Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

CD GE2001 - un'idea di Supporto Legale per raccogliere fondi sufficienti a finanziare la Segreteria Legale del Genoa Legal Forum


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
What at Doha ?
by imc-italy Monday, Nov. 26, 2001 at 3:11 PM mail: italy@indymedia.org

Si chiude in queste ore la Quarta conferenza ministeriale del WTO, a Doha in Quatar


Si è chiusa, dopo una giornata di proroga, la Quarta conferenza ministeriale del WTO, a Doha in Quatar. Dopo aver rischiato un fallimento simile a quello registrato a Seattle due anni fa, i 142 Stati Membri hanno raggiunto un accordo in extremis per un nuovo round negoziale da tenersi entro la fine del 2004. Il nuovo round dovrà accelerare i meccanismi di liberalizzazione commerciale, includendo un nuovo accordo sugli investimenti e sui servizi. La discussione dell'Accordo Generale sul Commercio nei Servizi (GATS), è infatti rimasta fuori dal tavolo di Doha, nonostante le inquietanti rivelazioni sulla cosiddetta Agenda Nascosta del WTO, ne indichino l'alta priorità per le grandi imprese e per il capitale finanziario.
Sebbene a Doha le proteste dei movimenti anti-globalizzazione siano state tenute a debita distanza, la pressione negoziale dei Paesi in via di sviluppo (Pvs) ha messo in difficoltà, su tavoli diversi, Stati Uniti ed Unione Europea. Un fronte composito di Pvs (Nord-Africa, Bolivia, Ecuador, Cuba, India, Filippine, Perù, Thailandia, Venezuela, Pakistan) ha ottenuto l'approvazione della propria bozza di Accordo sugli aspetti relativi al commercio della proprietà intellettuale (TRIPS). L'accordo consente a paesi flagellati da epidemie come Aids, tubercolosi e malaria di rilasciare patenti per la produzione di farmaci generici che hanno lo stesso effetto di quelli brevettati, ma costano molto meno.
Il precedente del Sud-Africa si fa dunque normativa commerciale, con la complicità, per così dire, dell'emergenza antrace, che ha costretto recentemente gli Stati Uniti a sollevare lo stesso tipo di eccezione nei confronti della Bayer, che detiene l'esclusiva di brevetto sul farmaco salva-vita.
L'approvazione del TRIPS rappresenta una vittoria inedita per i Paesi in via di sviluppo di fronte al tradizionale strapotere delle multinazionali: ricordiamo che la richiesta di una moratoria generalizzata sui brevetti dei farmaci anti-Aids era uno dei tre punti-chiave avanzati dal Genoa Social Forum al G8 dello scorso luglio. Tuttavia, se l'agenda neoliberista segna un'empasse sul fronte della salute pubblica, il quadro appare tutt'altro che definito. La battaglia più grande è stata combattuta sul fronte dell'agricoltura, con la Comunità Europea isolata dagli Stati Uniti e dal gruppo dei 18 Paesi maggiori esportatori (Cairns), ma decisa a difendere i sussidi all'agricoltura. L'accordo finale (AOA), raggiunto dopo che la Francia aveva minacciato di far saltare il tavolo negoziale, fa riferimento alla graduale eliminazione dei sussidi all'export, ma la formula viene attenuata perché non abbia ripercussioni immediate sull'export europeo. Si prende atto, inoltre, degli aspetti non commerciali dell'agricoltura (la cosiddetta multifunzionalità, ai fini della protezione del territorio e del contesto sociale).
La musica non cambia per quel che riguarda il settore tessile: Stati Uniti ed Unione Europea hanno dovuto fare fronte alle richieste dei Pvs, che chiedevano l'accelerazione del processo di smantellamento delle quote di export verso i paesi industrializzati (prevista per il 2005). Questa parte è stata stralciata: l'accelerazione ci sarà, ma non avrà effetti immediati. All'accordo sul settore tessile si collega anche un altro nodo cruciale: la questione degli standard lavorativi. L'UE e gli USA premevano perché il rispetto degli standard lavorativi internazionali (garanzia di salari minimi, divieto di sfruttamento del lavoro minorile ed altre clausole sociali) fosse agganciato direttamente al commercio internazionale. Nel riaffermare la dichiarazione di Singapore, gli Stati Membri riconoscono i diritti dei lavoratori, ma di fatto escludono che un paese possa imporre limiti alle importazioni di una determinata merce, perche' prodotta senza rispettare questi standard. Passa dunque la linea del Pakistan -- che fa pesare il suo ruolo cruciale nello scacchiere della guerra -- dei Paesi in via di sviluppo ma anche della Cina, ancora prima che essa abbia garantito il diritto di voto (Cina e Taiwan diventeranno membri effettivi del WTO solo a partire dal prossimo round).
La ratificazione della deregulation del mercato del lavoro stride, invece, con la questione ambientale, dove passa la linea europea contro gli Usa (tra i maggiori produttori di Ogm) e i Pvs. La dichiarazione ministeriale apre al "principio di precauzione" (la possibilità di limitare l'importazione di prodotti la cui non nocività non è provata) e riafferma l'obiettivo di uno sviluppo sostenibile. Di più, stabilisce l'apertura di negoziati che colleghino le regole del Wto e gli accordi multilaterali sull'ambiente (Meas). Il problema della tracciabilità dei prodotti - la cosiddetta etichettatura - e' stato invece affidato a un comitato di prossima istituzione.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9