Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Continua imperterrito l'attacco de L'Eco di Bergamo sul corteo antifa di sabato 12.
by info Sunday, Feb. 20, 2005 at 7:58 PM mail:

A più di una settimana di distanza su L'Eco di Bergamo il corteo antifascista di sabato 12 febbraio occupa ancora la prima pagina:

Quando si vuole accontentare tutti

Non si smette mai di scoprirla, questa strana Bergamo. Tutti quanti, in giro per il mondo, si pensava che fosse la terra della mansuetudine, dell'ordine, del rispetto civile. Che dire: mai fidarsi dei luoghi comuni. Nell'ultima settimana s'è appreso che questa è invece la culla delle libertà malintese e dei favoritismi sospetti. Naturalmente mi riferisco alla famosa manifestazione dei giovani arrabbiati, che comunque da parte loro lavorano benissimo, secondo ruolo e copione, esercitando il mestiere – neanche tanto nuovo – della contestazione. Sull'esito del corteo, dunque, poco da aggiungere: nulla di inedito e nulla di imprevisto.
Caso mai, nella vicenda stupisce lo stupore di chi sarebbe chiamato a governare il fenomeno. Questo, più dello spray e degli slogan, è il risvolto realmente inquietante. Meglio fare nomi e cognomi, perché le formule generiche sono parafulmini un po' codardi. Prima di tutto, il sindaco Bruni. Davanti a un pomeriggio che non si può sicuramente definire di guerriglia urbana, ma che comunque ha agitato la città e ha lasciato molti segni di gratuito vandalismo sulle telecamere del Comune, il primo cittadino non trova niente di meglio da dire di questa storica frase, la più immediata dunque la più sincera: «Non giustifico gli attacchi, ma riesco a capire che le telecamere possano rappresentare un obiettivo».
Me la sono ritagliata, me la sono letta e riletta diverse volte. Ogni volta mi è sembrata più tremenda. Che cosa voleva dire, il sindaco? Escluso che la sua fosse solo una constatazione tecnica (effettivamente le videocamere, come le macchine fotografiche, «rappresentano un obiettivo»: qualche volta tele, qualche volta zoom, qualche volta grandangolare), credo piuttosto - e purtroppo - abbia finalmente liberato la sua vera anima di Veltroni orobico, cioè di quel genere di politico che nella vita vuole piacere a tutti, giocando sulla parola buona, sul pat-pat comprensivo, sull'ambiguità ecumenica, sul politically correct. Per mio gusto personale - che restando al dualismo dei diessini starà sempre con la chiarezza, la schiettezza, l'originalità forte dell'«antipatico» D'Alema - l'atteggiamento di Bruni è quanto meno deludente. Un gran brutto segnale. Già si temeva, votandolo, che poi sarebbe andato incontro a una vita d'inferno, dovendo accontentare il mezzo milione di liste alle sue spalle. Ma qui, evidentemente, c'è qualcosa di suo e di esclusivo, qualcosa che segnala un preoccupante deficit di personalità politica.
Il giudizio che si dà di un gesto violento non è di destra o di sinistra. Non è questione di schieramenti e di appartenenze: è il semplice e universale uso della ragione. Certi episodi esigono un no chiaro e netto. Punto. Aprendo ai ma e ai se, si aprono spiragli entro cui certa gente si infila con i caterpillar, trasformandoli in voragini. Con la famosa arte del giustificazionismo, si arriva tranquillamente a concedere qualche attenuante persino al nazismo, al terrorismo, alla pena di morte, all'infibulazione: tutti quelli che li praticano hanno sempre - dal loro punto di vista - qualche ferrea argomentazione. Ma davvero dobbiamo starli a sentire? Cosa vuol dire «riesco a capire che le telecamere possano rappresentare un obiettivo»? Se questa è la sua fermezza, lo avverto in anticipo: presto, io e tanti bergamaschi abituati solitamente a rispettare le regole, ma che malsopportiamo le angherie di certi vigili urbani, potremmo liberare l'antica e repressa pulsione di protestare in modo diretto, che so, staccando le sirene lampeggianti o sfondando qualche fanale delle liberticide auto biancoverdi. Capirebbe ugualmente, il sindaco, che i fanali dei vigili «possano rappresentare un obiettivo»? Lo capirebbe, oppure userebbe due pesi e due misure, dimostrandosi tanto deciso contro chi non strilla mai, quanto comprensivo con chi urla per definizione?
Non è un problema secondario. È centrale. Guai se i bergamaschi percepiscono che a certuni, per ragioni di opportunismo, viene concesso e perdonato tutto, mentre ad altri no. Il sospetto, oltre che da Bruni direttamente, è alimentato dal clima generale di quella giornata: guarda caso, mentre la Questura spiegava come fosse meglio lasciar fare ai ragazzi del centro sociale, per non alimentare violenze peggiori, gli ineffabili ausiliari del traffico compilavano multe per divieto nella zona calda della stazione, dove giustamente la gente non badava a parcheggiare secondo le sacre procedure del tagliandino, più che altro preoccupata di levarsi velocemente dai piedi (leggi la testimonianza diretta del giornalista di questo stesso quotidiano, Paolo Aresi). Cosa dobbiamo pensare: che l'autorità bergamasca sia forte coi deboli e debole coi forti? Siamo sinceri: non è un bel pensare…
Di sicuro, dobbiamo pensare che l'ultima settimana resterà una pagina nerissima di questa amministrazione. Sorvoliamo per pura tenerezza sull'ingenuità dell'assessore-calciatore Fabio Rustico (a proposito, perdonerà l'insistenza: assessore o calciatore?), che va in corteo coi centri sociali e poi scopre - ops - come possano pure scoppiare disordini. Ma dov'è stato fino a trent'anni, a battere corner?
Peggio di lui, molto peggio, è comunque l'assessore all'ecologia Amorino, che ugualmente partecipa alla manifestazione, ma che davanti al polverone politico se ne guarda bene dal dirlo. Lascia che al macello ci vada il buon Rustico. Poi, smascherato pubblicamente qualche giorno dopo, balbetta un pentimento del tipo «pensavo che la manifestazione potesse far crescere un nuovo rapporto con la città». Ma va? Tutto sommato, potrebbe anche evitarsi la giustificazione: dalla manifestazione è effettivamente nato un nuovo rapporto. Fondato sulla diffidenza.
Inutile insistere. Purtroppo, più del sabato d'ordinaria follia, c'è da preoccuparsi di come questa politica ha affrontato l'evento. Sindaco e assessori, cui sarebbero bastate poche parole, chiare e forti, una volta per tutte, da parte offesa e tradita, sono riusciti a presentarsi in pubblico come minimo da indecifrabili signor tentenna, se non da formidabili don Abbondio indecisi a tutto.
Davanti a un panorama tanto imbarazzante, per nulla riabilitato dalle tardive e acrobatiche censure, ecco però spuntare puntuale come una tassa lo scafato dietrologo che spiega a tutti quanti noi, ingenui e beoti, dove stia la vera verità. L'illuminato di turno è il diessino Carlo Crescini, che così liquida la polemica: il caso non esiste, è solo una montatura de «L'Eco», che specula sul sabato di violenze per screditare la sinistra e far votare Formigoni alle prossime elezioni.
Diciamolo: suggestivo. Se non fosse che c'è un difetto di fondo. Caro il mio consigliere Crescini, si metta tranquillo: per rieleggere Formigoni non serve che si scomodi un importante e glorioso giornale. Bastate voi.
Cristiano Catti

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 3 commenti visibili (su 3) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
daccordo con sopra Tuesday, Feb. 22, 2005 at 1:15 PM
Sbagliando non s'impara Bakunin Monday, Feb. 21, 2005 at 2:22 PM
boh m Sunday, Feb. 20, 2005 at 8:50 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9