Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Il saluto di Marcos all'Italia ribelle
by maurizio Sunday, Feb. 16, 2003 at 6:10 PM mail:

Il saluto dell'EZLN all'Italia ribelle (letto in Piazza San Giovanni ieri da Heidi Giuliani).

Il saluto dell'EZLN all'Italia ribelle
(letto in Piazza San Giovanni da Heidi Giuliani)
Esercito zapatista di liberazione nazionale.Messico.15 febbraio 2003.

Fratelli e sorelledell’italia ribelle:
Ricevete un saluto dagli uomini, donne, bambini, e anziani dell’ esercito zapatista di liberazione nazionale.
La nostra parola si fa nuvola per attraversare l’oceano e arrivare ai mondi che ci sono nei vostri cuori.
Sappiamo che oggi ci saranno mobilitazioni in tutto il mondo per dire no alla guerra di bush contro il popolo dell’Irak!
E questo bisogna dirlo proprio cosi’, perche’ non e’ una guerra del popolo nordamericano, ne’ e’ una guerra contro Saddam Hussein.
E’ una guerra del denaro, che e’ rappresentato dal signor Bush (forse per enfatizzare che manca di ogni intelligenza).
Ed e’ contro l’umanita’, il cui destino e’ oggi in gioco in terra irakena.
Questa e’ la guerra della paura.
Il suo obiettivo non e’ abbattere Hussein in Irak.
La sua meta non e’ farla finita con Al Qaueda. Ne’ liberare il popolo irakeno.
Non e’ la giustizia ne’la democrazia ne’ la liberta’cio’ che anima questo terrore.
E’ la paura.
La paura che l’umanita’ intera si rifiuti di accettare che un poliziotto le dica quello che deve fare, come deve farlo e quando deve farlo.
La paura che l’umanita’ si rifiuti di essere trattata come un bottino.
La paura di questa essenza dell’essere umano che si chiama ribellione.
La paura che i milioni di essere umani che oggi si mobilitano in tutto il mondo trionfino nell’innalzare la causa della pace.
Perche’ le bombe che saranno lanciate sul territorio irakeno, non avranno come vittime solo i civili irakeni, bambini, donne, uomini e anziani, la cui morte sara’ solo un incidente nel precipitoso e arbitrario passaggio di chi chiama, dalla sua parte, dio come alibi per la distruzione e la morte.
Chi dirige questa stupidita’ (che e’ appoggiata da Berlusconi in italia, Blair in inghilterra, e Aznar in spagna), il signor Bush, con i soldi compro’ la potenza che pretende scaricare sul popolo irakeno.
Perche’ non bisogna dimenticare che il signor Bush sta a capo della autoprocalamata polizia mondiale, grazie ad una frode cosi’ grande che ha potuto essere occultata solo dai detriti delle Torri Gemelle a New York e dal sangue delle vittime degli attentati terroristici dell’11 settembre 2001.
Ne’ Hussein ne’ il popolo irakeno interessano al governo nordamericano.
Quello che gli importa e’ dimostrare che puo’ commettere i propri crimini in qualunque parte del mondo, in qualunque momento e che lo puo’ fare impunemente.
Le bombe che cadranno in Irak cercano anche di cadere in tutte le nazioni della terra. Vogliono cadere anche sopra ai nostri cuori e cosi’ universalizzare la paura che portano dentro.
Questa guerra e’ contro tutta l’umanita’, contro tutti gli uomini e le donne oneste.
Questa guerra vuole che abbiamo paura, che crediamo che chi ha il denaro e la forza militare, abbia anche la ragione.
Questa guerra vuole che scrolliamo le spalle, che facciamo del cinismo una nuova religione, che rimaniamo in silenzio, che ci conformiamo, che ci rassegnamo, che ci arrendiamo, che dimentichiamo.
Che ci dimentichiamo di Carlo Giuliani, il ribelle di Genova.
Per noi zapatisti, uomini siamo quelli che sognano i nostri morti.
E oggi i nostri morti sognano un no ribelle!
Per noi c’e’ solo una parola degna e una azione conseguente di fronte a questa guerra.
La parola no e l’azione ribelle.
Per questo dobbiamo dire no alla guerra!
Un no senza condizioni ne’ pero’.
Un no senza mezze tinte.
Un no senza grigi che lo macchiano.
Un no con tutti i colori che dipingono il mondo.
Un no chiaro, tondo, contundente, definitivo, mondiale.
Quello che e’ in gioco in questa guerra e’ la relazione tra il potente e il debole.
Il potente e’ tale perche’ ci fa deboli.
Si alimenta del nostro lavoro, del nostro sangue.
Cosi’ lui ingrassa e noi deperiamo.
In questa guerra il potente ha invocato dio dalla sua parte perche’ accettassimo la sua potenza e la nostra debolezza come qualcosa stabilito da un disegno divino.
Pero’ dietro questa guerra non c’e’ altro dio che il dio del denaro, ne’ altra ragione che il desiderio di morte e distruzione.
L’unica forza del debole e’ la sua dignita’.
Essa lo anima a lottare per resistere al potente, per ribellarsi.
Oggi c’e’ un no che debilita il potente e fortifica il debole: il no alla guerra.
Qualcuno si domandera’ se la parola che convoca tanti in tutto il mondo sara’ capace di evitare la guerra o, se gia’ iniziata, a fermarla.
Pero’ la domanda non e’ se potremo cambiare la strada assassina del potente.
No. La domanda che ci dobbiamo fare e’: potremo vivere con la vergogna di non aver fatto tutto il possibile per evitare e fermare questa guerra?
Nessun uomo e donna onesti possono rimanere in silenzio e indifferenti in questo momento.
Tutti e tutte, ognuno con il proprio tono, col proprio modo, con la propria lingua,
con la propria azione, dobbiamo dire no!
E se il potente vuole universalizzare la paura con la morte e la distruzione, noi dobbiamo universalizzare il no!
Perche’ il no a questa guerra e’ anche un no alla paura, un no alla rassegnazione, un no all’oblio, un no al rinunciare ad essere umani.
E’ un no per l’umanita’ e contro il neoliberismo.
Desideriamo che questo no valichi le frontiere, che si faccia beffe delle dogane, che superi le differenze di lingua e cultura, e che unisca la parte onesta e nobile dell’umanita’, che sempre, non bisogna dimenticarlo, sara’ la maggioranza.
Perche’ ci sono negazioni che uniscono e portano dignita’.
Perche’ ci sono negazioni che affermano uomini e donne nella parte migliore di se stessi, cioe’ nella loro dignita’.
Oggi il cielo del mondo si annuvola di aerei da guerra, di missili che si autodefiniscono intelligenti solo per nascondere la stupidita’ di chi li comanda e di chi come Berlusconi, Blair e Aznar li giustificano, di satelliti che indicano dove c’e’ vita e ci sara’ morte.
Il suolo del mondo si macchia di macchine di guerra che dovranno dipingere di sangue e vergogna la terra.
Arriva la tormenta.
Pero’, albeggera’ solo se le parole fatte nuvola per attraversare le frontiere, si trasformano in un no fatto pietra, e aprono una fessura nell’oscurita’, una crepa dalla quale possa passare il domani.
Fratelli e sorelle dell’italia ribelle e degna: accettate questo no che, dal Messico,vi mandiamo noi zapatisti, i piu’ piccoli.
Permettete che il nostro no fraternizzi col vostro e con tutti i no che oggi fioriscono in tutta la terra.
Viva la ribellione che dice no!
Muoia la morte!

Dalle montagne del sudest messicano
Per il Comitato clandestino rivoluzionario indigeno - Comando generale dell’Esercito zapatista di liberazione Nazionale.

Subcomandante insorgente Marcos.
Messico, febbraio 2003.


versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono N_UMVISIBLE commenti visibili (su 2) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
giorni, mesi, anni Enrico Monday, Feb. 17, 2003 at 7:54 AM
cosa dire guido Sunday, Feb. 16, 2003 at 8:22 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9