Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
COMUNICATO DEI GIOVANI COMUNISTI DI UDINE
by GIOVANI COMUNISTI UDINE Saturday, Sep. 11, 2004 at 8:59 AM mail: gc_udine@yahoo.it

Una breve risposta alle stucchevoli dichiarazioni di Bertinotti degli ultimi giorni dal coordinamento dei Giovani Comunisti della federazione di Udine.

Il Coordinamento provinciale dei Giovani Comunisti di Udine, a seguito delle sconcertanti dichiarazioni rilasciate dal segretario del Partito della Rifondazione Comunista, Fausto Bertinotti, al quotidiano “La repubblica” del 9 settembre 2004, constatate le profonde divergenze con le opinioni del compagno, intende esprimere quanto segue.
Il ritiro di tutte le truppe d’occupazione in Iraq e soprattutto quelle italiane deve restare la proposta politica centrale e inalienabile del nostro partito. Il compagno Bertinotti, non pago di essersi seduto allo stesso tavolo con il governo guerrafondaio di Berlusconi, è giunto a sostenere: “ora salviamo le due ragazze del ritiro riparleremo dopo” e prosegue “adesso stiamo parlando di come salvare delle vite umane. In questi casi c’è un’urgenza temporale e di valori che impone una gerarchia una scelta. (…) C’è l’altra dimensione, quella strategica, sulla quale rimane un dissenso profondo con il governo. Ma è una questione che va tenuta separata.”
Ferma restando la piena solidarietà con le compagne di “Un ponte per…”, non crediamo che le parole di Bertinotti si attaglino a quello che dovrebbe essere un dirigente comunista, consapevole delle nefandezze causate da un’occupazione brutale ed assassina che giorno dopo giorno ha dimostrato di essere assolutamente insensibile alla vita umana, confermando ciò attraverso l’uso indiscriminato di massicci bombardamenti (settanta morti ieri a Felluja).
Per i Giovani Comunisti di Udine la liberazione degli ostaggi è inscindibile dalla richiesta di ritiro delle truppe dall’Iraq, di quelle truppe italiane, tanto celebrate anche qui in Regione, che sono state protagoniste di episodi oscuri e controversi come la battaglia dei ponti a Nassirja dove hanno perso la vita decine di iracheni, donne e bambini compresi; tentare di trarre in salvo gli ostaggi non equivale ad accettare compromessi di unità con questo governo, come vuole farci credere Bertinotti, per far cosa poi, per mandare Frattini in Iraq?
Infine crediamo doveroso fare alcune precisazioni sulla resistenza irachena, infatti, se il compagno Bertinotti frettolosamente la bolla come resistenza con la “r” minuscola, noi pensiamo che non sia possibile suddividere i movimenti resistenziali di liberazione nazionale in categorie d’importanza, ma pensiamo che la lotta di massa degli iracheni sia legittima, espressione dell’ambizione del popolo iracheno ad un paese libero e non ad un paese governato e derubato da stranieri, né un paese di tagliatori di teste. Il fenomeno dell’estremismo e del terrorismo islamico è minoritario, se esso ha avuto delle recrudescenze in un territorio storicamente laico come l’Iraq è solo grazie al generoso aiuto dell’imperialismo.
La priorità in questo momento non è discutere con Berlusconi, ma cacciarlo con una mobilitazione di massa, come è avvenuto per Aznar in Spagna quest’anno. Negoziare oggi sul ritiro delle truppe in Iraq, compagno Bertinotti, significa essere disposti a cedere domani sul terreno della lotta contro la precarietà, per la giusta pensione, per l’occupazione.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono N_UMVISIBLE commenti visibili (su 5) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
Grazie Mauro Giovani Comunisti Udine Sunday, Sep. 12, 2004 at 10:17 AM
hh hh Saturday, Sep. 11, 2004 at 7:21 PM
BRAVI!! Mauro Vanetti Saturday, Sep. 11, 2004 at 4:34 PM
kkk kkk Saturday, Sep. 11, 2004 at 3:17 PM
avete la faccia come il culo siete bandiere Saturday, Sep. 11, 2004 at 1:42 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9