Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

CD GE2001 - un'idea di Supporto Legale per raccogliere fondi sufficienti a finanziare la Segreteria Legale del Genoa Legal Forum


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
CATASTROFI NATURALI E MEDIA 04/09/2005

I bianchi trovano, i neri rubano

Nei sempre piu' frequenti gravi eventi che caratterizzano il clima mondiale, i media sono prontissimi a parlare della "forza della natura", o del pianeta "che si riprende la rivincita sull'uomo", o ad usare drammatizzazioni simili. L'obiettivo e' quello di farci credere che queste tragedie siano inevitabili e non dipendano invece dai danni causati dal sistema produttivo industriale. Come se il riscaldamento globale fosse un fenomeno naturale.
L'uragano Katrina che in questi giorni ha colpito gli USA ha causato una tragedia di enormi proporzioni. Anche in questo caso non si puo' certo parlare di un evento imprevisto, e per di piu' le gravi conseguenze che un fenomeno simile avrebbe causato in quelle zone degli USA erano state previste.
L'evacuazione della citta' di New Orleans e' stata condizionata al possesso di mezzi di trasporto privati. Gli abitanti piu' poveri della citta' sono stati abbandonati a se' stessi. Nell'organizzatissima America, decine di migliaia di persone sono state inviate in un centro di accoglienza con la promessa di venire evacuate dalla citta', e per 3 giorni non hanno visto arrivare un autobus. Questo viene descritto nel blog di un internet provider di New Orleans ancora in funzione.
Ma stavolta nemmeno i blog, perlopiu' scritti da bianchi benestanti, sono riusciti a compensare la distorsione dei media mainstream, ne' a dare voce a chi non ha accesso ai mezzi di comunicazione. In questi giorni i media mainstream ci mostrano gente che viene minacciata con un fucile e ci dicono che la polizia ha a che fare con degli sciacalli, mentre le immagini mostrano chiaramente gente che va in giro con dei vestiti o del cibo. Le didascalie e i titoli delle fotografie cambiano a seconda del colore della pelle delle persone ritratte: i neri rubano, i bianchi trovano. In certi casi anche la polizia si da' al saccheggio (nel caso specifico un poliziotto e' stato visto impossessarsi di un computer portatile e di un televisore; cercare l'articolo: "Even a cop joins in the looting").

Comparazione tra il modo in cui sono state trattati dai media internazionali i due eventi accaduti quasi contemporaneamente (l'uragano negli USA e il crollo del ponte a Baghdad).

Report audio (inglese) da Pacifica Reporters Against Censorship / Free Speech Radio News

La Cina ha evacuato 1.200.000 persone per un uragano. Sempre in Cina, le inondazioni quest'anno hanno causato oltre 1000 morti.

Gran parte dei link sulla questione in questa feature e nel web rimandano ad articoli in inglese. Chi ha la possibilità di tradurre parte del materiale, anche in maniera sintetica, contatti la mailing list italy-editorial o pubblichi direttamente nel newswire.

AGGIORNA QUESTA FEATURE
commenta e contribuisci alla ftr!
SOTTO ATTACCO 04/05/2005

Indymedia sequestrata? Mah!

[English]

Ultim'ora
Al momento Indymedia Italia è raggiungibile nonostante l'attacco informatico (DDOS) che sta subendo dal primo maggio 2005 e nonostante le agenzie di stampa ne abbiano annunciato il sequestro.
Ciò non toglie che nelle prossime ore Indymedia Italia potrebbe non essere più raggiungibile a causa dell'ordine di sequestro per il quale è stata inviata una rogatoria internazionale.
A pochi mesi di distanza dal sequestro degli hard-disk di Indymedia Italia comandato dal Fbi e nel giorno in cui una sentenza della cassazione dichiara tutte le religioni sullo stesso piano, un solerte pubblico ministero romano, Salvatore Vitello, ipotizzando i reati di vilipendio della religione cattolica e di vilipendio della figura del Papa, chiede a gran voce che indymedia sia chiusa.

Il motivo?
Un fotomontaggio che ritrae il papa con una divisa da nazista. La lunga ondata clerical-nazionale scatenata dalla morte di Giovanni Paolo II e dall'elezione di Benedetto XVI, avrebbe dovuto far omologare tutti.
Adesso ci toccherà spiegare ancora una volta a giudici asserviti il sovversivo concetto di pubblicazione aperta e che Indymedia non opera alcuna forma di censura.
La cosa è ancora più paradossale se si considera che durante gli incontri di prerarazione sul World summit sull'Informazione che si terrà a Tunisi dal 16 al 18 novembre, il ministro dell'Innovazione Stanca ha dichiarato che l'Italia chiederà che i governi del mondo si astengano dal controllare la rete.

Approfondimenti
Suggerimenti al Pm
p2p sotto attacco || 2
Nuovo ordine digitale
Censura e controllo in rete

Aggiornamenti su Radio Onda Rossa e Radio Onda d'Urto

Reazioni e stampa
La destra esulta|| L'Unità|| Reuters|| Adnkronos|| Tgcom|| Considerazioni dal newswire|| Liberazione|| Il Manifesto

> AGGIORNA QUESTA FEATURE! <
Inserisci personalmente i link che ritieni pertinenti nel post:
INDY SEQUESTRATA?

INFORMAZIONE: PRESSIONI E REPRESSIONI 23/02/2005
ALT

Voci prigioniere

Dall'inizio della guerra in Iraq sono morti 47 giornalisti, 32 nell'ultimo anno. Vengono uccisi i giornalisti indipendenti e quelli filooccidentali. Impossibile stabilire chi o che cosa fa la differenza fra la vita e la morte in Iraq. Una cosa è certa: la libertà d'informazione è considerata una forza nemica: chi insiste, rischia a sue spese. Diversi governi hanno consigliato ai loro giornalisti di non andare nel paese, e alcuni di quelli che sono andati restano nei loro hotel lasciando che siano altri occhi a guardare e rischiare per loro.
Il Governo Italiano ha recentemente apportato delle gravissime modifiche al codice penale militare che sventolano pene fino a 20 anni di carcere militare per chi racconta ciò che avviene nelle zone di guerra, come denunciano i firmatari della petizione contro il codice. La pressione si fa sentire su tutti i media iracheni così come su Al Jazeera, in via di privatizzazione. A testimoniare quello che si configura come il massacro dell'informazione perpetuato da Bush e alleati, restano sul campo solo i giornalisti indipendenti. E dopo l'intervento dei servizi segreti, non ci sono piu' giornalisti italiani in Iraq.

Il mondo dell'informazione viene investito anche dalla 'strategia' dei sequestri; dopo la liberazione dei reporter francesi Chesnot e Malbrunot, non si hanno piu' notizie di altri quattro giornalisti rapiti. Il sequestro piu' recente e' quello di una giornalista irakena (di cui forse e' stato rinvenuto il corpo), mentre sono stati rilasciati i due giornalisti indonesiani rapiti alcuni giorni fa. Poco tempo prima era toccato alla francese Florence Aubenas e alla giornalista de Il Manifesto Giuliana Sgrena, sequestrata lo scorso 4 febbraio. Abbiamo visto tutti il video in cui Giuliana e' stata costretta a dire una verita' gia' scritta piu' volte sulle pagine del suo giornale: il popolo iracheno e' contrario all'invasione e sta soffrendo lutti e distruzioni inaccettabili a causa della "democrazia" portata dall'Occidente. Ci chiediamo quale senso vi sia nel sequestrare una giornalista che sta raccontando, e non da ieri, la sofferenza della popolazione irachena; quella stessa popolazione che i sequestratori dicono di voler difendere. E ci domandiamo come si possa pensare che il governo guerrafondaio italiano e la inutile opposizione parlamentare vogliano cambiare la loro politica di sottomissione agli USA in modo da consentire finalmente la liberazione dell'Iraq e di Giuliana, dopo il sostegno all'invasione statunitense e dopo le devastazioni gia' inflitte.

Sabato 19 febbraio 2005 si sono tenute in tutta Italia manifestazioni e iniziative per la liberazione di Giuliana, Florance, Hussein, di tutti gli ostaggi e del popolo iracheno. In particolare, a Roma centinaia di migliaia di persone hanno dato vita ad una grande manifestazione.

Dopo un mese in ostaggio, Giuliana Sgrena e' stata liberata.
Mentre veniva trasportata dai servizi segreti italiani verso l'aeroporto, una pattuglia americana fa fuoco sul piccolo convoglio, ferisce lei e due agenti del sismi, ne uccide un terzo, Nicola Calipari.
Incidente o avvertimento "mafioso"?.
Che venga liberato il popolo iracheno e con esso tutti gli ostaggi di questa guerra.

>> PARTECIPA ALL'AGGIORNAMENTO DI QUESTA FEATURE! <<

Inserisci personalmente i link che ritieni interessanti e pertinenti commentando il post dinamico > :: FUOCO AMICO ::

Dal Newswire: Raccolta di resoconti, foto e opinioni
CHIAMALI DIRITTI UMANI 23/04/2004
ALT

Internauta? in galera!

La Tunisia è stata scelta per ospitare la seconda parte del WSIS, il vertice ONU sulla società dell'informazione. Investitura paradossale, per uno dei paesi che reprimono* a colpi di galera le persone che usano Internet.
Che fosse una scelta infelice, si era già capito nella prima parte del WSIS a Ginevra, quando le delegazioni ufficiali tunisine si aggiravano molestando le voci critiche e facendo sparire ogni documento che denunciasse la censura e le violazioni dei diritti umani.
L'ultimo caso di cronaca riaccende la polemica: 8 studenti e un professore sono stati condannati a pene pesanti (da 19 a 26 anni di galera) per "terrorismo". Unica prova: alcune pagine scaricate dalla Rete. Secondo l'accusa, gli studenti stavano "cercando un contatto con Al Quaeda". Secondo la difesa, si interessavano ai destini della Palestina e per questo si erano fatti aiutare dal loro professore a trovare informazioni anche sulle armi usate dai kamikaze.
Gli otto hanno denunciato di essere stati torturati, ma il tribunale ha negato loro una perizia medica.

:: tutta la storia (in francese) su tunezine.com ::

approfondisci
comunicato associaz. tunisina contro la tortura -- comunicato reporters sans frontiéres -- parla la madre di uno degli studenti condannati

catalogo della vergogna: prigionia politica in Tunisia
repertorio di chi e' dentro e perchè -- la storia di karim harouni -- manco un letto

BUENOS AIRES 14/12/2003
ALT

Un piquete nell' etere

L' inaugurazione di una cisterna d'acqua nel barrio di San Rudecindo, a Florencia Valera nella Gran Buenos Aires, e' diventata l' occasione per il debutto di Canal 4, la prima TV piquetera. Dai blocchi stradali alla riappropriazione delle frequenze un unico filo conduttore per riappropiarsi delle spazio dominato dai monopoli della comunicazione e del diritto a prendere la parola. Un esperimento low-fi per dare voce a chi non puo mai esercitare la 'liberta' di parola' nel momento stesso in cui si fanno sempre piu' martellanti le campagne criminalizzanti di stampa e tv a carico del movimento piquetero.

leggi la storia completa

[   Archivio completo delle feature   ]
italy-imc (top)
Radio/TV
Agenda
Vai all'Agenda »
media   nw

Pubblica
il tuo articolo


Sapevate che Putin e' un ignorante che non merita la vita?
O22 10:15PM -- sapevatelo
Enigmi.net adotta un bambino a distanza
O19 10:28PM -- electra
giornaleradio di ondarossa
O19 7:59PM -- ror 87.900
OPERANUDA intervento kaotico alla FESTA DI ROMA
O19 4:12PM -- FASHION CLOWN
FESTA M F F A SAVONA
O16 11:03AM -- mff @ savona
gr di radiondarossa
O12 8:07PM -- radiondarossa
Certo che il digitale terrestre è il progresso: ma che c'entra Rete4 con il progresso?
O12 5:32PM -- Cav. Silvio Berlusconi
cultures of resistance | call for footage
O11 6:40PM -- mfnw
Corta Resistenza
O11 4:34PM -- InOutSide
Riott ha già cominciato a sparar cazzate. Corea 1
O09 9:00PM -- Un fan
[TO] Ricomincia l'informazione su radioblackout
O09 11:02AM -- blackouttiano
Massimo Del Papa, giornalista o diffamatore?
O07 10:14AM -- Massimiliano Morini
Radio Città - chiude
O01 1:19PM -- radio città
Direttore dell'ente pubblico per l'informazione: "la libertà di stampa in Iraq esiste
S28 3:29PM -- .................
In diretta streaming dalla Palestina
S26 3:10PM -- lipordu
Perchè anche "Confronting the Evidence" è una cagata pazzesca.
S25 11:57PM -- mazzetta
9/11: Report spacca il fronte delle teorie alternative
S24 7:47PM -- Gabanello
"Radio Libere, ma libere veramente"
S23 5:25PM -- rhacktive
Di Nunzio, Repubblica e Osama morto
S23 3:57PM -- che schifo
Lottizzata la Rai
S21 6:24PM -- Bolscevico
Quadruplicate le visite al blog di Massimo Del Papa
S19 12:13PM -- Marcello
Il guru di LC annaspa in attesa della bomba atomica.
S19 12:11PM -- sgnaus
ATTACCATO http://www.madhattersimc.org/
S19 4:56AM -- ziongoogle
Mazzucco ustionato da una pozza di metallo fuso!
S18 9:52AM -- pompiere
BitTorrent User Pleads Guilty!!!!!
S16 4:48AM -- hack
Le "Nubi piroclastiche" bruciano i fusibili.
S15 3:23PM -- mazzetta
SMONTA LA PUBBLICITà
S14 5:50PM -- android
un'altra sparatoria a Dawson College in Montreal
S14 2:36AM -- colombino
La battaglia di Stalingrado
S13 5:39PM -- yuri
Mentana: " Ho fatto un sacco di audience"! Una fiction di successo.
S13 1:51PM -- 911 show
 
Leggi gli altri articoli

Ultimi commenti

Articoli nascosti
 
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9