Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
35 anni fa: Mexico city 10/03/2003
ALT

La noche de Tlatelolco

10 mila persone a protestare in piazza per sostenere la rivolta degli studenti. Una piazza troppo piccola. Un regime che fa largo uso del potere militare e che sta svendendosi agli Stati Uniti. Partono gli elicotteri e i carri armati ed è mattanza: il 2 ottobre 1968 rappresenterà per sempre la più crudele, sanguinosa repressione del movimento studentesco. Muoiono in 500 (ma erano "solo" 250 per la Cia), ma la cifra non venne mai confermata: i cadaveri vennero fatti sparire e le fotografie nascoste per 30 anni, vennero alla luce solo quando il fotografo morì. A 35 anni da quella giornata, i responsabili della repressione restano impuniti, nonostante di tratti di persone note, agli ordini dell'allora presidente della republica Gustavo Diaz Ordaz, e nonostante la strage fosse stata programmata a tavolino per stroncare un movimento che da tre mesi stava mettendo a rischio l'immagine di un Paese che doveva far finta di essere normale, per accogliere le Olimpiadi e i miliardi dell'industria dello sport.
Il 2 ottobre è stato trasmesso su Canal Once un documentario con immagini ancora inedite che serviranno per identificare i responsabili.
Le immagini del massacro del 2 ottobre 1968.
PALESTINA 27/09/2003
ALT

Nel posto sbagliato

E' morto Edward Said, un intellettuale che ha difeso l'autodeterminazione palestinese contro l'occupazione di cui fu vittima in prima persona.
Ha vissuto in esilio negli USA fino alla notizia della leucemia che lo ha ucciso, senza perdonare nulla al potere americano e opponendosi ad ogni imperialismo, fino alla guerra in Iraq. Impegnato nel processo di pace fino a Oslo (1993), non ha ceduto al nazionalismo arabo e ha denunciato ogni potere fondato sull'oppressione della propria gente, da Saddam a Arafat. A costo di trovarsi sempre nel posto sbagliato.

Gli interventi di Edward Said (da Internazionale)
biografia in inglese
raccolta di articoli in lingua originale

SACCO E VANZETTI 22/08/2003
ALT

23 agosto 1927: giustizia americana

23 agosto 1927. Nel penitenziario di Charlestown due uomini vengono 'giustiziati' sulla sedia elettrica, per un omicidio mai commesso. Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti furono accusati senza prove né testimoni validi: unica colpa quella di essere emigrati e anarchici, negli Stati Uniti degli anni '20 infestati dagli "sporchi rossi".

Così parlò Vanzetti davanti ai giudici durante l'ultimo processo:
"Non augurerei nemmeno ad un cane o ad un serpente o al più misero e sfortunato degli esseri viventi, la sofferenza che mi è capitata per fatti di cui non sono colpevole. Ora ho capito, invece, che soffro perchè sono colpevole. Sto soffrendo perchè sono colpevole di essere un rivoluzionario, ed indubbiamente lo sono; sto soffrendo perchè sono italiano, ed indubbiamente ero e sono un italiano; sto soffrendo molto più per la mia famiglia e per i miei cari che per me stesso; ma sono sinceramente convinto di aver ragione, al punto che se mi condannassero due volte, e se potessi rinascere altre due volte, vivrei nello stesso modo, come ho fatto fino ad oggi".

.:Approfondimenti:.

in italiano: 1 | 2 | 3 | 4 | 5

in inglese:
- Sacco-Vanzetti project
- Red scare
- Italian Immigration
- 1917: Immigration Act
- About Sacco and Vanzetti
- The trial of Sacco and Vanzetti
- The Red Scare of 1919-1920 in Political Cartoons
- Red Scare (1918-1921) is an Image Database
- How Did Women Peace Activists Respond to "Red Scare" Attacks during the 1920s?

UNA VITA DALLA PARTE DEL TORTO 19/05/2003
ALT

Ciao Luigi

Una vita piena e legata al novecento. Una esistenza coerente, un rigore morale non moralista.
Luigi Pintor da giovane è diventato comunista e lo è stato per tutta la vita. Perso il fratello Giaime nella guerra di Liberazione, è entrato nei GAP e ha vissuto l'occupazione con una pistola in tasca. Catturato dalla banda Koch e condannato a morte, si è salvato per l'arrivo delle truppe anglo-americane a Roma. Da grande ha fatto il giornalista, scrivendo per "l'Unità ". Espulso dal PCI, ha dato vita al gruppo de "il Manifesto", giornale che ha diretto e per il quale ha scritto sempre. Luigi Pintor è¨ stato anche scrittore e tanto altro ancora...

Una vita fatta di parole e di gesti, spesa a costruire una continua resistenza. Dai primi articoli degli anni 70 alla scelte difficili della politica, dal sequestro Moro, alla crisi della sinistra, suo impegno sempre costante, fino all'ultimo suo editoriale.
Un rapporto con la sinistra istituzionale mai rotto, come un cordone ombelicale che si trascina negli anni: da questo gli derivava quel suo pungolo, che si è andato facendo sempre più pressante col governo berlusconi e le sue scelte.
La politica italiana è stata una delle sue costanti, e la sua coerenza non faceva sconti a nessuno, neanche davanti alla morte, quando tutti gli altri si inchinano. Ma il suo impegno più grande è stato contro la guerra, lui che l'aveva vissuta: che fosse umanitaria o di aggressione, in afganistan come in iraq.
Una lucidità mai interotta, neanche quando tutti confondono il torto con la ragione: per questo sempre dalla parte della palestina quando tutto il mondo si dichiara ebreo in nome di un 11 settembre che annulla differenze e distanze e produce tragedie. Parole spese non solo sui giornali ma anche in libri, una trilogia per rivivere i propri passi, rifare il cammino all'incontrario, "ricominciare da capo" per rivivere qualcosa che si è già vissuto per dargli una via d'uscita: servabo(1991) , La signora Kirchgessner (1998), il nespolo (2001).

approfondimenti
intervista a Pintor sul comunismo || hanno detto di Pintor

[   Archivio completo delle feature   ]
italy-imc (top)
Radio/TV
Agenda
Vai all'Agenda »
culture   nw

Pubblica
il tuo articolo


Ferrandiani in minoranza nel Lazio
O22 9:54PM -- Carmine Pitti
40 anni fa: l'alluvione di Firenze
O22 8:41PM -- viviana
Giovanni Lindo Ferretti ora è neo-con e tifa Ratzinger
O22 7:01PM -- da La Stampa
Il monopolio del copyright
O22 4:06PM -- viviana vivarelli
Questa democrazia non s'ha da fare!
O22 12:40PM -- viviana vivarelli
resta allarme sull'art. 32 del diritto d'autore
O22 8:18AM -- viviana vivarelli
Gli spiccioli di Vicenza
O21 1:52PM -- viviana vivarelli
Registrazione incontro con Alan Woods: la rivoluzione in America Latina
O20 7:07PM -- ideelibre
Stralciata dalla Finanziaria l'orrenda aggiunta alla legge sul copyright
O20 4:49PM -- x x
Dell'aggiunta alla legge sul diritto diautore
O20 8:22AM -- viviana vivarelli
incontro con ALAN WOODS a milano
O19 9:51AM -- Ą ń Ť ŏ ñ į ő
il CANTIERE, foglio murale
O18 7:10PM -- aula carlo giuliani
"Raniero Panzieri, un uomo di frontiera "
O18 6:43PM -- Incontrotempo3
il cardinal Pompedda ci ha lasciati
O18 3:54PM -- Comitato Papa Pompedda
Venezuela alla Biennale
O18 3:08PM -- bolivar
Crisi croniche
O17 1:45PM -- tc
Dove va Rifondazione?
O16 5:16PM -- nuovo numero della rivista Erre
come si ditrugge la scuola
O16 12:21PM -- insegnante precario
“Sport: socialità, comunicazione o repressione politica?”
O16 10:33AM -- Incontrotempo3
“Letteratura a progetto. Come si scrive precarietà?”
O16 12:28AM -- Incontrotempo3
 
Leggi gli altri articoli

Ultimi commenti

Articoli nascosti
 
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9