Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
What at Doha ? Gli accordi per l'agricoltura
by imc-italy Wednesday, Nov. 21, 2001 at 7:25 PM mail: italy@indymedia.org

.

Gli accordi relativi all'agricoltura raggiunti al termine di una lunga notte (vedi sotto) a Doha, a conclusione del meeting del Wto, sono il frutto di un mediazione talmente raffinata che non è facile stabilire, come invece è avvento altre volte, se ci siano vincitori o vinti. Indubbiamente ha avuto una certa influenza il clima di guerra, ma anche le posizioni di chi, già nei mesi scorsi e dall'interno del Wto, aveva sollevato perplessità su alcuni meccanismi che controllano il mercato delle merci nell'economia globalista. Non va dimenticato infatti che produzione e commercializzazione dei beni alimentari sono stati al centro delle più aspre contese relative agli accordi internazionali sul commercio, contesa che vede da una parte i Paesi europei con la loro agricoltura sovvenzionata, gli Usa, che hanno un mercato interno insufficiente e hanno bisogno di nuovi mercati in cui espandersi, e i Paesi in via di sviluppo, che oltre a rappresentare una larga parte degli stati membri del meeting del Wto, puntano anche sull'agricoltura per la loro crescita futura. Le derrate alimentari tra l'altro sono state tra le principali cause del fallimento dell'Uruguay Round, la cui conclusione, con la definizione dei Gatt (General agreement on Tariff and Trade, ovvero accordo su tariffe e commercio) è stata rimandata per un decennio. Le perplessità che hanno accolto l'incontro di Doha però non riguardavano solo le opposizioni. "C'è grande discussione, ovunque nel mondo, in merito agli accordi agricoli", ha dichiarato il direttore generale del Wto Mike Moore in una riunione preliminare tenutasi nel luglio scorso, riferendosi al fatto che anche all'interno della struttura si pecepisce una certa incapacità di risolvere i problemi in modo soddisfacente per tutti. Il predecessore di Moore, Peter Sutherland, aveva persino posto l'attenzione sul fatto che nel meeting di Doha poteva essere messa in crisi la credibilità stessa del Wto. Le decisioni prese durante il meeting avranno però grande importanza. E ancora di più saranno determinanti i dettagli che verranno messi a punto in seguito, visto che a Doha sono state più che altro delineate delle linee guida: restano da chiarire ancora per esempio la questione delle sovvenzioni all'agricoltura europea e il meccanismo del riconoscimento dei marchi di qualità. Oggi, nella maggior parte dei Paesi nord europei e negli Stati Uniti, è facile trovarsi a a fare colazione con succo di arancia della Florida, acqua minerale francese, formaggio olandese, tè indiano, biscotti italiani e banane centroamericane. E' il risultato più tangibile della globalizzazione. L'abbattimento di una tassa doganale, o viceversa la riduzione degli aiuti dati agli agricoltori in alcuni Paesi, potrebbero dunque portare a profondi cambiamenti. Ma c'è dell'altro: nel mercato senza frontiere i consumatori diventano ancora più importanti, perché un cambiamento delle loro scelte ha un impatto ancora più grande. Un prezzo troppo elevato, o una diffusa perplessità sulla qualità di un alimento (come sta avvenendo per i cibi ogm), potrebbero dunque constringere le multinazionali che operano in più Paesi, a rivedere le loro strategie. In sostanza comunque, viene sottolineata ancora una volta la necessità di prevenire restrizioni e disorsioni dei mercati agricoli, soprattutto per quanto riguarda i sussidi dati per sostenere le importazioni, e per le produzioni interne. In realtà l'Accordo agricolo avrebbe bisogno di radicali revisioni, e in particolare, proprio perché vengono messe in gioco localizzazione dei mercati, rispetto di alcune fasce lavorative non elastiche come gli agricoltori, il rispetto di tradizioni alimentari locali, meriterebbe di non essere più materia di discussione nell'ambito del Wto.

Bozza presentata al Wto "Riconosciamo il lavoro intrapreso durante i negoziati iniziati nei primi mesi del 2000 nell'ambito dell'articolo 20 dell'Accordo sull'agricoltura, incluse le numerose proposte di negoziato vagliate da un totale di 121 membri. Sottolineiamo l'obiettivo di lungo termine preso come riferimento nell'Accordo per stabilire un sistema di commercio giusto e orientato al libero mercato, attraverso un programma di riforme fondamentali che comprenda regole più forti e specifici impegni di supporto e protezione, che corregga e prevenga restrizioni e distorsioni nei mercati mondiali agricoli. Confermiamo nuovamente il nostro impegno in questo programma. Portando avanti questo lavoro e senza avere pregiudizi sull'esito dei negoziati, ci impegniamo a intraprendere trattative ad ampio raggio, col proposito di ottenere: sostanziali miglioramenti nell'accesso ai mercati, riduzione di ogni forma di sussidio alle esportazioni, riduzioni sostanziali negli aiuti interni al mercato. Speciali e diversi trattamenti per i Paesi in via di sviluppo,saranno parte integrante di tutti gli elementi di accordo.Saranno accorpati nei programmi di concessione e impegno, affinché diventino operativi e possano aiutare i Paesi in via di sviluppo ad affrontare le loro necessità, inclusa la sicurezza alimentare e lo sviluppo rurale. Prendiamo nota dei criteri non commerciali presentati nelle proposte di negoziazione dai Paesi membri e confermiamo che questi saranno presi in considerazione come previsto dall'accordo sull'Agricoltura". http://www.ictsd.org/ministerial/doha/agriculturedraft.pdf


Documento finale:

"L'accordo in agricoltura 2.1 Raccomanda agli Stati membri di applicarsi per la riduzione di misure anticoncorrenza segnalate dai paesi in via di sviluppo per promuovere lo sviluppo rurale e la sicurezza alimentare. to exercise restraint in challenging measures notified under the green box by developing countries to promote rural development and adequately address food security concerns.


2.2 Tiene in considerazione il rapporto del Comitato sull'Agricoltura (G/AG/11) che riguarda l'allargamento delle Decisioni delle misure riguardanti i possibili effetti del programma di riforma sui Paesi meno sviluppati e sulle importazioni nette di cibo, e approva le raccomandazioni qui contenute riguardanti (i) aiuti di cibo, (ii) assistenza tecnica e finanziaria nel contesto dei programmi di aiuto per incrementare la produttività agricola e le infrastrutture, (iii) fianziare livelli normali di importazioni commerciali di alimenti base e (iv) controllare le conseguenze di ciò.

2.3 Tiene in considerazione il rapporto del Comitato sull'agricoltura (G/AG/11) riuardante le modificazioni degli articoli 10.2 dell'Accordo e approva le raccomandazioni in esso contenute.

2.4 Tiene in considerazione il rapporto del Comitato sull'agricoltura (G/AG/11)
riguardante l'amministrazione delle quote relative alle tariffe doganali e la sottomissione alla notifica degli Stati membri, e raforza la decisione del Comitato di rivedere l'intera materia.

da http://www.wto.org

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9