviamo sulla nostra pelle, questa "fascistizzazione" della
società produce precarietà, insicurezza, instabilità, privazione, tutte
cose che non siamo disposti a tollerare, che non vogliamo più subire. Gli
attacchi, gli attentati, le minacce e le pressioni che stiamo subendo
sono solo la parte più eclatante della trasformazione della società che è
in atto. Ci ricordiamo tutti di quello che è successo a Genova nel luglio
del 2001, e da allora sono successe tante cose, troppe perchè al centro
della questione continuino ad essere messe ostinatamente le scritte sui
muri. Se si vuole veramente evitare una pericolosa e dannosissima spirale
di violenza, e non limitarsi a deprecarla nei documenti ufficiali e nelle
chiacchiere da salotto, è necessario costruire risposte concrete e
partecipate, è fondamentale che questa deriva della società venga arrestata da tutti quanti si ritengano anche solo minimamente democratici.
Non ci sono mai piaciute troppo *le istituzioni*, ma allo stesso tempo ci
preoccupa molto il modo in cui sono violentate quotidianamente, insieme a
quel che resta delle regole civili di una società che in fondo troppo
Democratica non lo è mai stata. Se questa tanto ambita "pacificazione"
significa aprire le porte istituzionali a tutti quei bombaroli fascisti
che sono sbucati come funghi in lungo e in largo per l'italia, se
significa equiparare i carnefici con le vittime, se significa riscrivere
in maniera distorta i libri di storia, allora sarà bene riflettere tutti
insieme sull'opportunità di questa "pacificazione". Se il frutto di
questa tanto ambita pace sociale sarà soltanto, come di fatto è,
sopraffazione e precarietà, con tutto quello che ne consegue, allora forse
sarebbe meglio non parlare di pace sociale ma parlare di agitazione
sociale, di scontro sociale. In questi anni siamo stati attenti a creare
consenso sul conflitto. Ora è tempo di raccogliere i frutti di questo
lavoro, l'opposizione sociale è la miglior risposta possibile a tutti
questi attacchi ed il miglior argine possibile contro questa deriva.
Opposizione sociale significa partecipazione, responsabilità, significa
volontà di determinare le proprie esistenze e le proprie vite.
Siamo convinti che la soluzione passi attraverso un lavoro quotidiano,
attraverso reti e percorsi che si incontrano e si intrecciano, nelle
differenze e nelle diversità, che creino conflitto e agitazione, che
facciano opposizione e controllino i controllori. Fondamentale è
diffondere nuovi metodi di produzione e di diffusione dell'informazione, è
necessario scavalcare il predominio del monopolio informativo di un
consiglio di amministrazione come quello della s. e.s.a.a.b. che in tutta
la provincia determina il bello e il cattivo tempo. Per farlo ci vuole un
investimento serio, come altrettanto seri devono essere gli interventi
contro precarietà e sfruttamento.
Da questo momento ci consideriamo in stato di agitazione sociale.
Pacipaciana-bergamo-02-03-2005

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 4 commenti visibili (su 4) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
..... nanook Thursday, Mar. 03, 2005 at 8:45 AM
.... nanook Thursday, Mar. 03, 2005 at 8:43 AM
FAI FANNE UNA GIUSTA! gli imbecilli bombaroli Thursday, Mar. 03, 2005 at 12:11 AM
Foto dell'incendio Foto dell'incendio Wednesday, Mar. 02, 2005 at 9:17 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9