Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
[Bg] da L'Eco di Bergamo
by info Wednesday, Mar. 02, 2005 at 1:10 PM mail:

Dopo aver dedicato per settimane la prima pagina ad attacchi al Pacì sulla convenzione e sulle scritte (!!!!!) fatte durante il corteo del 12 (che hanno indignato e "colpito al cuore" il qutidiano e la "civile" cittadinanza benpensante), oggi L'Eco dedica un articoletto in fondo alla cronaca cittadina al rogo che ha nuovamente devastato il Pacì. Se ne deduce che lanciare molotov è meno grave di scrivere sui muri..

Nuovo raid, rogo devasta il Pacì Paciana
Incendio doloso nel baretto e nella sala prove sotterranea: a dicembre un episodio analogo «È stato un gruppo di neofascisti». Gomme tagliate all'auto della Digos, intervenuta per controlli

I vigili del fuoco intervenuti al Pacì Paciana dopo il rogo di ieri (foto Bedolis)
Un altro rogo, di origine senza dubbio dolosa, ha devastato il baretto della sala concerti e il cosiddetto «bunker», la sala prove sotterranea del centro sociale Pacì Paciana di Grumello del Piano. Si tratta del secondo episodio del genere che interessa il Pacì dall'inizio di dicembre: in questo caso il rogo arriva a poche ore di distanza dalla presa di posizione del sindaco Roberto Bruni che, lunedì sera in Consiglio comunale, aveva confermato il congelamento della convenzione col centro sociale, visto che i frequentatori non si erano scusati con la città per il raid in centro del 12 febbraio scorso.
A scoprire il rogo di ieri è stato, attorno alle 13,30, uno dei giovani del centro: a quell'ora l'incendio si era già spento da solo. I danni sarebbero rilevanti. Il cancello d'entrata del centro sociale è stato trovato forzato, pare con un piede di porco. Stessa sorte anche per la porta in ferro che conduce al baretto della sala concerti: sembra che l'interno del locale sia stato cosparso con del liquido infiammabile e che il fuoco sia stato appiccato dall'esterno con una miccia. Analoga procedura anche per il bunker sotterraneo, mentre sul terrazzino davanti all'ingresso di un ufficio - noto come «infospaccio» - sono state trovate le tracce di due bottiglie incendiarie.
In pratica il rogo ha interessato i locali non andati distrutti nell'incendio dello scorso dicembre, vale a dire il bar, gli uffici e l'archivio della cosiddetta «torretta». Sul posto sono arrivati gli agenti della polizia locale e i vigili del fuoco, che hanno messo in sicurezza quattro bombole del gas sfiorate dall'incendio: due si trovavano infatti nel bunker, un'altra nel baretto e la quarta all'esterno. Quest'ultima era circondata da grossi bulloni e da palline di piombo: un'eventuale esplosione - comunque da escludere secondo i vigili del fuoco - li avrebbe trasformati in proiettili impazziti. Sul posto anche la Digos, che ha ricostruito l'accaduto. Tra l'altro mentre gli agenti si trovavano all'interno del centro sociale alla loro auto sono state tagliate le gomme.
La polizia conferma che il rogo è senza dubbio un atto doloso: nelle indagini non verrà trascurata alcuna pista. Gli autori del gesto non hanno rivendicato l'incendio. Secondo i frequentatori del centro, che accusano un gruppo di «neofascisti», ieri pomeriggio era comparsa una scritta «Nazi Bergamo» nei pressi della rotatoria di Curnasco: sarebbe questa, secondo i giovani del Pacì, la firma dell'attentato. I frequentatori del centro avevano lasciato la sede attorno all'1,30 della notte tra lunedì e ieri, al termine di un'assemblea. Il rogo è stato scoperto per caso 12 ore dopo, esattamente come era accaduto per il primo incendio.
La posizione ufficiale dell'Amministrazione dopo il rogo è affidata all'ufficio comunicazione del Comune: «L'Amministrazione è fortemente preoccupata per quanto è accaduto e per le conseguenze che questo fatto ha comportato. Stiamo seguendo attentamente le indagini e, nel caso vengano trovati i responsabili, il Comune è pronto a costituirsi parte civile per tutelarsi, in quanto proprietario dello stabile».
Nel primo pomeriggio di ieri al centro sociale di Grumello è arrivato anche il consigliere diessino Rocco Gargano, che ha commentato: «C'è purtroppo qualcuno che vuole mantenere alto il livello di tensione e che non vuole far riprendere le attività ai ragazzi del centro sociale. A questo punto ci auguriamo che alcuni esponenti politici mostrino un livello di indignazione nei confronti dell'incendio quantomeno analogo ai risentimenti espressi contro i giovani del centro sociale dopo la manifestazione del 12 febbraio, che è stata esecrabile per le scritte e per i danneggiamenti, ma durante la quale non si sono registrati episodi di violenza contro le persone. Credo ci sia un progetto ben preciso dietro questi episodi e che non si tratti di casi isolati. La situazione è grave: rischiamo di raggiungere un clima di tensione da Anni Settanta».
Sull'episodio è intervenuto anche il coordinatore provinciale dei Verdi, Marcello Saponaro: «È necessario individuare e arrestare al più presto i responsabili dell'ennesimo incendio doloso al Pacì. Invito inoltre il centrodestra a non aizzare gli animi contro il centro sociale: gli errori li fanno tutti, ma i violenti sono altri. I giovani del Pacì la violenza la stanno subendo dallo scorso agosto: prima l'aggressione in Città Alta, poi l'incendio al centro sociale, la molotov e ora un nuovo incendio e nuove molotov». Saponaro annuncia anche che i senatori verdi Fiorello Cortiana e Natale Ripamonti nei prossimi giorni presenteranno un'interrogazione urgente al Governo in merito all'incendio. Marco Sironi di Rifondazione e Alessandro Bresmes dei Giovani comunisti, oltre a condannare l'episodio, invitano invece il sindaco Bruni a riconsiderare la convenzione coi ragazzi del Pacì.
Fabio Conti

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 4 commenti visibili (su 4) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
... ... Wednesday, Mar. 02, 2005 at 9:48 PM
La Digos.... La Digos.... Wednesday, Mar. 02, 2005 at 1:33 PM
disnfestazione ---- Wednesday, Mar. 02, 2005 at 1:26 PM
QUINDI... ANTIFA Wednesday, Mar. 02, 2005 at 1:21 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9