Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
In contatto con Baghdad (52)
by robdinz Monday April 07, 2003 at 05:52 PM mail: robdinz@hotmail.com 

I numeri della guerra.

I numeri della guerra non hanno nulla a che vedere con la guerra dei numeri.
I numeri della guerra hanno un nome e un volto, i numeri della guerra fanno impressione perché hanno il peso della verità, perché dietro i numeri della guerra si nasconde la sofferenza di uomini e donne, bambini e vecchi. I numeri della guerra portano in primo piano, ci sbattono in faccia senza mediazioni, la guerra stessa.

Le informazioni che riporto mi giungono via mail da un familiare di una report presente a Baghdad e che non sono riuscito a contattare per telefono. Sembra essere una di quelle giornate difficilissime per i collegamenti telefonici. Ieri, dopo un incontro con due medici iracheni, avvenuto in luogo sicuro (né in ospedale, né in un albergo) è riuscita a spedire dallo stesso luogo dove si trovavano una serie di mail ai familiari. Una di queste contiene le notizie che pubblico.

Mi arrivano i dati elaborati, che sarebbe a dire semplicemente sommati gli uni agli altri, e dicono che:

5 milioni di persone sono assediate a Baghdad senza luce, senza acqua e senza medicinali.

2 milioni di civili non hanno più di che alimentarsi.

400.000 di questi sono bambini, ormai malnutriti e sottoalimentati dal giorno dell’inizio della guerra.

100.000 soffrono di diarrea, tifo e malattie respiratorie senza che sia possibile intervenire per l’assoluta mancanza di medicinali ed attrezzature sanitarie.

5.000 persone sono ricoverate negli ospedali ancora praticabili della città. Contro una disponibilità accertata e verificata di 500 posti letto.
La stragrande maggioranza di costoro sono in gravi condizioni per fratture, arti amputati e ferite ormai degenerate in pericolose infezioni.

1.000 le vittime nella sola Baghdad. 500 quelle ufficiali perché decedute negli ospedali o alla presenza di testimoni o di medici.

2.000 i feriti negli ultimi tre giorni che non potranno avere alcuna assistenza medica tanto perché gli ospedali sono pieni, quanto per la mancanza di ogni genere di terapie.


Prime notizie non censurate arrivate ieri sera a Baghdad sottolineano come in altre aree dell’Iraq la situazione sia altrettanto drammatica.

Bassora:
1,3 milioni di persone sono prive da oltre una settimana di luce ed acqua. Il 70% degli abitanti è costretto a servirsi dell’acqua del fiume per bere, lavarsi e cucinare. Tutte le cventrali elettriche della città sono state bombardate e distrutte. L’energia elettrica assicurava il pompaggio dell’acqua. I generatori di emergenza sono entrati subito in funzione, ma sono stati colpiti anch’essi.
100.000 bambini di Bassora si trovano nelle stesse drammatiche condizioni dei loro coetanei della capitale.

Erbil:
Gli intensi bombardamenti e la distruzione della città provocata dall’intervento degli anglo-americani hanno costretto la popolazione a rifugiarsi sulle vicine montagne. Senza cibo, coperte o generi di conforto, sotto temperature rigidissime.

Umm Qasr:
La città è stata pesantemente bombardata. Centinaia le vittime.
Fuori dal porto una nave che trasporta oltre 1 milioni di acqua potabile e medicinali essenziali non viene fatta attraccare dalle forze inglesi e americane per “paura che bordo si trovino terroristi”.

Mi riferiscono che sempre da stanotte sono state chiuse, nei due sensi, le frontiere con Siria, Giordania, Turchia ed Iran, dove si sono schierate truppe di terra americane che impediscono persino ai profughi in fuga dalla guerra di raggiungere i campi allestiti in fretta dall’ Acnur. Come avviene per il campo perfettamente allestito ad El Hol, subito dietro la frontiera con la Siria, che la popolazione irachena in fuga non può raggiungere.

Sempre gli anglo-americani hanno fatto sapere ai giornalisti dei grandi network televisivi presenti in gran numero ancora all’hotel “Palestine” di non muoversi dall’albergo per nessuna ragione.

Cirola tra i giornalisti “ufficiali” una lista di “criminali di guerra” iracheni (stampata su volantini scritti in inglese ed in arabo) che comprende, oltre Saddam Hussein:

Uday Hussein Primogenito di Saddam
Qusay Hussein Secondogenito

Ali Hassan Generale della Guardia Repubblicana

Terek Aziz Vice Primo ministro
(nella lista è presente con il suo vero nome: Mikhail Yuhanna)

Izzat Ibrahim al-Douri Vice presidente Partito Baas

Hani al-Latif Tulfah Ministro degli Interni

Aziz Salih Numan Segretario naz.le del Partito Baas

Abed Hammoud al-Tikriti (indicato come assistente di Saddam)

Taha Yassim Ramadam Vice Presidente dell’Iraq


Questo è quanto mi è dato di sapere ad ora.

Continuerò come sempre a restare attaccato al telefono, ed in attesa dei report di Rosarita Catani da Amman.

A dopo
r.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
Ci sono 4 commenti visibili (su 4) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
bush e sharon fettina Tuesday April 08, 2003 at 02:09 AM
in.. Felis Monday April 07, 2003 at 07:12 PM
Per corridoio umanitario... E-LOTTA Monday April 07, 2003 at 07:07 PM
Per corridoio umanitario... E-LOTTA Monday April 07, 2003 at 07:07 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9