Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

CD GE2001 - un'idea di Supporto Legale per raccogliere fondi sufficienti a finanziare la Segreteria Legale del Genoa Legal Forum


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
In contatto con Baghdad (48)
by robdinz Friday April 04, 2003 at 10:56 PM mail: robdinz@hotmail.com 

Rosarita dalla Giordania.

Ho ricevuto pochi minuti fà queste impressioni dalla Giordania. L'autrice è una reporter indipendente che si trova ora in Giordania, a Shafa Badran, non lontano da Amman.
Il suo stile è asciutto, forse un pò "ruvido", ma rende molto bene lo spirito con il quale l'opinione pubblica araba vive questa crudele ed illegale guerra contro l'Iraq.
Per di più, Rosarita Catani,di evidente origine italiana, ci descrive le immagini trasmesse dalle televisioni arabe. Immagini che in Italia sono censurate, omesse, tagliate per la collusione che esiste tra i network televisivi nazionali
e la propaganda degli Stati Maggiori anglo-americani.
Altra spiegazione non c'è del perchè le immagini tv che Rai, Mediaset e la 7 ci trasmettono riprendendole dai canali arabi sono tutte uguali e funzionali al principio della "guerra giusta".
Grazie a Rosarita, che con una buona dose di coraggio e di onestà intellettuale ha acconsentito alla mia richiesta di rivelarsi pubblicamente. Come una reporter di razza.

Altre corrispondenze mi invierà Rosarita, con la quale sono in contatto quotidiano, e così come lei le scriverà, senza censureo mediazioni le proporrò quì.
Da questo formidabile punto di osservazione che è la Giordania.
r.

di Rosarita Catani
da Shafa Badran
Amman
Giordania

"4.4.03.- Il Re Abdallah di Giordania chiedeva al governo americano di far entrare le derrate alimentari che giacciono al confine Giordania – Iraq.
I responsabili hanno negato l’entrata di tali derrate che ad oggi giacciono ancora sul confine. Secondo fonti locali gli americani vorrebbero loro distribuire il cibo per non darlo a tutta la popolazione che ne ha bisogno.Qui inizia a far caldo ad Amman oggi erano 30°, mentre in Iraq si raggiungevano i 35° quindi tutto il cibo ed i medicinali che sono giacenti sul confine rischiano il deterioramento.
La televisione araba riporta che circa 1.500.000 della popolazione irachena è senza cibo, senza acqua.Oggi ad Amman sono scese in Piazza circa 15.000 persone a manifestare contro la guerra.
Una donna irachena, con il viso segnato dal dolore, senza neanche più lacrime nei suoi occhi per poter piangere i suoi morti, raccontava di aver perso i suoi figli e che gli altri due erano in Iraq. Dice: “Inshallah” (se Dio vuole) Saddam caccia gli americani fuori dalla nostra terra.Un’altra donna grida speriamo (inshallah) Bush si rompa in due e gli americani vadano fuori da queste terre. Un uomo piange: Basta! Dice urlando stanno ammazzando i nostri figli”.
La televisione araba continua ad inviare immagini e le notizie si susseguono. Gli americani sono arrivati all’aereoporto “Saddam Hussein” in Bagdad.
Saddam Hussein fa un annuncio per televisione e dichiara di voler bombardare l’aereoporto per non lasciarlo in mano americana. Altri bombardamenti sull’Iraq. Le bombe cadono sulla gente, sui palazzi civili. Le immagini che vediamo sono terribili. Una donna incinta morta mentre si recava con la macchina all’Ospedale per partorire a seguito del bombardamento. Un ragazzo ferito rischia di perdere la sua gamba. Un susseguirsi di notizie, una dopo l’altra.
La convenzione di Ginevra per gli americani non esiste.
Non rispettano diritti umani.
A Naief , un piccolo centro, si vedono i soldati americani che fermano una macchina con a bordo due civili iracheni. Vengono invitati a scendere. Dopo li maltrattano, vengono a forza spinti ed inginocchiati per terra, percossi sulla testa, perquisiti. Le perquisizioni proseguono nelle case. Gli uomini vengono presi, come capre e trasportati su camion.
La situazione più grave è a Basra (Bassora) dove manca acqua, luce elettrica, medicinali. C’è grave pericolo di epidemie.I bambini soprattutto non riusciranno a sopravvivere. Specialmente i più piccoli che hanno gravi forme di dissenteria e non ci sono medicine per curarli.Negli ospedali manca tutto. Manca l’anestesia, disinfettanti. Si stanno utilizzando delle bende racimolate per caso per medicare.
I bambini, che brutto vedere quei corpicini martoriati. Un bambino piccolo, avrà avuto circa tre anni, con il ventre aperto ed il braccio dilaniato. Non piange, non versa una lacrima, non grida e non chiede della mamma, non è morto è sveglio e si guarda intorno. I medici stanno tentanto di tutto per salvarlo. Senza guanti, le mani sporche di sangue per tamponare, per medicare.
Non posso vedere queste immagini."

di Rosarita Catani
da Shafa Badran
(Amman)
Giordania




versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
Ci sono 1 commenti visibili (su 1) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
CORRIDOIO UMANITARIO - 11 APRILE 1° TENTATIVO E-LOTTA Saturday April 05, 2003 at 06:28 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9