Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
DIMENSIONE CARCERE - Aggiornamenti su Indymedia 19/01/2006
ALT

Il numero dei morti in carcere aumenta nel silenzio del mondo esterno. Le proteste, anch'esse avvolte nel silenzio dei media. Un mercato, mascherato da istituzione pubblica.

Features su Indymedia
- Scalzone per l'amnistia
- L'ascesa di San Patrignano al carcere privato
- Sulmona, il carcere uccide ancora
- Carcere di Biella: vietato leggere
- In carcere si muore... di "aritmia maligna"
- Il carcere di Nuoro

Approfondimenti:
- Leggi il dossier di Indymedia sul carcere e le precedenti feature
- Statistiche sulla popolazione detenuta e condannati in misura alternativa al giugno 2004
- Dossier Antigone: sovraffollamento e degrado regnano sovrani
- Leggi e scarica lo studio "sul filo del rasoio"
- Gruppi Operativi Mobili, i GOM
- Leggi "Il carcere come scuola di rivoluzione" di Irene Invernizzi

Collegamenti: Filiarmonici | Papillon | Odioilcarcere | Ristretti | Oltre le sbarre | Prigionieri (TMCrew) | Anarcotico | Antigone | Dentro e fuori le mura | Giùmura giùbox

Post del 2005

Post Dinamici Tematici
Testimonianze
Rivolte
Carcere e politica
Iniziative
Carcere di Nuoro 10/08/2006
ALT

Diritti e legalità in un carcere moderno

Nuoro 23 gennaio 2000 - Luigi Acquaviva, 46 anni, si impicca in cella di isolamento dopo essere stato vittima di un pestaggio.
I parlamentari locali nel 2001 lamentarono l'eccessivo rigore presente nel carcere e il 7giugno ci fu su richiesta del procuratore di Nuoro il rinvio a giudizio di 8 agenti di polizia penitenziaria.
Per uno di essi l'accusa è di omicidio colposo, per gli altri sette di lesioni.
Nel 2002 due reclusi dichiararono ai giudici di essere stati picchiati da un gruppo di agenti, 10 guardie carcerarie vengono rinviate a giudizio accusate di violenza privata.
14 Marzo 2006 "Mettiti in ginocchio, prega la Madonna e bacia la bandiera italiana" questo quanto avrebbe detto una guardia carceraria a un detenuto maghrebino di fede musulmana.
In tutti questi anni, i detenuti del carcere di Badù e Carros hanno fatto di tutto per attirare l'attenzione sul tentativo di portare la legalità istituzionale (p.22483) all’interno dell’istituto, ma le cose non sono cambiate , anzi sono peggiorate ulteriormente fino al 14 luglio 2006, quando è iniziato uno sciopero della fame in seguito al pestaggio di un ragazzo in presenza di un ispettore e di alcuni agenti di polizia penitenziaria.
Fino ad oggi le rivendicazioni e le promesse fatte dalla direzione si sono rivelate nulle nonostante la tortura sia ritenuta un crimine contro l'umanità sancita dall'art 27 della Costituzione.

Approfondimenti: Suicidi in carcere 2006

Contribuisci
Inserisci direttamente i link e i materiali pertinenti
ODIOILCARCERE 24/12/2005
ALT

Capodanno sotto Rebibbia

Anche quest'anno la mattina del 31 dicembre dalle 11 alle 15 Roma si ritrova sotto il carcere di Rebibbia.
Le condizioni interne alle carceri italiane peggiorano anno dopo anno e, se possibile, ancora peggiore sarà la situazione che si verrà a creare in seguito all'attuazione della legge ex-Cirielli, approvata dal Palamento a fine novembre.
La già drammatica condizione in cui versano i detenuti e le detenute, giunte ad un livello di sovraffollamento mai riscontrato nella storia del nostro paese, è destinata a diventare esplosiva se consideriamo le previsioni che da più parti si fanno: un incremento di 20.000 detenuti e detenute. Oltre a questo, questa legge accentua il carattere classista del carcere, assicurando una relativa impunità per alcuni reati e prolungando la carcerazione per i recidivi (coloro che compiono lo stesso reato più di una volta) della cosiddetta microcriminalità.
Per il quarto anno consecutivo odioilcarcere da appuntamento per l'ultimo giorno dell'anno sotto il carcere di Rebibbia, per trascorrere la fine dell'anno a fianco dei detenuti e delle detenute e per urlare ancora una volta che un mondo possibile dev'essere un mondo senza galere.

Continua in categoria Roma
AMNISTIA 25/04/2005
ALT

Un messaggio contro le galere

“La differenza tra me e Pannella è che lui con lo sciopero della fame vuole ottenere delle risposte dalla società politica sulla situazione delle carceri e per ottenere un provvedimento di clemenza. Io con il mio sciopero della fame voglio mandare un messaggio a tutti coloro che in passato o nel presente, nella sinistra o nei movimenti, possono dire o fare qualcosa per rompere questo assordante silenzio sull’amnistia e sulle carceri”.
Con queste parole il 7 aprile 2005 Oreste Scalzone inizia lo sciopero della fame a favore dell'amnistia e l'indulto.
In Italia infatti vige una legge che consente un provvedimento di amnistia o di indulto solo in caso di approvazione da parte di almeno due terzi delle Camere, cosa, al momento, inverosimile. Con lo scopo di far riprendere il dibattito sull'amnistia, mentre la situazione carceraria italiana si fa ogni giorno piu' grave, ci sono stati sit-in e proteste all'interno dei penitenziari.
Di recente apparizione l'appello per sostenere l'iniziativa di Scalzone.
Concluso lo sciopero il 30 aprile

intervista a Scalzone su Radio Onda d'Urto
firma l'appello
MIRACOLI A CASTELFRANCO 01/03/2005
ALT

L\\\'ascesa di San Patrignano al carcere privato

Verrà inaugurato il 21 marzo, a Castelfranco Emilia (Modena), il primo carcere per detenuti tossicodipendenti gestito dall'Amministrazione Penitenziaria insieme alla comunità di San Patrignano. Una struttura di custodia improntata al lavoro manuale all'interno dei 16 ettari di campi, vigneti e stalle, che ricorda da vicino le Aziende-Carcere americane, diventate ormai un vero e proprio business nell'economia statunitense.
Secondo le parole del ministro Giovanardi, si tratta di una struttura per il recupero dei detenuti tossicodipendenti condannati a pene detentive, che non permettano l'assegnamento alle comunità.
In realtà, questo trattamento è già in atto da più di un decennio all'interno dei reparti di custodia attenuati esistenti un po' ovunque in Italia, dove vengono attuate terapie scalari volte al reinserimento del tossicodipendente e non alla cristallizzazione del suo status. Non si capisce quindi l'obiettivo del carcere di Castelfranco se non come logica conseguenza della legge Fini sulle droghe... che prevede la carcerazione di massa per il solo uso di sostanze, ma che risulta per ora inapplicabile a causa del sovraffollamento.
Una legge che equipara sostanze leggere e pesanti, prevede il carcere per i consumatori, attacca il servizio pubblico e le strategie di riduzione del danno, privilegiando strutture private e terapie basate sulla coercizione ed il lavoro coatto.

Mobilitazioni
:: 21 marzo :: Castelfranco/ inaugurazione tra le proteste | occupata la Via Emilia Roma/ Occupato dipartimento politiche anti-droga | audio ondarossa global | 15:30, Via Arenula Presidio/Performance davanti al ministero
:: 20 marzo :: Anarchici contro il carcere | SaperiTossici
:: 3 marzo :: Riunione dell'MDMA per la mobilitazione di Castelfranco del 21 marzo

MDMA: prossimi appuntamenti

News & commenti dal Newswire
- Pantelleria: 23enne arrestato si suicida
- Rassegna stampa della settimana - dal Manifesto / San Patrignano, Gasparri e il popolo dei Lautieri
- Il commento della regione Emilia-Romagna
- Apre carcere per tossicodipendenti gestito anche da San Patrignano
- Audizione al Senato sulle proposte di modifica della normativa sugli stupefacenti
- da Liberazione / La privatizzazione della pena passa per San Patrignano
- da Vita / Droghe: ecco il piano "svuota carceri"
- dal Manifesto / Berlusconi verso un "Ministero della Droga"...
- Documentazione sulla riduzione del danno

Approfondimenti:
- Brevi cenni su San Patrignano
- da Carta / Il nuovo "giocattolo" di Muccioli junior, una comunità che si chiama carcere
- Morire di San Patrignano...

[   Archivio completo delle feature   ]
italy-imc (top)
Radio/TV
Agenda
Vai all'Agenda »
carcere   nw

Pubblica
il tuo articolo


Carceri: Mancino, misure alternative
O20 4:44PM -- Mancino no global!
Presidio e corteo a milano - 21 ottobre
O20 8:25AM -- cccpsri ,coord palestina ,olga
I nuovi treni (schianto-type) della metro di Roma
O18 10:41PM -- Damiens
per la liberazione di Georges I.A.
O18 6:25PM -- coord pal, cccpsri, olga
Suicidi in carcere 2006
O18 5:59PM -- hlns
La tortura è sempre presente nelle galere di questo paese!!!
O17 2:43PM -- luke
indicazioni tribunale di bergamo?
O17 1:47PM -- da fuori
DIARIO di UN PRIGIONIERO F.I.E.S.
O17 11:05AM -- Comitato Anarchico di Difesa e Solidarietà
[carcere] morire a secondigliano
O17 12:19AM -- drt
Suicidi in carcere 2006
O16 11:44PM -- (((i)))
 
Leggi gli altri articoli

Ultimi commenti

Articoli nascosti
 
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9