Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
In contatto con Baghdad (55)
by robdinz Wednesday April 09, 2003 at 06:30 PM mail: robdinz@hotmail.com 

E' festa a Baghdad.

E’ festa a Baghdad. Sono arrivati i liberatori.
Davanti al “Palestine” ed allo “Sheraton” i carri armati ed i blindati Usa sono arrivati come di corsa, prendendo posto fin sopra le aiuole dei parcheggi. Sono scesi velocemente i soldati, con le armi e le telecamere. Hanno faticato ad entrare nella hall, a superare le ampie porte a vetri che si aprono all’interno.
I giornalisti dei networks tv li hanno respinti. Hanno provato a respingerli. Non volevano partecipare alla festa. Gridavano i nome dei colleghi uccisi ieri, colpiti con quei colpi di cannone deliberatamente sparati tra il 14 ed il 15 piano.
Sono entrati di forza. Lo avranno fatto per far festa.

La voce del mio contatto mi arriva chiarissima, le comunicazioni come per incanto sono riprese non più tardi di un’ora fa.
E non mi parla di feste. I cittadini di Baghdad non sono stati invitati a nessuna festa.
Nonostante le truppe americane si siano aperte all’interno della città sfondando la resistenza dei “feddayns” e giungendo fin dentro i quartieri popolari cannoneggiando e continuando a distruggere le abitazioni civili.
Inseguendo gli iracheni che non sapevano che fosse festa in tutta la città.

Centinaia sono i cadaveri con le budella al vento, con le mosche intorno alle orbite degli occhi. Dove sono le tv?

E’ il primo giorno questo senza bombe né missili e molti, tanti, tantissimi erano usciti fin dal primo mattino dalle case, dai rifugi improvvisati che erano stati le loro case per troppi giorni. Senza più cibo, acqua si sono riversati verso il centro di Baghdad. Davanti ai magazzini alimentari che ancora nascondevano viveri i più giovani e robusti hanno sfondato le inferriate e preso quanto loro serviva. Poi anche più su, verso i quartieri della borghesia di stato con le ville bianche circondate da giardini pieni di banani. Anche qui scavalcati i muri, divelte porte e finestre con ferri usati come piedi di porco, calpestati i preziosi tappeti dei saloni, buttate a terra le porte delle dipense e fatto man bassa di cibo. Ma anche di ventilatori, tv e radio.
Poi tutti via di corsa.

Neppure negli ospedali si sono accorti che è festa. Le migliaia di feriti che giacciono in ogni angolo fuorchè nei letti perché non ve ne sono più, continuano a non poter essere curati, le amputazioni proseguono senza alcuna anestesia. Si continua ad urlare di dolore negli ospedali, a piangere. A morire.

Almeno 3.000 le vittime degli ultimi tre giorni e più ancora i feriti.
Baghdad città morta. Senza aria di festa.

Milioni di persone, di uomini, donne, vecchi e bambini lontani dalle telecamere dei networks implorano disperati i liberatori di non distruggere le loro case. Ma vengono colpiti, incappucciati, legati e buttati come rifiuti tra le macerie ed i corpi in putrefazione delle vittime.

No, no, qui non c’è nessuna festa mi ricorda il mio contatto. Si sente sparare, la resistenza è ancora tanta. Non so davvero cosa potrà accadere questa notte.
Siamo sempre a Baghdad, dopo settimane di bombe e missili, migliaia di morti che nessuno ha mai denunciato, almeno un quarto delle abitazioni civili
sono state distrutte, non c’è acqua potabile, decine di migliaia di cittadini soffrono di infezioni, tifo, diarrea. La minaccia del colera è qualcosa di molto reale e preoccupante. Per non parlare delle altre zone dell’Iraq dalle quali non abbiamo informazioni sicure ed indipendenti.
Già, il resto del paese.

Le truppe Usa stanno realizzando una specie di spot pubblicitario davanti agli alberghi dei giornalisti per dare l’immagine al mondo intero della liberazione di Baghdad. Ma non è così, si accalora il mio contatto, è questa una città di 5 milioni di persone, chi può credere alle immagini rilanciate via satellite di 150 iracheni che ballano e cantano davanti ai carri armati?.
Già, chi?

Questa notte sarà un’altra notte di sofferenza, dove non si cureranno i feriti, dove si farà l’appello dei vivi per contare i morti. Un’altra notte di digiuno, di acqua del fiume per bere e lessare i legumi. Un’altra notte di paura che i liberatori possano arrivare alla porta e sfondarla, aggredire e distruggere tutto quanto è all’interno. Ma di quale festa stiamo parlando?
Già, quale festa?

Ho imparato a conoscerle queste notti di Baghdad, mi riferisce il mio contatto, sono notti che non finiscono mai, non si dorme, semmai si veglia. Ci si sdraia vestiti dove ci si trova, i pochi soldi nascosti nelle tasche, i piccoli ori che ogni famiglia possiede cuciti negli orli degli abiti delle donne, i bambini tra le braccia. E mentre tutto intorno cadono bombe e missili, o si sentono i colpi delle artiglierie, si fa un silenzio assoluto. Come se anche il più piccolo sospiro potesse far scoprire che c’è vita in quella casa. Notti terribili ed indimenticabili in quelle case della città. Notti da passare con le mani strette sul viso.
Già, la notte.

Che la notte sia leggera.
r.

Ps.

Mentre scrivevo questa corrispondenza, un contatto preziosissimo, mi ha inviato queste brevi note di Charles Clover, inviato del “Financial Times”, che si trova a Najaf e segue in diretta televisiva su “Al Jazeera” quanto avviene nel centro di Baghdad e di fronte all’hotel “Palestine”.
Le pubblico così come mi sono arrivate.
Quale festa a Baghdad?




da
Charles Clover
“Financial Times”
in Najaf
Iraq

Sto vedendo al Jazeera live. Bagdad. Panoramica dall’alto. Vedo i carri armati ma non vedo le folle festanti. Anzi non vedo folle di nessun genere. Solo gruppetti. Alcuni hanno uno striscione con scritto “Via gli human shield”. Altri stanno buttando giù una statua di Saddam. Notoriamente la prima preoccupazione dei cittadini di una città martoriata!
Collaborazionisti? I fuorusciti al soldo degli americani, i nuovi miliziani pagati dagli Usa che ci verranno spacciati per “il popolo di Bagdad?


***
Wednesday April 09, 2003 at 03:34 PM
Truppe USA all'assalto dell'hotel Pelestine forse alla ricerca di cecchini. panico tra la gente nell'hotel
donne e bimbi che tremano e piangono di paura, uomini in divisa urlano bestemmie e ordini.
le telecamere delle truppe si soffermano sui quadri di Saddam presenti all'interno, come per giustificare l'irruzione.
proteste dei giornalisti che accolgono i militari al gido di "fuck USA" e "Yankees go home".

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
Ci sono 18 commenti visibili (su 23) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
FANCULO AI DITTATORI saddam boia Thursday April 10, 2003 at 04:36 AM
Aiuto per Ali? Drone Thursday April 10, 2003 at 12:54 AM
Speranza? Kh. Wednesday April 09, 2003 at 11:27 PM
Charlie Charlie Wednesday April 09, 2003 at 08:31 PM
Dov'e' la festa uno con dei dubbi Wednesday April 09, 2003 at 06:48 PM
x aiutiamo l'Iraq libero fedex Wednesday April 09, 2003 at 06:38 PM
Si fedex Wednesday April 09, 2003 at 06:33 PM
Pacifista ma contento Aiutiamo l'Iraq libero Wednesday April 09, 2003 at 06:29 PM
COME L'11 SETTEMBRE POLEMICUS Wednesday April 09, 2003 at 06:19 PM
Per Marco e gli altri osservatore Wednesday April 09, 2003 at 06:15 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9