Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
In contatto con Baghdad (47)
by robdinz Friday April 04, 2003 at 07:15 PM mail: robdinz@hotmail.com 

Sarà stanotte?

Questo giorno non è come gli altri a Baghdad. La percezione che qualcosa di irreversibile stia per accadere non è solo nell’aria, ma nelle strade, sulle facce degli iracheni. La si può toccare con mano, è visibile.

La linea telefonica, raggiunta libera dopo così tante ore da non sperarci più, mi porta un racconto di una Baghdad alla fine. O, all’inizio di qualcosa che segnerà per sempre la città e la popolazione.

Migliaia di soldati sono ormai ammassati nelle periferie nord e sud della capitale. Per tutta la notte sono ricomparsi i camion scoperti pieni di milizie in divisa che correvano da un lato all’altro del fiume.
Le bombe ed i missili hanno continuato senza sosta a cadere, esplodere, incendiare e distruggere quartieri residenziali, viali alberati, ancora l’università ed ancora un ‘ala del museo nazionale.

Eppure la notte passata, la città era piena di gente che camminava e correva lungo i muri, gli argini dei fiumi, persino sui tetti della città vecchia. La città vecchia e tutta l’area metropolitana di Baghdad sono rimaste al buio, un buio pesto da fa paura.

Chi mi parla sta preparando le sue cose, chiudendo lo zaino e le borse per trasferirsi altrove. Non ci si fida più a restare nei piccoli alberghi, preferiscono concentrarsi il più possibile insieme. Tanto per una questione di sicurezza, quanto per allentare la tensione e la paura che sale fino alla gola.

Al mattino presto, gli uomini in borghese, armati, che spesso pattugliavano durante la notte le strade del centro della capitale sono stati visti equipaggiati con delle maschere anti-gas allacciate in vita. Non tutti le avevano. Ma, mi riferiscono, l’impressione è stata terribile.

La casa dove sono concentrati i miei contatti, non è lontana da Shaab, dove si trovava il mercato dilaniato dai missili americani.
I vetri delle finestre sono stati sostituiti con assi di legno ed ogni cosa che si trovava in qualche modo in bilico è stata posata a terra.
Sotto la casa si trova un grande magazzino pieno di uva passita che sparge tutto intorno un profumo quasi inebriante fin dentro le stanze della casa. Il propprietario è riuscito proprio ieri mattina a far andare via dalla città la sua famiglia, fino alla fattoria del fratello che si trova poco fuori Baghdad. Egli è convinto che lì siano più al sicuro. Ma lui non lascia la casa ed il suo magazzino nel quale faceva seccare e lavorava l’uva per le pasticcerie mischiandola ad altra frutta secca. Preparava macedonie in barattolo e, pur se formalmente proibito, distillava una acquavite meritatamente rinomata.

Di bocca in bocca giungono le notizie della grande battaglia all’aeroporto durata tutta la notte e niente affatto finita. Notizie a volte euforiche, “l’abbiamo rimandati indietro, gli americani”, a volte, il più delle volte “100 morti, anzi 300 per le bombe degli invasori”.
La battaglia dell’aeroporto si è sentita fin dentro la città. Si è sentita e si è vista, con quelle esplosioni che non avvenivano più a terra, ma dieci, quindi ci metri sopra i palazzi e le infrastrutture. Era come se le bombe ed i missili esplodessero emettendo una fortissima luce giallo/verde che illuminava per chilometri tutto quanto era intorno.
Con un rumore, un fragore, un boato esplosivo mai sentito prima da quanto era enormemente forte.

Proprio per il suo lavoro con la frutta, il padrone di casa conservava in dei grandi vasconi di ferro ed in altri di pietra tantissima acqua. Che è servita fino a due giorni fa per cucinare, per bere dopo essere bollita, ed anche per lavarsi. Stamane l’ha indicata ai reportes che sono con lui, gli ha tirato un sapone e degli asciugamani profumati di bucato. Non se lo sono fatti ripetere due volte e l’un con l’altro aiutandosi con un secchio si sono fatti una doccia.

Baghdad appare cone “fortificata”: una trincea, un avamposto
dove trovano posto cinque milioni di cittadini spaventati. Non più impegnati a spazzare dai detriti, dei danni provocati dalle bombe e dai missili, i marciapiedi e gli ingressi delle abitazioni, ma a porre uno su l’altro, uno accanto all’altro, sacchi di sabbia grandi e piccoli come fragili ripari da prima linea contro l’arrivo della guerra fin dentro le case, i vicoli e le grandi strade della capitale. Srotolare metri di nastro adesivo da incrociare sui vetri dei negozi e delle case. I alcuni casi, mi dicono, perfino murare, letterlamente, gli ingressi delle abitazioni dove tantissime famiglie si sono rifugiate come prigioniere delle loro stesse case, con le ultime scorte di cibo e acqua per aspettare questa notte che deve arrivare. Una notte lunghissima.

La casa dove si trovano i reporters, è stata come “spostata”al suo interno, più simile ad un luogo, il più sicuro possibile, di osservazione e di attesa. I letti rovesciati con i materassi a terra incrociati con i cuscini dei divani come a formare un grande letto, come quello che fanno bambini quando giocano o hanno paura.
I tappeti di Fahez, così si chiama il padrone di casa, sovrapposti anch’essi a terra nella stanza più grande, così da poter mangiare ed ascoltare i notiziari della radio seduti o semisdraiati sul “morbido”.
Formaggio di capra, carne di agnello e di pollo cotta in padella, con spezie piccanti e verdure. La dispensa di Fahez era piena, ma ora che la famiglia è “al sicuro” vuol dividerla con quegli stranieri che considera un po’ matti, che ancora sono lì a Baghdad per raccontare una guerra che ora è davvero vicina. Come se non bastasse la guerra delle bombe e dei missili che continuano a squarciare la città.
La guerra è ora proprio vicina. La guerra con il rumore dei cannoni, dei fucili, dei cingoli dei carri armati, con il sangue lungo le strade.La guerra della resistenza dei cittadini e della popolazione contro gli invasori.
Ma la guerra sarà già stanotte? Chiede con insistenza Fahez ai reporters, mentre puliscono le verdure e non sanno davvero cosa rispondergli. Stanotte? Si guardano tra loro e non riescono a trovare neppure le parole per una risposta.


Che la notte sia leggera.
r.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
Ci sono 6 commenti visibili (su 7) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
... choffan Sunday April 06, 2003 at 08:50 PM
groove aiuti umanitari? Sunday April 06, 2003 at 10:58 AM
resistere nicola Saturday April 05, 2003 at 09:32 PM
Aiuti umanitari yanez Saturday April 05, 2003 at 03:01 PM
kikko kikko Saturday April 05, 2003 at 10:17 AM
Cuore in gola Choffan Friday April 04, 2003 at 09:23 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9