Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
L'America vera, nelle parole di un Presidente americano.
by mazzetta Wednesday, Jul. 28, 2004 at 5:18 PM mail:

Quando parla un presidente:

Due notti fa, alla convenzione dei Democratici americani, ha fatto il suo discorso l’ex-presidente Jimmy Carter.
L’ex-presidente, che ebbe il suo mandato tra Ford e Reagan, ha detto cose importanti, con la forza di chi sa di poter contare su un giudizio sereno e non può temere altro che lo scorrere del tempo.
Carter è forse l’ex-presidente più attivo politicamente tra quanti lo hanno preceduto e seguito nella carica.
Jimmy Carter da quando ha lasciato la casa Bianca ha intrapreso un lungo viaggio per il mondo, che dura ancora adesso oltre il suo ottantesimo compleanno. Carter è stato ovunque nel mondo ci fossero problemi, portando aiuto, ma soprattutto mediando le situazioni di crisi dimenticate dai media, è da allora uno dei più impegnati “uomini di pace” del panorama internazionale.

Al suo ingresso, annunciato da un blob di immagini che lo mostravano durante il suo peregrinare in giro per il mondo, è stato travolto dagli applausi, tanto da fargli dire:
“Grazie, il mio nome è Jimmy Carter, e non sono io il candidato alla presidenza!”.

Un entusiasmo genuino, il tributo ad uno dei pilastri morali del partito e della nazione.
Entusiasmo che egli stesso ha provveduto a raffreddare, gettando la cruda realtà americana in mezzo ai presenti, fino a smorzarne l’entusiasmo automatico tipico di questi contesti.
Una salutare coltellata al ventre dell’american dream, peccato che come al solito se ne siano accorti in pochi.

Carter ha speso parole pesanti, ha paragonato il senso di responsabilità di 2 presidenti sotto i quali servì in marina, Truman ed Eisenhower, nei quali egli ha detto di aver sempre riposto fiducia; con la mancanza di responsabilità verso il paese di Bush: “…..eravamo anche sicuri che non ci avrebbero mai mentito su questioni riguardanti la sicurezza nazionale”.

Carter ha mostrato una visione lucida delle ultime politiche americane, visione che spesso manca a chi di professione dovrebbe spiegare al “pubblico” dove stia andando il mondo.
Nel nostro paese le parole di Carter non hanno trovato spazio sui media, perciò ho cercato di tradurre i passi più significativi, togliendo solo i richiami a votare John Kerry ed Edwards che hanno inframezzato il veloce discorso dell’ex presidente.

Ecco l’America di Jimmy Carter, non certo un comunista, non certo accecato dall’antiamericanismo:
“Come sapete il nostro paese ha grandi sfide da affrontare al suo interno, in relazione ai problemi dell’energia, delle tasse, dell’ambiente, dell’educazione e della salute:
Per affrontare questi problemi abbiamo bisogno di nuovi leader a Washington, le politiche dei quali siano suggerite dalle famiglie dei lavoratori americani, e non dai super-ricchi e dalle loro legioni di lobbysti a Washington”…….…

Ha poi aggiunto che oggi l’America deve restaurare la sua grandezza dicendo la verità, cercando la pace, rispettando i diritti civili in patria e quelli umani all’estero:
“ La verità è il fondamento della nostra leadership globale, ma la nostra credibilità è stata gettata, e siamo rimasti sempre più isolati e vulnerabili in un mondo ostile. Senza verità, senza fiducia, l’America non può fiorire. La fiducia è il fondamento della democrazia, il sacro legame tra il Presidente ed il popolo. Quando questa fiducia viene violata, gli impegni reciproci che tengo insieme la nostra repubblica si indeboliscono.
Dopo il 9/11 l’America era orgogliosa, ferita, ma determinata. Un attacco vigliacco a civili innocenti ci aveva portato un livello di cooperazione e comprensione internazionale senza precedenti.
Ma, dopo solo 34 mesi abbiamo visto, con grande disappunto, come tutta questa positività sia stata cancellata da una serie virtualmente ininterrotta di errori e calcoli sbagliati.
Atti e richieste unilaterali hanno isolato gli Stati Uniti da gran parte dei paesi che avevamo bisogno si unissero nella lotta al terrorismo..
Non dimentichiamo che i sovietici persero la Guerra fredda perché gli americani combinarono l’esercizio del potere aderendo ai principi basati sul sostegno bipartisan. Noi capimmo il nesso positivo tra la promozione dei diritti umani e la difesa della nostra libertà. Ma, le politiche recenti sono costate alla nazione la nostra reputazione di più ammirati campioni della libertà e della giustizia.
Questi pochi mesi di estremismo hanno fatto una grande differenza. Gli Stati Uniti si sono alienati i propri alleati, hanno dispiaciuto i propri amici, ed inavvertitamente gratificato i propri nemici proclamando una confusa e fastidiosa strategia di guerra preventiva” ……

“……Questi sono alcuni dei prezzi che il nostro governo ha pagato con il suo radicale allontanarsi dai basilari principi e valori americani . Ripudiando gli estremismi, dobbiamo riabbracciare alcuni principi di senso comune che trascendano le differenze partigiane.
-Primo: Non possiamo costruire la nostra sicurezza se gettiamo nel disastro ciò che ci è più prezioso: la centralità dei diritti umani nella nostra vita di tutti i giorni e nelle nostre relazioni globali.
-Secondo: non possiamo mantenere la nostra storica autostima se generiamo panico nelle opinioni pubbliche.
-Terzo: non possiamo compiere il nostro dovere di cittadini e patrioti, se seguiamo un programma che polarizza e divide il paese.
Poi: non possiamo essere onesti con noi stessi, se inganniamo gli altri.
E infine: non possiamo guidare gli altri paesi, se i nostri leader ci guidano disonestamente.

Non puoi essere un presidente di guerra un giorno, e dichiararti presidente di pace il giorno dopo, a seconda degli ultimi sondaggi politici…….
………….alla fine il punto della questione è se l’America fornirà una leadership globale che nasce dall’unità e dall’integrità del popolo americano, o se le dottrine estremiste, la manipolazione della verità definiranno il ruolo dell’America nel mondo.”


- Fondamentalismo;
questo è il pericolo che aggredisce il nostro pianeta in questo periodo storico.
Fondamentalismi religiosi: islamici, cristiani, hindu, ebraici, non ne manca uno.
Ad essi va aggiunto il”fondamentalismo del mercato”, cancro della finanza, pronto a sfruttare gli altri fondamentalismi a proprio vantaggio.
Fondamentalismo politico: “o sei con me o contro di me”, ove non esistono più avversari, ma solo nemici da sterminare ed umiliare, nel quale la morte dell’avversario è il fine ultimo, a dispetto degli interessi delle persone e delle comunità.



versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 7 commenti visibili (su 7) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
politica energetica . Sunday, Jul. 10, 2005 at 11:35 PM
ehm.....roosvelt... mazzetta Monday, Aug. 23, 2004 at 7:00 PM
roosvelt e bush?? ma mi facci il piacere roosvelt da lassu Thursday, Jul. 29, 2004 at 3:44 PM
intanto Riotta............ borlotti Wednesday, Jul. 28, 2004 at 10:53 PM
palle Pentothal Wednesday, Jul. 28, 2004 at 9:23 PM
l'america e' fatta cosi' santerre Wednesday, Jul. 28, 2004 at 7:47 PM
bravo mazzetta messina Wednesday, Jul. 28, 2004 at 5:31 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9