Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
INDYMEDIA FAQ # 23
by Imc Italia Sunday, Jul. 21, 2002 at 7:29 AM mail:

23. Cos'è l'Open Publishing?

Vai alle Indymedia FAQ

Per spiegare cos'è l'Open Publishing vi proponiamo il testo scritto da Matthew Arnison, di Catalyst, il collettivo australiano che ha creato Active, il primo software usato da Indymedia.


L'Open Publishing è la stessa cosa del Software Libero

testo di Matthew Arnison (maffew@cat.org.au)
versione 0.3 (scritto 03.2001 - rivisto 06.2001)



Una definizione operativa di pubblicazione aperta (Open Publishing).

Pubblicazione aperta significa che il processo di creazione delle notizie è trasparente nei confronti del lettore. Il lettore può contribuire con una storia e vederla apparire istantaneamente tra la serie di storie pubblicamente disponibili. Quelle storie sono filtrate il meno possibile per aiutare il lettore a trovare le storie che vuole. Il lettore può vedere le decisioni editoriali che altr* prendono. Può vedere come partecipare ed aiutare altr* a prendere quelle decisioni. Se pensa di conoscere un modo migliore di usare il software di pubblicazione, può copiare il software, poichè esso è libero, cambiarlo e iniziare il suo proprio sito. Se vuole redistribuire le notizie, può farlo, preferibilmente su un sito a pubblicazione aperta.

La pubblicazione aperta è la stessa cosa del Software Libero.

Sono entrambe risposte evolutive alla privatizzazione dell'informazione messa in atto dai monopoli multinazionali. Per il software è Microsoft, per la pubblicazione è Cnn. Per entrambi è Aol Time Warner. Il software libero offre in giro programmi. Arrivano a costo zero...chiamiamola birra gratis. Ma il software libero non è solo questo. Il codice sorgente, la blueprint genetica, i meccanismi interni sono aperti per gli altri da vedere (da ciò il software libero è anche chiamato software aperto). Quindi altr* possono prenderlo e cambiarlo e passare le loro modifiche ad altre persone. Il prodotto è libero, e il processo di produzione è libero e trasparente. Se a qualcuno non piace, si può prenderlo e modificarlo. L'unica cosa che non si può cambiare è il fatto che sia libero. Ciò è garantito dalla licenza GNU, una sovversione virale delle leggi sul copyright che garantisce la libertà di un pezzo di codice e di tutte le sue modifiche. I mezzi sono il fine. Il viaggio è la destinazione. Potresti pensare che questo processo non porti a nulla di realmente creativo, altamente ispirato, enorme, complesso, semplice, piccolo, affidabile, a caso o divertente. Se la pensassi così, staresti drasticamente sottostimando quello che gli umani riescono a fare per divertimento. Perchè tutti quegli aggettivi si applicano al sofware libero. Ai geeks piace scherzare su quale sia la prossima cosa il software libero debba fare per raggiungere il dominio del mondo. Microsoft non pensa che questa battuta sia molto divertente. Microsoft è una delle più grandi corporation del mondo. Microsoft spende miliardi di dollari per pagare dei programmatori per mantenere il loro software chiuso e le specifiche interne segrete. Il software libero è principalmente scritto da volontari. Il software libero fa girare Internet, Microsoft no. Il numero e la diversità delle persone che utilizzano software libero è in accellerazione! Miicrosoft di solito risponde a queste minacce comprando le persone e assimilandole. Il software libero non può essere comprato. Il software libero non è frugale con il suo codice genetico. Il software libero si diffonde come un microbo benevolo dopo un salto evolutivo. Microsoft ritiene che le persone siano stupide e usa dei gruppi di focus per determinare esattamente in che senso sono stupide. Poi paga a un numero ristretto di persone molti soldi per tradurre ingegneristicamente quella stupidità in software. A volte ciò funziona bene, perchè chiunque è stupid*, a volte. Ma ciò non va bene per chiunque sia intelligente. Il software libero ritiene che le persone siano intelligenti e creative, e in grado di scegliere da sè se nuotare a riva o in profondità, fino al fondo della risorse tecnologiche. Anche il programmatore più geek può volere i piedi piantati fermi a volte, e il principiante più novello può fare la nuotata più grande tuffandosi nelle profondità. I programmatori di sofwtare libero riescono ancora a mangiare, nonostante diano via liberamente il loro codice. Il software è informazione. Anche le notizie sono informazione. Anche le opinioni lo sono. Forse l'informazione vuole essere libera. Sotto il sistema dominante, il sistema multinazionale globale delle notizie, le notizie non sono libere, le notizie non sono aperte. Sono molto care. sono molto esclusive e segrete: per vedere le notizie devi pagare, o con dei soldi o con il tuo tempo, spesso a guardare pubblicità (di solito di automobili) o entrambi. Per creare le notizie devi pagare salati consulenti di pubbliche relazioni. Per scrivere le notizie devi obbedire ai valori delle corporation delle notizie, fare storie in una catena di produzione finalizzata a ottenere il massimo impatto pubblicitario al minimo costo. Per modificare le notizie devi essere un servizio informativo del mercato borsistico globale o di un' impresa mediatica multinazionale. Per distribuire le notizie devi avere una delle sei torri di trasmissione tv in una città di milioni di persone. Le corporation dei media ritengono i loro spettatori degli stupidi. Ai loro occhi il potenziale creativo totale del pubblico è rappresentato dal festival dell'home video più divertente. Le persone creative non comprano piu' roba, se la fanno da sè. Questo è un problema per le multinazionali mediatiche. Loro non si fidano del fatto che gli spettatori possono essere creativi. Potrebbe nuocere ai profitti, e ai salari dei dirigenti. Ma va bene così. neanche il pubblico si fida dei media corporate. La situazione ha portato a una crescente confusione e alienazione della società. Siamo disconnessi da noi stessi e dalla nostra ecologia. Il nostro pianeta funziona ora più che mai in passato come un ecosistema globale , per la natura globale dell'attività umana, e tuttavia gli umani non hanno alcun modo di comunicare gli uni con gli altri. I problemi del sistema passano oltre, senza poter essere visti o risolti da miliardi di persone, solo le questioni che sono importanti per vendere spazi pubblicitari o ingrassare il mercato azionario hanno un impatto rilevante come notizie globali. Quello che abbiamo è un sistema molto complesso all'interno del quale gli umani hanno guadagnato un potere enorme. Ma al momento essi non dispongono di un altrettanto potente rete di infrastrutture delle comunicazioni per supportarlo. Non disponiamo di una rete neurale per processare l'informazione. Non è tanto un villaggio globale quanto un megafono globale. Poi Internet è stata aggiunta alla serie degli strumenti di comunicazione globale. Se puoi leggere internet, ci puoi anche scrivere. Se qualcun'altr* ha scelto di raccontare una storia su internet, puoi scegliere di ascoltarla. L'informazione scorre tra la rete e gli altri sistemi di comunicazione: il telefono, la tv, la radio e i giornali, formando una più bilanciata rete di trasferimento dell'informazione. Questo è un villaggio globale dove puoi arrampicarti fuori da un ingorgo nel traffico e finire addosso a qualcuno sulla strada elettronica e avere una conversazione [chat]. Internet rende possibile la pubblicazione aperta su scala cittadina e globale. I cittadini finalmente hanno accesso alla stessa economica e potente comunicazione a due vie alla quale i governi imperialisti e le multinazionali hanno avuto accesso per secoli.

Cos'è la pubblicazione aperta?

Pubblicazione aperta significa che il processo di creazione delle notizie è trasparente nei confronti del lettore. Il lettore può contribuire con una storia e vederla apparire istantaneamente tra la serie di storie pubblicamente disponibili. Quelle storie sono filtrate il meno possibile per aiutare il lettore a trovare le storie che vuole. Il lettore può vedere le decisioni editoriali che altr* prendono. Può vedere come partecipare ed aiutare altr* a prendere quelle decisioni. Se pensa di conoscere un modo migliore di usare il software di pubblicazione, può copiare il software, poichè esso è libero, cambiarlo e iniziare il suo proprio sito. Se vuole redistribuire le notizie, può farlo, preferibilmente su un sito a pubblicazione aperta. La pubblicazione aperta ritiene che il lettore è intelligente e creativo e può voler essere uno scrittore o un editore o un distributore. La pubblicazione aperta crede che il il lettore sappia distinguere una buona storia da una stronzata. Che sia in grado di trovare cosa sta cercando, e che possa voler aiutare altri a seguire lo stesso esercizio di ricerca. Noi abbiamo fiducia nel pubblico e il pubblico ha fiducia in noi in cambio. La pubblicazione aperta sta giocando all'estremo opposto dello spettro di fiducia rispetto ai media corporate. non stiamo lavorando per convincere le persone che questo è un buon modo di fare le cose. stiamo offrendo uno spazio dove le persone possono decidere da loro stesse se questo è un buon modo di fare le cose. il viaggio è la destinazione. la pubblicazione aperta non è una novità. è la reinvenzione elettronica dell'antica arte del raccontare storie. la pubblicazione aperta è il software libero. è la libertà dell'informazione, e libertà per la creatività. la pubblicazione aperta è portata avanti principalmente da volontari. chi farà giornalismo investigativo? come faranno le persone a offrire una prospettiva da oltre oceano? cosa saprà darci un senso d'insieme, di connessione e di identità comune? ci sarà qualcuno che sarà pagato per il suo lavoro? cosa succederà alle immagini animate? ai musicisti? dove saranno gli sforzi sostenuti da centinaia di persone? spero che alle domande qui sopra circa la pubblicazione aperta abbia già risposto il software libero. e parzialmente indymedia, e migliaia di altri siti web a pubblicazione aperta. la pubblicazione aperta sta semplicemente prendendo una tendenza esistente e la sta identificando, amplificando, e applicando ai punti deboli dei monopoli globali del potere e dell'informazione. le piramidi sono di grande ispirazione. esse sono anche state costruite con il lavoro degli schiavi. ci siamo evoluti come specie. possiamo fare un sacco di cose splendide senza bisogno delle brutali tecniche egizie di uso degli schiavi. possiamo fare a meno di nuove piramidi. siamo nel mezzo di un' estinzione di massa delle specie viventi. dobbiamo riuscire a trovare un modo per vivere in armonia con l'ecosistema di questo pianeta prima che l'ecosistema vada in retroazione negativa e uccida le forme di vita a miliardi. non riusciremo a trovarlo sacrificando le nostre vite all'automobile, commerciando i nostri diritti umani con scarpe, uccidendo la nostra gente con le compagnie della droga, nascondendo la nostra creatività a causa delle multinazionali. possiamo fare di meglio. dimentichiamoci le piramidi. bypassiamo la dominazione del mondo. il software libero sta collegando attraverso cavi il pianeta. la pubblicazione aperta può semplicemente aiutarci a usare quei cavi per salvare il pianeta.

Esempi di pubblicazione aperta (open publishing)

Questi siti sono esempi di pubblicazione aperta:

http://www.active.org.au
http://www.indymedia.org
http://www.kuro5hin.org


Nessuno di essi osserva tutti i criteri di cui sopra sulla pubblicazione aperta. ma ci sono molto vicini. E ci potrebbero essere delle scosse là fuori. I suggerimenti sono benvenuti.

Notate che Slashdot.org , pur avendo molte sezioni a pubblicazione aperta e pur essendo stato un'ispirazione importante per la pubblicazione aperta, non penso che sia davvero a pubblicazione aperta. Significativamente, le storie (intese come opposto dei commenti) sono prese dai contributi dei lettori, ma vengono processate dietro porte chiuse.

Ovviamente penso che abbiamo molto da imparare dal movimento del software libero. un'idea che non abbiamo ancora sviluppato molto è quella di una licenza copyleft per la pubblicazione aperta, simile a quella del software libero. la licenza copyleft definisce come l'informazione può essere condivisa, dirottando le leggi sul copyright (diritto d'autore) per assicurare che l'informazione libera(ta) possa essere riutilizzata in contesti liberi. questo incoraggia la crescita di spazi liberi, zone autonome, perchè il processo di condivisione dell'informazione è diffuso con l'informazione stessa. questa potrebbe essere una parte centrale di ciò che ci serve a definire la pubblicazione aperta per noi stessi e per i nostri potenziali colaboratori. non deve essere legalmente ineccepibile per essere utile. a questo possiamo arrivare successivamente. la cosa più utile sarebbe iniziare a giocarci, con la definizione. questo è in parte ciò che stiamo facendo con il nostro lavoro di definizione del network di indymedia. ma credo che abbiamo anche bisogno di definire come scambiarci pezzetti di informazione più piccoli che quelli compresi nel definire l'appartenenza totale al network. e l'unità base di informazione qui è la storia e la licenza copyleft che l'accompagna. l'idea più interessante secondo me fino ad ora in quest'area relativa alle notizie è quella che una storia possa essere riusata ovunque, ma solo se tutti i lettori/spettatori esposti a essa possono facilmente identificare e raggiungere la fonte della notizia. per esempio attraverso un sottotitolo nella foto con l'indirizzo del sito indymedia dal quale la storia proviene. questo significa non solo che il lettore può verificare la versione originale della storia, am anche aggiungere il suo succo creativo al flusso. questo aiuterebbe ad assicurare che ovunque la storia vada, c'è un solido legame con le parti funzionanti, con il processo grezzo che l'ha resa possibile e che permette a nuove persone di contribuire a modificarla ed evolvere. questo certo significa rinunciare al diritto di chiedere di essere pagati per ogni copia fatta. il software libero sacrifica la stessa cosa e succede che funzioni davvero. dobbiamo provare a fare lo stesso con le notizie e i documentari, e vedere se funziona ugualmente bene. un punto chiave è che puoi comunque continuare a far pagare per le copie dell'informazione copyleft. semplicemente, non puoi evitare che qualcun'altr* dia via le copie che ha comprato, compreso l'accesso ai materiali originali. e i materiali originali devono essere disponibili a non più del costo di distribuzione. e succede che la gente continua comunque a comprare software libero. davvero un sacco in effetti. e che in aggiunta la reputazione del software libero si diffonde molto velocemnete se è buono. il che beneficia il progetto del software garantendo più feedback, più volontari che aiutano a migliorarlo, e in alcuni casi più soldi. l'analogia per un documnetario video sarebbe piazzarlo sotto licenza copyleft così che chinque possa copiarlo fintanto che sulla copia è in bella evidenza che essa è copyleft e che lo spettatore ha a disposizione un link alla fonte (es. l'indirizzo web indymedia della città da cui proviene). ma i videomaker potrebbero continuare a far pagare per le copie che fanno. potrebbero far pagare prezzi particolarmente alti ai network delle multinazionali tv che vogliono copie urgentemente, ad esempio. i network tv pagherebbero per avere il filmato velocemente, senza dover cercare qualcun'altro che l'aveva e disposto a copiarlo alla svelta. e per quanto male lo possano montare, per via della licenza copyleft dovrebbero per ragioni legali cedere parte dell'attenzione dei loro spettatori all'indirizzo web della fonte. quella attenzione dello spettatore è una risorsa di estremo valore per i network tv, perchè è estremamente potente. potrebbe essere potente anche per noi. se loro omettono di fornire l'indirizzo web, possono essere citati per il valore corrispettivo di quell'attenzione dello spettatore. è una cosa abbastanza delicata. ci sono modi di giocare con il sistema. non sono sicuro che questo possa funzionare, ma potrebbe essere divertente e penso valga la pena di fare un tentativo.

Ideali e realtà.

Molte delle cose che dico qui sopra sono ideali. non si sovrappongono esattamente alla realtà. ma sono utili come modo di pensare ad approcci differenti. per esempio il software libero e la pubblicazione aperta non sono di fatto gratuiti, ma il prezzo è ridotto al puro costo di distribuzione. questo è cneto volte minore del precedente prezzo di vendita, che tendeva a includere il costo di auto di lusso, case e jet per i dirigenti delle multinazionali. c'è una differenza reale. un altro punto importante con il software libero è che saper programmare è un'abilità ad altissima domanda, la qual cosa da' ai programmatori un insolito potere come gruppo di persone a questo punto della storia. storicamente credo che questo abbia portato a un grosso cambiamento sociale. [a flaw in this rant] una falla in questo sviluppo potrebbe essere che la richiesta di programmatori può diminuire bruscamente e che narratori e giornalisti sono già in sovrannumero per il pensiero economico. tuttavia, una volta che abbiamo rovesciato numerosi modelli di sovraconsumo, possiamo creare un circolo virtuoso che ci dia più tempo libero, una migliore qualità della vita sia per noi che per le persone che vivono in paesi più poveri (finanziariamente) dei nostri (io vivo in un paese ricco, questo è scritto per lettori di un paese ricco). per esempio, rinunciare all'automobile significa creare un grande ammontare di tempo libero, perchè non hai più bisogno di passare tutto quel tempo a guadagnare soldi per poter restare intrappolati nel traffico. ancora, questo è semplicistico, ci sono questioni di progettazione urbana da considerare, ma credo che molto di questo sia culturale e lo scambio di informazioni fa parte del cambiare la nostra cultura affinchè sia più attenta ai nostri stessi bisogni e a quelli del pianeta. in altre parole, con un po' di fortuna e un sacco di duro lavoro e divertimento, le cose possono semplicemente iniziare a sistemarsi in tempo per crescere ed evolvere come specie e come ecosistema globale. ... sembra che molte parti della società vengano privatizzate. salute, acqua, comunicazioni, media delle comunità. essere di proprietà del governo o di una organizzazione no-profit non è una garanzia. alle volte ci sono dei benefici dalla privatizzazione. ma non sono convinto che sia l'unica via per ottenere quei benefici, e i costi sono molto alti. particolarmente nei paesi più poveri, dove i prezzi per i beni di prima necessità (come l'acqua in bolivia) possono improvvisamente diventare largamente inaccessibili.

Il software libero non può essere privatizzato.

Specialmente il software libero copyleft. le [corporations] grandi aziende possono usarlo, migliorarlo, ma non possono ottenerne l'esclusiva, nè possono evitare che altri lo usino o lo cambino. Può la pubblicazione aperta essere privatizzata? penso che una buona definizione sia la migliore protezione contro la privatizzazione. ma i larghi effetti della sottile differenza nella definizione delle licenze copyleft e bsd dimostrano quanto sia importante la definizione stessa. giochiamo con un po' di esse e vediamo quale funziona meglio.

Note

Molte di queste idee sono senza vergogna rubate da altri posti. dovrei davvero citare e ringraziare tutti questi luoghi e persone. o, se vi piace l'idea, considerate che io le abbia davvero rubate, e fate una ricerca sul web e trovatele (in verità potreste dover aspettare qualche anno prima di avere dei motori di ricerca che possano realmente trovare idee e non parole o frasi).

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono N_UMVISIBLE commenti visibili (su 37) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
indymedia va benissimo cosi' come' ,non cambiatela bruno Wednesday, Nov. 15, 2006 at 12:19 PM
Parmalat, la mappa dei debiti nei confronti delle banche Marco Liguori Saturday, Jul. 24, 2004 at 9:33 AM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9