Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
PUBBLICA PRECARIETÀ 04/08/2006
ALT

Se chi valuta è precario

Sono entrati in agitazione permanente i precari e le precarie dell'Istituto Nazionale di Valutazione del Sistema Educativo dell'Istruzione e della Formazione (INVALSI): è l'ente di ricerca pubblico che, dalla sua sede di Frascati, valuta le politiche scolastiche italiane. Nell'ente lavorano attualmente un centinaio di persone, di cui 72, ricercatori e sistemisti informatici, sono precarie.
Dopo il taglio del 40% imposto dall'ultima finanziaria sulle collaborazioni negli enti di ricerca, 51 precari perderanno il loro posto di lavoro a luglio. Si tratta di collaboratori che da anni (5 in media) garantiscono il funzionamento dell'Istituto: alcuni di loro, "collaborano" con l'INVALSI da nove anni nove. Tutta colpa del governo, si direbbe. Invece no, perché in realtà l'INVALSI dispone di fondi straordinari, immuni dai tagli della finanziaria, con cui pagare gli stipendi dei precari; il presidente Giacomo Elias, però, preferisce spenderli in consulenze d'oro appaltate alle società amiche. Anch'egli, in linea con il governo, persegue dunque l'affossamento dell'INVALSI nonostante la sua tenera età (è stato istituito solo nel 1999).
Non si tratta di schizofrenia istituzionale: governi di ogni colore hanno progressivamente privatizzato e impoverito l'istruzione, la formazione e l'università negli ultimi anni. L'INVALSI dovrebbe vigilare su questo processo per segnalarne le disfunzioni, e rischia di diventare un ente scomodo da ridurre a burattino ministeriale. Già oggi, la dirigenza viene nominata dal Ministro dell'Istruzione (sulle cui politiche l'Istituto dovrebbe invece vigilare). E non è un caso che genitori e insegnanti opposti alla riforma Moratti della scuola abbiano denunciato il ruolo di "fiancheggiamento" del Ministro cotonato svolto dall'Invalsi.
D'altronde, il governo Berlusconi ha progressivamente soppresso le attività di sviluppo di metodologie innovative sulla base dei dati raccolti e di orientamento delle politiche formative, potenziando invece la funzione di pura valutazione portandola al livello di "censimento". In questo quadro, dunque, la precarietà dei collaboratori dell'Istituto, che li rende più ricattabili e li priva di ogni autonomia, è solo l'ultima pennellata.

Contribuisci
inserisci direttamente link e altri materiali pertinenti
FRANCIA IN RIVOLTA 18/03/2006
ALT

Libertà di licenziare? No grazie!

Nella mattina dell'11 marzo le forze di polizia francesi hanno sgomberato l'università Sorbona di Parigi dove era in atto un'occupazione da parte di vari studenti iniziata il 9 marzo. Nei giorni precedenti ci sono stati altri tentativi di sgombero nei quali sono stati feriti 31 studenti.
Il motivo dell'occupazione sta nella protesta contro la recente emanazione da parte del governo francese di un nuovo contratto di lavoro tendente a precarizzare sempre di piu i giovani lavoratori. A seguito di ciò, si era verificata anche una manifestazione nazionale il 7 marzo, e l'occupazione di vari atenei francesi.La protesta prosegue nei giorni successivi, con altri scontri tra manifestanti e forze dell'ordine davanti alla Sorbona. A tentare di fermare il mondo del sapere in rivolta non si impegnano solo i gendarmi francesi, ma anche bande di fascisti della capitale francese che tentano di assaltare i cortei, i presidi e le occupazioni degli Universitari. Alla lotta degli studenti universitari si affianca quella dei sindacati, che si uniscono alla protesta contro il decreto dando man forte agli universitari.
Il 16 marzo si è tenuta una manifestazione nazionale a Parigi sempre contro il nuovo contratto di lavoro, in cui si sono verificati altri scontri in vari sobborghi della città e davanti alle università. Altre proteste si sono svolte in varie città francesi, dove non sono mancati gli scontri tra le due parti.
Il 18 marzo un milione e mezzo di studenti e precari hanno manifestato ancora nelle piazze in tutta la Francia, dando un ultimatum di 48 ore al governo per il ritiro del progetto.

Dal Newswire: Comunicato 11/3 | Volantino | Riflessioni [1, 2, 3, 4] | Foto [1, 2, 3] | Video

Link: Indymedia Paris | Stop CPE | Unef

AGGIORNA QUESTA FEATURE
commenta e contribuisci alla ftr!
MOBILITARE TUTTO 16/11/2005

Occupare tutto, saperi in rivolta

Dopo l'imponente corteo autoorganizzato del 25 ottobre scorso, con la partecipazione di 150 mila studenti, dopo l'assedio alla sede del Parlamento, negato dalla questura di Roma come luogo per manifestare, dopo le cariche a freddo [1|2] che hanno colpito 8 fra giornalisti e studenti, la camera ha approvato il DDL Moratti in fretta e furia il giorno stesso.
Che è diventato legge con la solerte firma del Presidente della Repubblica, il 7 novembre scorso.

Gli studenti, hanno deciso assieme di rilanciare questo percorso, cogliendo come Il 17 novembre in occasione la giornata mondiale per il diritto allo studio indetta dal Forum Sociale di Porto Alegre, si terranno cortei in moltissime città d'Italia, affermando la connessione fra le mobilitazioni degli studenti medi e degli studenti universitari.


PARTECIPA+CONTRIBUISCI
= inserisci direttamente link e altri materiali pertinenti

continua in categoria studenti
DDL MORATTI 25/10/2005

Ricercasi Precari

Il governo ha deciso di portare avanti a colpi di fiducia il famigerato ddl Moratti sulla docenza. Un decreto scritto male, che sancisce la precarizzazione finale dei ricercatori e dell'università italiana.
Dopo le proteste e le cariche davanti al senato del 28 settembre, tutte le componenti del mondo universitario hanno ribadito la loro contrarietà al ddl Moratti e decretato il blocco della didattica da lunedì 10 a venerdì 15 ottobre. Alcuni di questi blocchi della didattica sono stati decisi direttamente dai senati accademici, molti altri dai soggetti più colpiti dal DDL stesso: studenti e ricercatori precari, che si stanno attivando in tutta Italia con manifestazioni, cortei e occupazioni.

Il virus si diffonde. Sono già previsti nuovi appuntamenti per i prossimi giorni, tra cui un corteo giovedì 13. Si mobilitano le università di tutta Italia, in vario modo.

A preoccupare non è solo il governo, impegnato a portare a casa una riforma purché sia una. Anche dall'opposizione escono, quando escono, proposte sconcertanti, mentre timida e ambigua è, al solito, la posizione dei rettori.

Intanto anche gli studenti medi manifestano in varie città d'Italia. Anche loro contro la Moratti.

21/10: Roma, corteo studenti medi
25/10: Roma, manifestazione nazionale - AGGIORNAMENTI: dal newswire - 1 | 2 | 3 | 4 - radio

Consulta la mappa delle mobilitazioni.

CONTRIBUISCI
= inserisci direttamente link e altri materiali pertinenti

PER I CONSUMATORI DI DOMANI 24/03/2005
ALT

Copyright, le lobby in cattedra

Nella scuola che cambia sotto i colpi della Moratti, arriva una materia nuova: "Esercizi anti-pirateria". Gli studenti delle scuole superiori subiranno corsi di rieducazione, affinché smettano di scaricare materiale coperto da copyright via Internet.

È un'iniziativa promossa dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e dalle lobby che difendono il copyright nell'informatica, nella musica, nel cinema: la Business Software Alliance, la Federazione contro la Pirateria Musicale, la Federazione anti-Pirateria Audiovisiva. A causa di queste lobby, scambiare programmi, canzoni o materiali video è diventato un crimine penale, nonostante sia un'operazione ormai del tutto naturale e a costi quasi nulli per chiunque disponga di una connessione Internet. Queste associazioni raccolgono le più importanti aziende dell'economia immateriale globale - le stesse che alzano a dismisura i prezzi di CD, film e programmi grazie al monopolio che assicura loro la proprietà intellettuale. E preoccupate dai milioni di adolescenti che scaricano e mettono a disposizione in rete opere in formato digitale, ora intendono educarli fin dalla scuola.

Non si tratta delle idee stravanganti di qualche "cattivo maestro": iniziative come questa sono l'esecuzione di accordi presi durante summit internazionali (dall'OMC al WSIS) dai governi occidentali e grandi imprese, BSA in testa.

Con tutti i difetti che ha la scuola italiana, è difficile credere che la materia che mancava fosse proprio il diritto d'autore. Ma d'altra parte, Letizia Moratti ("non è un ministro: è l'idea che una parrucchiera ha di un ministro", D. Luttazzi) è la stessa che voleva eliminare Darwin dai programmi scolastici. E la circolazione di informazioni che oggi permette la rete potrebbe essere un formidabile strumento di formazione ed educazione. La scuola italiana, invece, rinuncerà a promuovere ed utilizzare queste risorse, perché proprio le reti telematiche sono il principale nemico delle lobby del diritto d'autore. Ma una delle "3 i" della scuola del Berlusca e della sua cotonata cortigiana non era proprio Internet? Meno male che gli studenti Internet la conoscono già molto bene - e sanno farne uso improprio...

Aggiornamenti e ultime feature su Indymedia:
- Firma la petizione contro la legge Urbani!
- Giro di vite contro il P2P
- Delitti Urbani
- P2P under attack...
- Giù le mani dalle biblioteche!
- Azioni a FIMI di lucro...

Collegamenti:
- E-LASER / Laboratorio Autonomo di Scienza Epistemologia e Ricerca
- CopyDOWN / Altri diritti d'autore
- Liber Liber / Biblioteca virtuale on line
- Wikipedia / L'enciclopedia libera

GUERRA SENZA LIMITI 11/03/2004
ALT

L' istruzione militarizzata

Lo scenario della guerra si è ampliato fino a coinvolgere la sfera politica, economica, diplomatica, culturale e psicologica , fino a voler fare di ogni cittadino un soldato.
L' industria della difesa oggi ha interessi ovunque e la ricerca scientifica è sempre più legata a doppio filo con lo sviluppo dell'industria militare.
Dopo le riforme universitarie, realizzate in funzione del mercato, dello sviluppo e del trasferimento di conoscenze e tecnologie alle imprese private, l' Università diventa un centro di propaganda del militarismo , di ricerca di nuove tecnologie di guerra e controllo.
Presso la Facoltà di Scienze Politiche di Perugia è in via di approvazione un Master in "Politiche internazionali e studi diplomatici", che vedrà con certezza l'apporto di personaggi interni e esterni alla Facoltà che teorizzano e supportano l' ideologia della guerra globale permanente.
Tra questi nuovi Dott. Stranamore spicca il generale Fabio Mini generale dei bersaglieri, Capo dell'Ufficio Generale di "Euroformazione".

La guerra permanente atterra all' università.
SAPERI DI GUERRA 26/10/2004

Accademia Militare "La Sapienza"

ALT

Il 27 aprile all'università "la Sapienza" doveva svolgersi un convegno organizzato da Progetto Sapienza (organizzazione legata a Forza Italia e all'estrema destra universitaria) sulla costituzione dell'esercito europeo. Tra gli invitati figuravano Augusto Sinagra, piduista (tessera 946) e candidato per Alternativa Sociale alle europee, e il generale Carlo Jean, recente protagonista della gestione delle scorie nucleari e di altri misteri italiani in ambito militare. Le proteste rumorose ma non violente degli studenti, contro un'università che non trova aule per le lezioni ma ospita le riunioni dei generali, interruppero il convegno (ascolta il racconto di quella giornata). La polizia intervenne con la forza ma la manifestazione non cedette: furono le guardie ad abbandonare il campo, non prima di aver malmenato studenti e studentesse.

>>> continua su Imc Roma

[   Archivio completo delle feature   ]
italy-imc (top)
Radio/TV
Agenda
Vai all'Agenda »
student   nw

Pubblica
il tuo articolo


aggiornamento mobilitazione scuole
O21 6:08PM -- stud in lotta
solidarietà all'albertelli
O20 5:53PM -- coll.mamiani rm
solidarietà all'albertelli
O20 3:51PM -- collettivo autorganizzato virgilio
assemblea cittadina all'albertelli (RM)
O20 3:28PM -- zoe
aggiornamenti occupazione del plinio ed altre mobilitazioni
O20 2:21PM -- studenti in lotta rm
trx ROR su lotte studenti
O20 12:12PM -- stud in lotta
Formazione professionale: migliaia in piazza
O20 12:12PM -- Radio Ribelle
Solidarietà all'Albertelli occupato
O19 5:28PM -- progetto "Rotta Indipendente" liceo
liceo pilo albertelli
O19 12:55AM -- studente albertelli
albertelli occupato
O19 12:28AM -- occupante
 
Leggi gli altri articoli

Ultimi commenti

Articoli nascosti
 
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9