Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
CARCERE DI NUORO 08/10/2006
ALT

Diritti e legalità in un carcere moderno

In tutti questi anni, i detenuti del carcere di Badù e Carros hanno fatto di tutto per attirare l'attenzione sul tentativo di portare la legalità istituzionale all’interno dell’istituto, ma le cose non sono cambiate, anzi sono peggiorate ulteriormente fino al 14 luglio 2006, quando è iniziato uno sciopero della fame in seguito al pestaggio di un ragazzo in presenza di un ispettore e di alcuni agenti di polizia penitenziaria.
Fino ad oggi le rivendicazioni e le promesse fatte dalla direzione si sono rivelate nulle nonostante la tortura sia ritenuta un crimine contro l'umanità sancita dall'art 27 della Costituzione.


Continua in categoria carcere
Ennesima ondata repressiva in Sardegna 15/07/2006
ALT

Operazione Arcadia: arresti e perquisizioni

Una nuova ondata repressiva si abbatte sulla Sardegna. Dopo gli arresti e le perquisizioni dell'anno scorso, incentrate sul movimento anarchico, dopo gli arresti del 31 marzo scorso, stavolta è il turno dei comunisti e degli indipendentisti. Con l'esecuzione dell'operazione "Arcadia" l'11 luglio scorso, guidata dalla Direzione Distrettuale Antiterrorismo di Cagliari, nella persona del PM De Angelis, con la collaborazione della DIGOS di Nuoro coadiuvata da quelle di tutta l'isola e dall'UCIGOS di Roma, lo scorso 11 luglio sono stati arrestati 10 compagni [1] [2] ed indagate e perquisite altre 44 persone di diversa area politica: comunista, anarchica, democratica e progressista.

In pratica viene decapitata "a Manca pro s'Indipendentzia", organizzazione di cui fanno parte i dieci arrestati più quasi tutti gli altri 44 indagati e perquisiti, che dal 2004 si occupa delle tematiche inerenti alla "questione sarda", in particolare lavorando per organizzare un'opposizione di classe e anticolonialista nell'isola. In più vengono colpite altre sigle come il sindacato sardo CSS (Confederazione Sindacale Sarda) e iRS (Indipendentzia Repùbrica de Sardigna). L'accusa per tutti è associazione sovversiva finalizzata ad atti di terrorismo (art. 270 bis C.P.), per i fatti che riguardano un arco di tempo che va dal 2002 al 2006, ovvero una serie di attentati compiuti nella loro massima parte a Nuoro e a Olbia e rivendicati dai Nuclei Proletari per il Comunismo (NPC) e da Organizzazione Indipendentista Rivolutzionaria (OIR). Tra gli attentati figurano quelli del 27 settembre 2002 alla Confindustria e alla Prefettura di Nuoro, quello a Berlusconi e Blair nell'agosto del 2004 a Porto Rotondo e allo Smaila's di Porto Quatu (OT) quello della primavera 2005 contro la caserma della Brigata Sassari, nell'omonima città, oltre a tutte le lettere minatorie spedite in questi anni. È stata inoltre formulata l'accusa di apologia sovversiva (art. 272 C.P., dichiarato illegittimo dalla Corte Costituzionale nel '66 e recentemente abrogato!).

Questa operazione appare come un nuovo, prevedibile passaggio del cosiddetto "teorema Pisanu". Infatti l'ex Ministro dell'Interno durante il suo mandato espresse pedantemente il suo convincimento che in Sardegna si fosse creata una centrale del terrore composta da anarchici, indipendentisti e marxisti-leninisti, il cui unico collante consisterebbe nello spargere il caos con bombe contro presunti "obbiettivi sensibili" (come il locale di Umberto Smaila?).

Gli arrestati respingono però le accuse al mittente e si chiamano fuori dagli attentati imputatigli. Due di loro per protesta hanno iniziato uno sciopero della fame.

Subito è scattata la solidarietà da parte di tutto il movimento sardo, di alcuni partiti, dei centri sociali italiani, di organizzazioni politiche estere e di alcuni parlamentari del centrosinistra.

Iniziative Comunicati e iniziative di "a Manca pro s'Indipendentzia" Materiali Solidarietà
PERQUISIZIONI E ARRESTI 23/05/2005
ALT

Sardegna, un mare di... repressione!

E' in corso in Sardegna una operazione “contro gli anarco-insurrezionalisti”, condotta dai militari del Ros e dagli uomini della Digos di Cagliari e coordinata dal Servizio Centrale Antiterrorismo della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione.
Una cinquantina di perquisizioni sono state effettuate nell'isola e sette compagni del centro di documentazione “Fraria” sono stati arrestati. Non si conoscono reati specifici addebitati a questi ultimi: sono in manette, dunque, per una costruzione basata solo su reati associativi.
Il Fraria, secondo gli investigatori, «serviva da schermo per occultare pratiche illecite riferibili all'associazione sovversiva» con finalità di terrorismo. All'interno del circolo sarebbe esistita una «struttura eversiva incentrata, secondo gli schemi tipici dell'area anarco-insurrezionalista, sulla logica del gruppo di affinità, ovvero un nucleo operativo su base territoriale e cementato dalla progettualità dell'azione diretta contro obiettivi comuni, mediante attacchi non necessariamente correlati e concordati. Una metodica tipica dell’anarchismo». L’accusa che viene mossa ai sette arrestati di Cagliari è di aver «promosso, costituito, organizzato, diretto e finanziato o comunque partecipato ad un'associazione sovversiva, finalizzata al compimento di atti di violenza, con finalità di terrorismo o di eversione dell'ordine democratico, nonchè attività di propaganda ed apologia sovversiva».

Sabato 28 maggio a Cagliari manifestazione contro il carcere e la repressione
  • Comunicati del Fraria: [ 1 ] [ 2 ]
  • Rassegna stampa: [ 1 ] [ 2 ] [ 3 ] [ 4 ] [ 5 ] [ 6 ]
  • Solidarietà: [ 1 ] [ 2 ] [ 3 ]
  • Contributi dal NW: [ 1 ] [ 2 ] [ 3 ]
  • Blocco proiezioni della R.A.I. (Riproduzioni Audiovisive Indipendenti): Comunicato

Questo è solo l’ultimo episodio di una pesante campagna repressiva che da alcuni anni coinvolge la Sardegna:
  • Il 22 ottobre 2003, a Cagliari, il sit-in in solidarieta' a Massimo Leonardi trasformatosi in corteo, si è concluso con l'accerchiamento da parte della polizia e la successiva carica con caccia all'uomo. Numerosi manifestanti sono stati picchiati e 12 sono stati i fermi, 4 dei quali trasformatisi in arresti. Il processo si e' concluso dopo un anno, con condanne a 10, 8 e 7 mesi di reclusione e 1.500 Euro di multa.
  • Il 12 giugno 2004 sono stati arrestati a Quartu S. Elena (CA) tre compagni anarchici del circolo "Fraria" di Cagliari con l'accusa di avere piazzato un ordigno incendiario nel comitato elettorale di Mauro Pili e Giorgio La Spisa (Forza Italia).
    Nel pomeriggio sono scattate le perquisizioni nella sede del "Fraria" e, con un decreto prefettizio, ne è stata decisa la chiusura per 60 giorni (per questioni di ordine pubblico).
    Il 10 agosto, alla soglia della scadenza dei 60 giorni, ne è stata decretata la proroga per altri 60 giorni. Perquisizioni anche nelle case degli arrestati e in quelle di altr* 7 compagn*.
  • La notte fra il 12 e il 13 agosto a Sassari altri due anarchici sono stati fermati perché portavano con sé bottiglie piene di benzina e un grembiule. Processati, sono stati successivamente prosciolti.
  • Il 16 sono state perquisite le case di 2 compagni, che si aggiungono agli altri indagati per i fatti di Quartu.
  • Mercoledi' 23 marzo 2005, a Cagliari, nel corso di un presidio davanti alla clinica psichiatrica per la giornata di mobilitazione contro le istituzioni del controllo sociale indetta dall'Assemblea aperta contro Psichiatria e il controllo sociale e' stata arrestata Michela, una compagna presente, con l'accusa di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.
  • Il 7 aprile i carabinieri hanno perquisito le abitazioni di alcuni compagni di Sassari sequestrando il solito materiale "interessante" motivando con gli articoli 110 (in concorso con altri) e 435 (detenzione e fabbricazione di materiale esplodente), in relazione ai fatti "antecedenti e prossimi" al 5 aprile avvenuti a Sassari
PROCESSO PER I FATTI DEL 22 OTTOBRE 19/11/2004

L'ultima udienza

Sabato 20 novembre si è tenuta l'ultima udienza del processo a Luisa, Massimo e Matteo, imputati per i disordini del 22 ottobre 2003 a Cagliari (vedi la ftr "Processato il diritto a manifestare", in basso). Dopo l'arringa finale della difesa è arrivata subito la sentenza.

Dopo un anno di processo, dopo un anno di accuse traballanti (lanciate in aula e riportate come verità da gran parte della stampa), gli avvocati dell'accusa e la parte civile hanno chiesto e ottenuto 10 mesi di reclusione per Massimo, 8 per Matteo, 7 per Luisa, e 1.500 Euro di multa (che, con notevole senso dell'ironia, verranno devoluti in beneficenza).

Questo non è solo un processo a tre persone e compagni: è un processo contro il dissenso, il banco di prova di una nuova stagione repressiva in Sardegna. Al convegno "Una rete socio-istituzionale per contrastare l'illegalità", tenutosi a Cagliari il 30 ottobre, il vicecapo della polizia Giuseppe Procaccini dichiarava: "Gli anarchici dell'isola? Li colpiremo tutti. E duramente", attraverso un'operazione coordinata fra forze dell'ordine e magistratura per riportare la situazione sotto controlla nell'isola.

Condannati Luisa, Massimo e Matteo

Resoconto dell'ultima udienza del 20 novembre

Reazioni alla sentenza [ 1 ] - [ 2 ] - [ 3 ]

REPRESSIONE A CAGLIARI 20/01/2004
ALT

Processato il diritto a manifestare

Durante la manifestazione nazionale del 4 ottobre 2003 a Roma (contro la Conferenza intergovernativa per la ratifica della Convenzione europea) venne scoperto e allontanato un agente della Digos infiltrato nel corteo. Dodici giorni dopo venne accusato del gesto e arrestato Massimo Leonardi, un giovane anarchico viterbese di origini sarde.

Numerose manifestazioni di solidarietà sono state organizzate in tutta Italia; a Cagliari il 22 ottobre è stato fatto un sit-in che, trasformatosi in corteo, si è concluso con l'accerchiamento da parte della polizia e la successiva carica con caccia all'uomo per le viuzze del centro, sotto gli occhi sbigottiti dei passanti.

Numerosi manifestanti sono stati picchiati e 12 di loro sono stati fermati. Per tutti si è proceduto a schedatura, presa delle impronte digitali e foto segnaletiche. Nella nottata, per Matteo, Luisa e Massimo il fermo si è trasformato in arresto; intanto Fabrizio (cui poi spetterà la stessa sorte) veniva piantonato in ospedale, dove era ricoverato per le lesioni causate dal pestaggio dei poliziotti.

Oltre ad essere stati vittima dei brutali pestaggi della polizia, i manifestanti sono stati preda di un linciaggio mediatico che, nei giorni successivi, ha deformato e ingigantito i fatti del 22 ottobre.

Il 13 gennaio 2004 c'è stata la prima udienza del processo per Matteo, Luisa e Massimo, il cui arresto è stato convertito in una denuncia a piede libero (il procedimento di Fabrizio è stato invece stralciato e rinviato a data da destinarsi), mentre la seconda udienza, sempre con
i testi di accusa, si è svolta il 7 Aprile.

Resoconti udienze: [ 13 Gennaio | 7 Aprile | 23 Giugno | 15 Luglio | 30 Settembre| 16-17 novembre ]

ANCORA ARRESTI... 20/06/2004
ALT

Finita la campagna elettorale inizia la campagna arresti

Dal 24 Luglio, Carlo, Luca e Vinicio sono agli arresti domiciliari.
Il 10 Agosto è stata decretata la proroga del provvedimento di chiusura del Fraria per altri 60 giorni.
Il 17 Agosto si è tenuta una prima udienza, rinviata al 22 Settembre.

Il 12 giugno scorso sono stati arrestati a Quartu S. Elena (CA) tre compagni anarchici del circolo "Fraria" di Cagliari. Luca, Vinicio e Carlo sono stati presi in circostanze ancora da chiarire, con l'accusa di avere piazzato un ordigno incendiario nel comitato elettorale di Mauro Pili e Giorgio La Spisa (Forza Italia).

Nel pomeriggio sono scattate le perquisizioni nella sede del "Fraria" e, con un decreto prefettizio, ne è stata decisa la chiusura per 60 giorni (per questioni di ordine pubblico). Il 10 Agosto, alla soglia della scadenza dei 60 giorni (scadenza prevista alla mezzanotte dell'11 Agosto), ne è stata decretata la proroga per altri 60 giorni.

Perquisizioni anche nelle case degli arrestati e in quelle di altr* 7 compagn*, cui sono stati sequestrati agende, volantini, bandiere (?), e computer usati per scopi lavorativi. La notte fra il 12 e il 13 a Sassari altri due anarchici sono stati fermati [1 - 2] perché portavano con sé bottiglie piene di benzina e un grembiule. Sono stati rilasciati con obbligo di dimora tra le 22.00 e le 7.00.

Le perquisizioni purtroppo non si sono fermate: il 16 sono state perquisite le case di altri 2 compagni che si aggiungono agli altri indagati per i fatti di Quartu.

Dopo queste giornate di arresti e perquisizioni, è stata espressa solidarietà da diversi gruppi e compagn* [1 - 2 - 3 - 4 ], non senza suscitare qualche polemica e dibattito all'interno del movimento sardo.

Comunicato dei tre arrestati.

Sabato 19 Giugno c'è stato un presidio di solidarietà per Luca, Vinicio e Carlo.
Sabato 3 e Martedì 20 Luglio si è svolto il Buon Cammino d'Oro.

DETENUTI SCOMPARSI 19/06/2004

I detenuti che scompaiono...

Il carcere di Badu 'e Carros (Nuoro) ha un braccio di massima sicurezza e, come tale al posto delle guardie carceriarie "convenzionali" ci sono i famigerati GOM a "garantire" la sicurezza.
Quindi è ancora più difficile verificare quello che succede all’interno.

E proprio dal carcere di Badu 'e Carros è stata spedita una lettera in cui i detenuti denunciano:
"Segnaliamo che non abbiamo più notizie di un nostro compagno Roberto Nicolosi, massacrato e buttato in cella d'isolamento dalla polizia penitenziaria. Abbiamo timore che faccia la fine del detenuto Acquaviva trovato impiccato tempo addietro (vedesi procedimento penale in corso contro la polizia penitenziaria). Le torture non ci sono soltanto in Iraq ma guardiamo anche in casa nostra.
Alcuni detenuti del carcere di Nuoro.
5/06/04"

In un'altra lettera del 7 giugno inviano la copia della lettera di protesta scritta a mano che i detenuti hanno inviato alla Direzione del carcere in merito alla vicenda di Nicolosi.

Dopo la mobilitazione di alcuni compagni e alcune compagne dell'isola, ieri è stata inoltrata un’interrogazione parlamentare dal deputato verde Bulgarelli, e il quotidiano il manifesto di oggi ha pubblicato un breve articolo, con l’intenzione di tornarci la settimana prossima.

aggiornamenti

- la denuncia dei sindacati sulle condizioni nel carcere
- delibera del Consiglio Comunale di Nuoro

Sabato 26/06 alle 8:30 sit-in davanti al carcere di Badu' e Carros - Nuoro
LA MADDALENA... 25/01/2004
ALT

Contro la base nucleare USA

Dal 1972, il porto della base NATO dell'isola di Santo Stefano (arcipelago di La Maddalena, Nord Sardegna) ospita permanentemente una nave appoggio-officina della marina USA, che assiste i sommergibili a propulsione e armamento nucleare dislocati nel Mediterraneo, ed ospita l'arsenale nucleare ad essi destinato.

Nato da una serie di accordi segreti firmati dal governo italiano, il "punto di approdo" nucleare degli USA (come fu ufficialmente definito) si trova oggi all'interno di uno dei maggiori parchi naturali della Sardegna. Per trent'anni la popolazione sarda ha invano cercato di opporsi alla presenza militare statunitense. Ma i sottomarini atomici hanno potuto navigare indisturbati, accompagnati da una lunga serie di eventi sospetti protrattasi fino ad oggi: aumento della radioattività della zona, contaminazioni del mare, scorie nucleari sepolte, incidenti tenuti segreti ([1], [2]), aumento dei casi di tumore e di malformazioni neonatali.

Per trent'anni la presenza statunitense è cresciuta: sono aumentati personale e armamenti, sono state scavate gallerie sotto l'isola, e ammassati numerosi edifici prefabbricati e abusivi sulla costa. Il "semplice" punto di approdo è stato silenziosamente trasformato in una vera e propria base nucleare, fuori dalla sovranità italiana, controllata direttamente dal Pentagono, e dotata di un ruolo centrale negli ultimi conflitti in Iraq. Nonostante questa espansione, il piano di emergenza per evacuare la popolazione in caso di incidente nucleare è stato sempre tenuto segretotrapelato solo poche settimana fa).

E dopo trent'anni, l'ultima beffa: senza nemmeno chiedere un parere alle popolazioni e agli enti locali, il ministro della difesa Antonio Martino ha approvato una proposta USA per l'espansione della "base" (sì, da qualche mese si tratta ufficialmente di una "base"). Pochi giorni fa il presidente della Regione Autonoma della Sardegna Italo Masala ha annunciato un accordo stato-regione che, senza neppure entrare nel merito degli accordi USA-Italia, di fatto svende la terra sarda all'esercito statunitense.
Oltre a legalizzare l'attuale situazione di abusività, il progetto avallato da stato e regione prevede una enorme colata di cemento che triplicherà la cubatura delle costruzioni; già si prevedono nuovi edifici e depositi per armamenti e scorie nucleari, nonchè l'arrivo di nuove truppe e la moltiplicazione delle navi da guerra e dei sottomarini nucleari ancorati ai moli sardi.

Negli ultimi mesi sono partite iniziative e proteste, contro la base di La Maddalena e contro tutte le servitù militari, con una speranza: un'altra Pratobello è possibile.

PRINT "Speciale BASI MILITARI (La Maddalena) del 7 Febbraio 2004

Aggiornamenti

- Contaminazione da Torio 234 (leggi il Rapporto CRIIRAD), il carburante dei sommergibili atomici di stanza a La Maddalena, di circa 400 volte superiore ai valori normali
- Interrogazione parlamentare del deputato dei Verdi Mauro Bulgarelli

La storia della base USA

Dossier: «S. Stefano, La Maddalena: una base contro l'Europa», a cura di Salvatore Sanna. Disponibile su:

  • ReporterAssociati (formato PDF);
  • PeaceLink (formato HTML);
  • Indymedia Italia.


  • Iniziative e proteste contro la base :

  • domenica 30 novembre 2003: corteo navale di protesta di fronte alla base USA;
  • venerdì 19 dicembre 2003: manifestazione a Sassari;
  • lunedi 19 gennaio 2004: sit-in di protesta per l'accordo stato-regione;
  • venerdì 23 gennaio 2004: conferenza stampa del comitato spontaneo "Firma sa bomba" (attualmente composto da Comitato gallurese no scorie, comitato sardo "Gettiamo le basi", Sardigna natzione): presentazione della raccolta firme per un referendum popolare contro la base di La Maddalena;
  • martedì 27 gennaio 2004: resoconto del sit-in di protesta di fronte al Consiglio regionale;
  • sabato 7 febbraio : il deputato verde Mauro Bulgarelli a Cagliari per parlare della base di La Maddalena (Resoconti e Aggiornamenti)
  • sabato 21 febbraio : MANIFESTAZIONE CONTRO LA BASE A CAGLIARI


  • Precedenti feature su Indymedia:
    - Giochi di guerra...

    SARDINIA GOLD MINING 18/07/2003

    Sporche Gestioni Minerarie

    La Sardinia Gold Mining (SGM), multinazionale australiana, ha ricevuto dalla Regione Sarda il permesso di cercare e sfruttare l'oro in una porzione di territorio di circa 400 ettari; di quest'area fanno parte i comuni di: Furtei, Segariu, Serrenti e Guasila.
    La Regione può non solo dare la concessione per lo sfruttamento delle risorse ma può anche elargire finanziamenti direttamente alle imprese; nel caso della SGM, l'impresa ha ricevuto solo nei primi anni più di 5 milioni e mezzo di euro, d'altro canto la Regione recupererà in 10 anni solo 100mila euro; difficilmente questi profitti valgono la distruzione e l'inquinamento della nostra terra, eppure la SGM continuerà con i suoi lavori praticamente indisturbata.
    Dopo Furtei, zona mineraria già ampiamente devastata, a sentire il direttore della PromOro Giancarlo de Paulis ricche zone da sfruttare sarebbero anche quelle di Monte Ollasteddu, Iglesias, Sanluri, Narbolia e Osilo dove il comune non ha però autorizzato l'estrazione.
    Rifiuto sicuramente motivato, visti i gravissimi danni che l'attività estrattiva provoca nonostante questi siano spesso minimizzati;
    Come affermato dalla Dott.ssa Silvia Gonzales infatti i rischi sono tanti, durante e dopo l'estrazione, per via dell' utilizzo del cianuro che può facilmente avvelenare l'aria, il territorio e di conseguenza le persone.
    Per quanto tempo questo scempio dell’Isola dovrà protrarsi all'oscuro dell'opinione pubblica?

    Print sulla SGM

    Studio Impatto Ambientale per il progetto oro a Osilo

    SCORIE RADIOATTIVE 18/06/2003
    ALT

    Un mare di veleni

    Dopo l'occupazione militare, la cementificazione e i già tanti problemi presenti nella nostra isola viene ad aggiungersene un altro, quello delle scorie radiottive.
    Al generale Carlo Jean presidente della Sogin Spa è stato affidato dal governo il compito di trovare una sistemazione a 55 mila metri cubi di scorie radioattive.
    E allora quale migliore sistemazione della Sardegna zona a-sismica nella quale, c'è gia una significativa presenza di aree di servitù militari, e un nutrito presidio militare del territorio.
    La gestione delle scorie nucleari ha dietro di se un enorme e vergognoso giro d'affari nel quale sono coinvolti in tanti: dalle numerose imprese che si occuperanno materialmente dello stoccaggio delle scorie, ai militari che avranno sotto di se il controllo totale di una risorsa riutilizzabile per fini bellici.
    Ma siamo stanchi dello sfruttamento continuo a cui la Sardegna è sottoposta, non possiamo dimenticarci di tutte le basi presenti nell'isola e ancor meno di ciò che succede a Quirra.

    mobilitazioni passate:

    manifestazione il 20 giugno a Cagliari
    - resoconto dall'Unione Sarda

    manifestazione e concerto il 21 giugno a Carbonia

    iniziative del 4 luglio

    - Dibattito a Sassari

    Sit-in :
    - a Cagliari
    - a Firenze
    - a Bologna
    - a Roma

    E questo è solo l'inizio. 26/03/2003
    ALT

    Nasce indySardegna

    Nasce un'area informativa e di collegamento dedicata alla Sardegna ... questo perchè il piano nazionale e internazionale e' importante, ma anche le problematiche locali hanno la loro fondamentale importanza. E la Sardegna, di problemi ne ha tanti, irrisolti e/o di cui non si parla mai abbastanza (e quando se ne parla è sempre tramite i canali "ufficiali" e manipolati).

    Ci sono tante persone impegnate sui tanti fronti di lotta in Sardegna ... e siamo già diverse persone a pubblicare su indy dalla e sulla Sardegna ... questa sezione nasce con l'intento di riunire queste e altre forze.

    E la Sardegna ha anche la forza dei tanti Sardi sparsi nel mondo, perchè, quello che un tempo poteva essere sintomo di povertà economica, è oggi una ricchezza culturale ... per questo invitiamo le comunità sarde in Italia e all'estero a contribuire direttamente.

    Indymedia non è una testata a cui chiedere di pubblicare ... indymedia è un luogo telematico dove pubblicare direttamente le proprie news ... partecipiamo e sviluppiamo queste pagine insieme.

    Per incontrarsi telematicamente, discutere ed essere indymedia, è stata creata la MailingList sardegna@indymedia.it ... per iscriversi, basta andare su http://italy.indymedia.org/mailman/listinfo/sardegna (l'iscrizione è aperta e non moderata).

    Per contattare indymedia-sardegna, scrivere a sardegna@indymedia.org e, per aprire direttamente le pagine di indymedia dedicate alla Sardegna, digitare http://sardegna.indymedia.it

    Annotazioni Generali: indymedia è un network internazionale, nazionale e locale ... oltre ai riferimenti regionali sopra indicati, è possibile contattare indymedia-italia scrivendo a italy@indymedia.org ed è possibile collaborare direttamente a indymedia-italia iscrivendosi a italy-list@indymedia.org andando sulla pagina http://lists.indymedia.org/mailman/listinfo/italy-list

    Annotazioni Tecniche: quando si pubblica una news sulla Sardegna, ricordiamoci di selezionare la Categoria Geogafica --> SARDEGNA ... in questo modo, le news appariranno sia sulla pagina nazionale, sia su questa pagina.

    [   Archivio completo delle feature   ]
    italy-imc (top)
    Radio/TV
    Agenda
    Vai all'Agenda »
    sardegna   nw

    Pubblica
    il tuo articolo


    IL GIALLO DI GIUSEPPE CASU
    O21 3:42PM -- Indigeno
    No andeis in is Stadus Unius
    O20 8:28PM -- Paxi e justu
    INDIRIZZI
    O20 8:24PM -- sardo emigrato
    sardo emigrato
    O20 8:21PM -- sardo emigrato
    no alla spazzatura campana in Sardegna
    O20 5:43PM -- frix...
    Per la morte di Giuseppe Casu (lettera aperta a Haidi Giuliani)
    O20 4:23PM -- Francesco "baro" Barilli
    Formazione professionale: migliaia in piazza
    O20 12:12PM -- Radio Ribelle
    Canti tradizionali corsi..........di solidarietà
    O19 2:11PM -- A Manca pro s'Indipendentzia
    Marça de sa paxi
    O19 9:43AM -- Gèsturi - Làconi
    [Cagliari] manifestazione per chiedere lavoro !
    O18 5:43PM -- Radio Ribelle
    il cardinal Pompedda ci ha lasciati
    O18 3:54PM -- Comitato Papa Pompedda
    2 FOTO. Libertà per i compagni sardi e la Sardegna!
    O17 11:58AM -- Sardo rosso
    Nuovo Blog della rivista Camineras
    O15 8:22PM -- Camineras
    Irak, l'informazione che non arriva...
    O15 3:59PM -- ....
    Solidarietà al centro sociale ORSO
    O14 8:38PM -- Segreteria Rapporti Internazionali aMpI
    [CA] David Grossman incontra gli studenti
    O14 8:22PM -- lejba bronstein
    Banditi a Orgosolo
    O14 4:34PM -- Partiolla
    Paese basco: manifestazioni antifasciste. Scontri ad Irunea
    O13 8:29PM -- @
    Giuseppe Casu
    O13 5:14PM -- o
    SITO DEL COMITATO 11 LUGLIO
    O11 9:13PM -- sardo emigrato
    Delirii pro Kim Jong-Il sul blog del Giovani comunisti della Sardegna
    O11 10:22AM -- antifa
    OLTRE LA GALERA
    O11 8:56AM -- Tore Sconamila
    Ortu se ne va
    O09 1:39PM -- prc adieu
    CAGLIARI - 11 OTTOBRE 2006 - SIT-IN: LE IDEE NON SI INGABBIANO!!!
    O09 12:06PM -- a Manca pro s'Indipendentzia
    Abu-limbo
    O07 11:22PM -- Angelo Morittu
    Barcellona ieri, razzi alla polizia
    O07 1:18PM -- @
    Leggere e diffondere-Importantissimo: un uomo e' stato ucciso a Quartu
    O06 3:04PM -- pseudo-clerical
    Racconto detenuti di Nuoro
    O06 11:30AM -- bastagalere
    Mostra "Il Pastoralismo in Sardegna"
    O05 11:56AM -- Filla de pastori (campidanesu)
    comunicato stampa
    O02 4:01PM -- comunicato stampa
    indirizzi
    O02 2:20PM -- sardo emigrato
    Cosa succede in Oaxaca. viva la lotta degli insegnanti
    S30 2:04PM -- io
    manifestazione di rabbia e amore
    S30 1:51AM -- comitato di base
    "Teorema" contro la repressione
    S28 5:43PM -- resoconto
    legato in psichiatria per sette giorni. morto
    S28 10:15AM -- srdn
    Interrogazione sull'inchiesta contro a manca
    S28 10:15AM -- MOI
    sabato concero benefit pro "Cassa Solidarietà"
    S27 7:08PM -- AFDA
    Si terrà nei pressi di Marta la tre giorni organizzata da Forza Nuova
    S27 6:36PM -- odioifasci
    Solidarietà alle dipendenti della regione sardegna
    S26 10:10PM -- SardusInFabula
    La Sardegna non è in vendita
    S26 11:02AM -- Comitao per gestione popolare
    Actes d'Estat Català per commemorar la Diada Nacional de Catalunya
    S26 3:21AM -- Secretariat d'Estat Català
    INCONTRI per TARRIO
    S25 10:05PM -- un(A)
    PESTAGGI IN CARCERE A NUORO - dallo Spazio di Documentazione di Cuneo
    S24 2:00PM -- Paolo Dorigo n.302 progressivo
    Lettera aperta dal carcere di Nuoro
    S24 12:19AM -- Spazio di documentazione - Cuneo
    Un aiuto al piccolo Roberto
    S23 9:54AM -- SardusInFabula
    [CA] Incontro con Giulietto Chiesa sull'11 settembre
    S21 3:10PM -- Cittadino
    In paris cun su cumpanju-patriotu Massimu Nappi!
    S19 7:56PM -- Tzírculu 28 de Abrili
    COMUNICATO STAMPA: CON MASSIMO!
    S19 12:36PM -- a Manca pro s'Indipendentzia
    Po su sportu populari
    S18 12:50AM -- Sindigau Sardu
    Fiat ariserus
    S18 12:38AM -- ausenti
    SOLIDARIETA' DA POLITICI TOSCANI
    S15 9:04PM -- Segreteria Rapporti Internazionali aMpI
    criticalmass cagliari
    S15 12:02PM -- andrea olla
    sciopero detenuti di Fossombrone
    S15 12:14AM -- io
    [La Maddalena] Gli USA buttano acqua contaminata nelle acque dell'arcipelago
    S13 1:25PM -- Mesupetza
    Poligono da potenziare...(?!?!!)
    S13 4:20AM -- Notturno
    [Estat Català] Fotos 11 de Setembre, Catalunya.
    S13 4:01AM -- Estat Català
    L'ultima frontiera
    S11 11:10PM -- Elias
    Zapatero in Spagna - Soru in Sardìnnia?
    S11 4:41PM -- Ricevo e inoltro
    Paese basco:detenuto in sciopero della fame fino alla fine.
    S11 3:01PM -- io
    Per aldo scardella
    S11 10:38AM -- cagliari civile
     
    Leggi gli altri articoli

    Ultimi commenti

    Articoli nascosti
     
    ©opyright :: Independent Media Center
    Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
    All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
    .: Disclaimer :.

    Questo sito gira su SF-Active 0.9